Bimbimbici 2016

Dopo la pedalata che parte piazza Fontanesi.... Festa al Bosco Urbano in via Marsilio da Padova - quartiere S.Prospero, gestito da nostri volontari.
All’arrivo merenda per i bambini partecipanti e giochi ed animazione a cura di Legambiente

.

 
CONCORSO: SCRIVI TU l'ECO T-SHIRT PER LEGAMBIENTE

Legambiente ha dato il via ad un concorso per la scelta della frase più bella da stampare sulle nuove magliette dell'Associazione, le quali dovranno essere, naturalmente, attinenti ai principi fondamentali che da sempre ci caratterizzano: la tutela e la valorizzazione dell'ambiente. La frase migliore sarà premiata con una t-shirt personalizzata in omaggio e il riconoscimento della diffusione del proprio messaggio su ogni nuova maglietta ufficiale di Legambiente!

 

abbiamo già un vincitore.... COMPLIMENTI!!


 
il 17 aprile: Ferma le Trivelle

Gli 89 sindaci dell’Associazione Comuni Virtuosi aderiscono alla staffetta dei sindaci promossa da Legambiente per il Sì al referendum del 17 aprile.

In Emilia Romagna il tema ci riguarda più che altrove: Legambiente chiede a Sindaci ed amministratori della regione, di prendere una posizione pubblica sul quesito referendario e di non favorire l'astensione.

Le dimissioni del Ministro Guidi dimostrano ancora una volta come le estrazioni siano un business per pochi, fatto a spese del territorio.

Gli 89 comuni dell’Associazione Comuni Virtuosi hanno risposto all’invito di Legambiente e aderito alla staffetta dei sindaci per il Sì al referendum del 17 aprile, promossa dall’associazione ambientalista.

L’obiettivo di questa staffetta, al vigilia del referendum sulle trivellazioni in mare entro le 12 miglia, è di dare voce a chi meglio conosce il territorio e i cittadini e ha scelto di puntare su un modello energetico democratico e sostenibile, capace di rispondere ai fabbisogni locali grazie a un mix di tecnologie rinnovabili ed efficienza energetica.

Entro le 12 miglia, lungo le coste dell’Emilia Romagna ci sono ad oggi 15 concessioni di estrazione di gas (nessuna di petrolio) per un totale di 47 piattaforme collegate a 319 pozzi di estrazione. Un numero enorme, pari quasi alla metà di tutte quelle presenti sul territorio nazionale, che però contribuisce in maniera insignificante al fabbisogno nazionale e nulla potrebbe in caso di crisi energetica. La produzione di Gas degli impianti attivi entro le 12 miglia in Emilia Romagna, nel 2015, è stata infatti di solo 1,15 miliardi di Smc. Se si confronta il dato la quantità di gas estratto a livello nazionale, pari a circa 62 miliardi di Smc nel 2014, si evince che l’incidenza della produzione delle piattaforme regionali ricadenti nel quesito referendario, è pari a poco più dell’1,8% dell’intera produzione nazionale di gas, e copre non più dell’ 1,7% dei consumi nazionali lordi. Si tratta di estrazioni che peraltro si inseriscono in un territorio in cui esiste già una fortissima subsidenza (l'abbassamento del suolo) che mette a rischio fisicamente le aree e l'economia fronte mare.

Le dimissioni del Ministro Guidi, dimostrano ancora una volta come le estrazioni di idrocarburi siano un affare per pochi, che speculano a spese dei territori. L’esempio sono i danni economici causati dalla subsidenza: alcuni studi riportano come l’abbassamento di 1 centimetro all’anno comporta, nello stesso periodo, una perdita di 1 milione di metri cubi di sabbia su 100 km di costa, che significa spendere annualmente 13 milioni di euro per il ripascimento delle spiagge, contro i 7,5 milioni di euro all’anno ottenuti come Royalties dalle compagnie petrolifere.

Anche Legambiente Reggio Emilia chiede che i Sindaci reggiani prendano una posizione sul referendum del 17 aprile.

“La nostra regione – sottolinea Massimo Becchi presidente di Legambiente Reggio Emilia – è quella più coinvolta nel quesito referendario, con 47 piattaforme di estrazione gas attive entro le 12 miglia, principale causa antropica della subsidenza della costa. L’auspicio è che i Sindaci – anche dei comuni non costieri - prendano una posizione pubblica sul quesito referendario, portando le ragioni dei territori”.

Legambiente Reggio Emilia ha già cominciato ad organizzare, in previsione del referendum del 17 aprile, punti d‘incontro e divulgazione di materiale informativo presso i mercatini del Riuso in Polveriera e i mercati settimanali di Reggio e Provincia tra cui Reggio Emilia, Quattro Castella, Correggio, Casalgrande e Montecavolo. Seguiranno il mercato contadino del 9 Aprile e per tutto il periodo precedente le votazioni, altri mercati della Provincia di Reggio. Chi vuole contribuire alla sensibilizzazione può contattare il nostro ufficio al mattino dalle 9 alle 13 al numero 0522.431166  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Il nostro futuro energetico è tema centrale in Emilia Romagna, a maggior ragione in un momento in cui l'assessorato regionale alle attività produttive sta mettendo mano al percorso di rivisitazione del piano energetico. Percorso che finora non ha visto coinvolto il mondo ecologista, a riprova di una visione solo economica della materia.

 

GUARDA IL VIDEO SU TUTTE LE INIZIATIVE SU NOSTRO PROFILO FACEBOOK (Legambiente Reggio Emilia)

 

 
NONTISCORDARDIMÈ, OPERAZIONE SCUOLE PULITE 2016

LEGAMBIENTE PROMUOVE LA QUALITÀ DEGLI EDIFICI SCOLASTICI

Anche quest'anno si è ripetuto l'evento Nontiscordardimè promosso da Legambiente, che ha visto protagonisti alunni, insegnanti e genitori aiutati dai volontari e dalle Guardie Ecologiche Volontarie di Legambiente per cercare di rendere gli edifici scolastici dei luoghi migliori dove studiare e dove passare il tempo.
Il giorno 11 marzo alla Scuola dell'Infanzia Michelangelo genitori e volontari di Legambiente si sono adoperati per collocare un gazebo nell'area cortiliva al fine di creare una nuova zona ludica per i bambini. Sono stati inoltre piantati due glicini che con il tempo ricopriranno la struttura creando una copertura dal sole e una gradevole area fiorita.
Il 18 marzo alla Scuola Primaria “G.Carducci” due classi di seconda e una di quarta hanno piantato diverse piante di fiori e hanno creato un piccolo orto con fragole e piante di rosmarino.
Nello stesso giorno alla Scuola Primaria “D. Alighieri” gli alunni di quattro classi si sono impegnati per ripulire il cortile della scuola dai rifiuti armati di guanti e pinze. L'attività si è poi spostata sulla creazione di un orto a scuola. All'interno di capienti sacchi predisposti i bambini hanno distribuito la terra e i semi dei diversi ortaggi primaverili (zucchino, carota, prezzemolo, basilico e lattuga). Sarà compito degli studenti, con l'aiuto delle insegnanti, prendersi cura degli ortaggi in crescita e di affidarli a chi vorrà custodirli durante il periodo estivo.
Il 22 marzo alla Scuola Primaria “A. Negri” gli alunni insieme ad insegnanti, nonni e i volontari si sono occupati della pulizia del cortile della scuola, hanno risistemato le fioriere e piantato fiori portati da casa. Hanno poi creato una zona per gli odori piantando basilico, origano, salvia e rosmarino. Infine hanno potuto realizzare un orto mettendo a dimora piantine di insalata e seminando cicoria e insalata riccia. La struttura era stata precedentemente sistemata da genitori e nonni che hanno eliminato le erbacce e preparato il terreno.
Nello stesso giorno alla Scuola Primaria “A. Bergonzi” Le classi di quarta, divise in gruppi, le insegnanti, i volontari di Legambiente e le Guardie Ecologiche di Legambiente hanno eseguito numerosi lavoretti: hanno pulito il cortile della scuola con pinze, guanti e sacchi del pattume, hanno risistemato la serra e piantato qualche semino in alcuni vasi, spazzato il cortile, pitturato arredi da giardino (alcune cassette di legno che diventeranno delle fioriere) e creato piccole decorazioni con materiali di recupero che poi sono stati appesi nel cortile all’ingresso della scuola.
«Questa iniziativa esiste ormai da 20 anni, tuttavia non perde il suo valore simbolico» spiega Irene Macias Pavon, organizzatrice dell'evento «La scuola non è solo un luogo di studio, ma anche un punti di incontro, di gioco e di vita. Qui i bambini passano gran parte del loro tempo. Stare in una scuola bella e funzionante significa far stare meglio i ragazzi e gli insegnanti, questo è un fattore fondamentale che le amministrazioni non devono dimenticare».
In tutte le strutture che hanno partecipato è stato appeso un lenzuolo bianco con la scritta “No allo Smog” che i diversi istituti dovranno tenere per almeno 30 giorni, per riflettere, insieme agli alunni, sul problema dell’inquinamento in città e sulla possibilità di pianificare gli spostamenti puntando su pedibus, bicibus e sul trasporto collettivo.

Tutte le foto dell'iniziativa si trovano sul profilo Facebook: Legambiente Reggio Emilia



 
« InizioPrec.21222324252627282930Succ.Fine »

Pagina 21 di 34

Il Riciclo, mercatino del riuso di Legambiente

Legambiente RE effettuerà in Polveriera un mercatino del riuso chiamato "IL Riciclo". L'intento è quello di favorire una seconda vita agli oggetti e alle cose delle nostre case. La prossima datai:

Domenica 12 maggio 2019 RINVIATO A DOMENICA 9 GIUGNO

Le altre date chieste, in attesa di autorizzazione da parte della amministrazione comunale di Reggio Emilia, sono:

Domenica 13 ottobre 2019

Domenica 10 novembre 2019

Per iscriversi al mercatino mandare una mail a partire dalla data e ora segnalata come inizio iscrizione con la prenotazione indicando nome, cognome, numero di telefono e comune di residenza, tutto in una unica riga diviso da spazi, come da esempio di seguito,

ROSSI PAOLO 340/XXXXXXX CAVRIAGO (RE)

all'indirizzo:

mercatino@legambientereggioemilia.it

Le iscrizioni saranno accettate in ordine cronologico di arrivo a partire rigorosamente dalle ore 20:00:00. Sarà inviata risposta di accettazione, con le indicazioni organizzative, entro 24 ore.

NON si spedirà una mail per la NON accettazione. Non saranno ammesse prenotazioni telefoniche. Con ogni mail è possibile prenotare una singola piazzola. Ogni persona può effettuare una sola iscrizione.

Sono ammessi al mercatino solo coloro che si presenteranno con una autovettura (per il trasporto di persone). Anche il mezzo di supporto, che poi dovrà uscire, dpvrà essere una autovettura. Non sarà ammesso un altro tipo di veicolo che non sia una autovettura.

 

Nel corso dell'anno non si può partecipare più di due volte come espositore (ci sono controlli accurati)

Il titolare della domanda deve essere  presente nello spazio espositivio.

Prezzo della piazzola euro 20, da pagare in anticipo alla sede di Legambiente, in via Mazzacurati, 11 nelle date e ore di seguito indicate. Le onlus pagano 5 €.

I 20 eur si devono mettere in busta chiusa insieme al modulo di iscrizione compilato e fotocopia della carta d'identità. Il non pagamento comporta l'annullamento della prenotazione.

Orari di apertura sede Legambiente per il pagamento: da martedì 23 e mercoledì 24 aprile dalle ore 16 alle ore 19.

In alternativa si può pagare con bonifico bancario.

Pagamento con bonifico bancario:

- Eseguire bonifico bancario Codice IBAN: IT 59 T 07072 12801 054130150400 (Banca di Credito Cooperativo Banco Emiliano, Reggio Emilia) all'ordine  di Legambiente Reggio Emilia

- Compilare e firmare la domanda di partecipazione

- Inviare copia della domanda compilata e firmata e fotoocopia di documento valido in formato .pdf al indirizzo mail: mercatino@legambientereggioemilia.it entro venerdi 22 aprile.

Comunicati Stampa

Sta arrivando l'estate....quale modo migliore di passare un sabato mattina se non in mezzo alla campagna viaggiando grazie alle storie?

Tre appuntamenti dove lettori esperti ci narreranno i loro racconti all'interno della Fattoria Biologico.

Alla fine un simpatico laboratorio tutti insieme e, per recuperare le forze un rinfresco...chi offre di piu? Gli appuntamenti sono:

Sabato 22 giugno

  • Storie sulle fattorie e i suoi abitanti a cura dei volontari de Le Galline Volanti
  • Laboratorio “La gallina recuperata” a cura di Legambiente Reggio Emilia

rinfresco finale

Sabato 20 luglio

  • Storie ssugli ecosistemi, a cura dei volontari di Nati per Leggere
  • Laboratorio “bombe di semi”, a cura di Legambiente Reggio Emilia

rinfresco finale

Sabato 7 settembre

  • “Il sole col singhiozzo”, e Laboratorio "Il mio taumatropio" a cura di Pina Irace

rinfresco finale

 

Iniziative gratuite e senza prenotazione. L'iniziativa è realizzata con il contributo del Comune di Reggio Emilia nell'ambito del Bando Restate nei quartieri e Cultura per la città 2019.