Puliamo Il Mondo 2014

PULIAMO IL MONDO 2014

Dal 26 al 28 settembre torna l’appuntamento con Puliamo il mondo nella nostra provincia, la più famosa iniziativa di volontariato ambientale organizzata da Legambiente. A Reggio L’appuntamento è per domenica mattina al parco di via Monte Cisa (caprette).

Bellezza e partecipazione sono il binomio vincente di Puliamo il mondo, la più grande iniziativa di volontariato ambientale organizzata in Italia da Legambiente. Da una parte la bellezza dell’Italia, un dei Paesi più amati e visitati al mondo spesso sfregiato dall’incuria e dai rifiuti; dall’altra l’impegno attivo di tanti cittadini che vogliono rendere più belle e vivibili le città della Penisola. Quest’anno l’appuntamento con Puliamo il mondo sarà per il 26, 27 e 28 settembre: tre giorni duranti i quali anche nella nostra provincia, molti volontari, tra cittadini, scuole e amministrazioni, saranno impegnati nel ripulire le aree degradate del nostro territorio e fare un gesto concreto a favore dell’ambiente.

 

“L’attenzione all’ambiente, in tutti i suoi aspetti, è parte essenziale della nostra identità e della competitività della nostra economia ed ha come fondamento il senso civico dei cittadini e delle comunità – dichiara Massimo Becchi presidente di Legambiente Reggio Emilia – come hanno dimostrato i comuni reggiani che hanno saputo introdurre sistemi spinti di raccolta differenziata. Ora è necessario anche far cessare l’abbandono incontrollato di rifiuti sul territorio, che costa alle amministrazione pubbliche cifre sempre più ingenti, e denunciare che attua questi comportamenti. Solo le nostre Guardie Ecologiche Volontarie hanno segnalato da inizio anno oltre 100 abbandoni, fra cui molti di materiali pericolosi”.

 

L’azione dei volontari sarà condivisa in tutto il mondo dato che Puliamo il mondo è la versione italiana di Clean Up the World, la più importante campagna internazionale di volontariato ambientale nata a Sidney, in Australia, nel 1989 e portata poi in Italia nel 1993 da Legambiente. Da allora l’iniziativa si è diffusa su tutto il territorio nazionale grazie all'instancabile lavoro dei volontari del Cigno Verde e al prezioso aiuto della Rai, che dal 1995 collabora alla promozione dell’evento con trasmissioni, dirette e uno spot di sensibilizzazione.

 

Tra gli altri eventi in programma questo weekend in provincia - aperti a tutti i cittadini - abbiamo:

Comune di Albinea: il ritrovo è per sabato 27 alle ore 14,30 presso il CEA di Borzano in via Chierici n. 2. Ci si dividerà in gruppi per al pulizia di questa parte del territorio. Il ritorno è per le ore 17 con una merenda presso il CEA.

Comune di Baiso: consultare il sito internet del Comune per le iniziative

Comune di Cadelbosco di Sopra: domenica 28 al mattino il ritrovo dell’iniziativa è in piazza e nelle frazioni, da dove partiranno i vari gruppi di volontari. Maggiori informazioni si possono avere contattando il Comune.

Comune di Fabbrico: iniziativa con i ragazzi delle scuole elementari e media che il giorno sabato 27 puliranno aree verdi del paese.

Comune di Poviglio: domenica 28 alle ore 8,30 il ritrovo è davanti al Centro Culturale, da cui si partirà per la pulizia.

Comune di Reggio Emilia: l’evento si svolge in collaborazione con il Comune di Reggio all’nternod el progetto I Reggiani per Esempio. Il ritrovo domenica 29 alle ore 9 al Parco delle caprette in via Monte Cisa a Reggio per la pulizia di un tratto del T. Crostolo, per la rimozione dei numerosi rifiuti trascinati a valle dalle piane di quest’anno. Alla fine della mattinata sarà offerto un rinfresco a tutti i partecipanti. Venerdì 26 la scuola primaria di Roncocesi effettuerà, con tutte le classi, la pulizia delle vie intorno all’edificio scolastico.

Comune di Rubiera: si procederà alla pulizia di un’area industriale domenica mattina. Maggiori informazioni sul sito del Comune.

Comune di Vezzano sul Crostolo: ci si ritrova alle 8,15 di sabato 27 davanti al Comune per organizzarsi in squadre che puliranno diverse zone del territorio comunale.

Comune di Viano. venerdì 26 che vedrà la partecipazione delle Classi III della Scuola Secondaria di primo grado di Viano e I e III di Regnano con pulizia sul tratto di strada Via Roma, via Bescaccia.

 

“Resta per noi fondamentale – conclude Massimo Becchi – che Puliamo il Mondo sia un’occasione non solo per ripulire una parte del nostro territorio, ma anche per promuovere una politica più attenta nella gestione dei rifiuti praticare una seria politica di prevenzione sulla produzione degli stessi, perché sono ancora troppi i problemi irrisolti sul fronte della riduzione erottamare lo smaltimento in discarica. Per incentivare i cittadini è inoltre necessario premiare chi produce meno rifiuti agendo sulla nuova tassazione a carico delle famiglie e delle aziende che deve essere equa e premiare i comportamenti virtuosi.

 
REGGIO+LO - Il volontariato non trema

Si terrà il 28 e 29 marzo, nel Teatro della parrocchia di Sant'Agostino, in via Reverberi 3, l'evento conclusivo del progetto del Servizio Civile Nazionale, dedicato ai beni culturali.

SCARICA IL VOLANTINO!
 
GRAVE DEGRADO IN ZONA STAZIONE: OCCORRE MUOVERSI AL PIU’ PRESTO PER EVITARE CHE IL FENOMENO SFUGGA DI MANO

Reggio Emilia, li 13 dicembre 2013

COMUNICATO STAMPA
GRAVE DEGRADO IN ZONA STAZIONE: OCCORRE MUOVERSI AL PIU’ PRESTO PER EVITARE CHE IL FENOMENO SFUGGA DI MANO

“E’ allarmante - dichiara Massimo Becchi, Presidente di Legambiente Reggio Emilia - la situazione che si mostra dietro all’ex sede dell’Arci in viale Ramazzini a Reggio, tanto più se si considera la vicinanza con il centro storico di Reggio Emilia, il centro congressi Loris Malaguzzi e il recente Tecnopolo.

La situazione, portata all’attenzione da alcune Guardie Ecologiche Volontarie di Legambiente, denota un gravissimo caso di degrado ambientale, ma prima di tutto, sociale. Infatti, nell’area incolta antistante l’edificio alcuni cittadini hanno eretto una baracca fatta d’assi di legno e lamiere, appena visibile attraverso la vegetazione.

Sono inoltre presenti massicce quantità di rifiuti abbandonati (tra i quali spiccano parti di mobili ed elettrodomestici) ed è evidente (anche dalle evidenti tracce di bivacco e dai resti di biciclette e motocicli) un malessere che sta colpendo la fascia più debole della cittadinanza reggiana e, in generale, tutta l’area della stazione ferroviaria.

Crediamo quindi – conclude Becchi – che sia necessaria una presa di posizione dall’amministrazione comunale affinché tale situazione abbia termine e non sia invece presa come esempio da altre persone, rischiando poi di degenerare in un fenomeno difficilmente contenibile come l’insediamento d’una baraccopoli e delle conseguenze ad essa associate. Inoltre chiediamo che ci si attivi per attuare un’opera di bonifica della zona.”

L’ufficio stampa: 348.7419763






 
A Reggio serve una casa per le associazioni di volontariato, non un bando comunale per costruire nei parchi pubblici

Reggio Emilia, li 20 febbraio 2013

COMUNICATO STAMPA

“Ben venga la protesta dei residenti per la salvaguardia del Parco dell’ex Dogana in via Costituzione – dichiara Massimo Becchi presidente di Legambiente Reggio Emilia – per evitare che in quest’area venga edificata una nuova struttura destinata ad attività delle associazioni partigiane, combattentistiche e d’arma, ma la questione va allargata a tutto il bando predisposto dal Comune, che prevede il diritto di superficie per 30 anni su aree pubbliche per la realizzazioni di sedi da destinare ad attività del terzo settore”.

Questo bando, che scadrà il 9 maggio, è aperto a soggetti del terzo settore, che possono sulle quattro linee di intervento, proporre progetti per la realizzazione della propria struttura, con superfici molto variabili. Ovviamente si saprà solo dopo la scadenza del bando se ci sono state proposte.

Oltre all’area verde di via Costituzione questo bando mette in gioco anche l’area verde in via Velmore Davoli, in via G. Mercalli, in via Tolstoj e il parco Nilde Iotti (parco Ottavi). In tutte queste aree vi è la possibilità di edificare strutture con particolari finalità, comunque tutte riconducibili ad attività del terzo settore, gli unici ammessi appunto a questo tipo di bando. Se di primo acchito può apparire un’operazione meritevole, in cui il Comune cede ad una cifra irrisoria (7 € metro quadrato) queste aree ad associazioni di volontariato, dall’altro nasconde il vero problema di questa città, ovvero la mancanza di una politica organica sul terzo settore, ed in particolare sulle sedi ad esso destinate: altre città in Emilia-Romagna si sono dotate di una casa del volontariato, mentre Reggio ha sempre affrontato il problema delle sedi in modo emergenziale e non organico, valutando al momento la disponibilità di immobili, senza una politica di lungo periodo. Questa situazione ha portato molte associazioni a rivolgersi al mercato privato, con costi spesso ingenti o a cercare ospitalità presso altre associazioni.

“E’ molto discutibile – continua Becchi - se non deprecabile, l’uso delle aree a verde pubblico per edificare nuove strutture, in una città in cui il consumo di suolo è stato fino a pochi anni fa uno dei più alti d’Italia. Occorre piuttosto ragionare di un contenitore da recuperare a sede delle associazioni e in questo senso l’area ex polveriera presenta ancora grossi volumi vuoti, ma è necessario un forte investimento pubblico in tal senso, non più rimandabile. Quello che invece si è preferito fare è stato chiedere al volontariato di sobbarcarsi l’onere delle progettazione e costruzione delle proprie sedi, in un momento in cui gli sponsor sono merce rara e la congiuntura economica è delle più sfavorevoli, per poi dopo 30 anni cedere eventualmente queste sedi al Comune. Se pensiamo che la durata dell’accordo fra il Comune e il Consorzio Oscar Romero (che di volontariato non ha nulla) è di 50 anni per l’area ex polveriera su via Terrachini, la disparità di trattamento appare evidente. E’ necessario quindi avviare a Reggio una veloce riflessione sulle politiche per il terzo settore, che porti quanto prima alla ristrutturazione di un immobile per al creazione della casa del volontariato”.

L’ufficio stampa: 348.7419763

 
« InizioPrec.21222324252627282930Succ.Fine »

Pagina 22 di 30

Il Riciclo, mercatino del riuso di Legambiente

Legambiente RE effettuerà in Polveriera un mercatino del riuso chiamato "IL Riciclo". L'intento è quello di favorire una seconda vita agli oggetti e alle cose delle nostre case. Le date di quest'anno sono le seguenti:


Domencia 25 marzo 2018 inizio iscrizione lunedi 19 marzo 2018 ore 20:00

Domencia 27 maggio 2018 inizio iscrizione lunedi 21 maggio 2018 ore 20:00

Domencia 3 giugno 2018 inizio iscrizione lunedi 28 maggio 2018 ore 20:00

Causa la concomitanza di un evento imprevisto che occupa gran parte dell'area del mercatino la data del 27 maggio viene soppressa e sostituita con Domenica 3 giugno. Ci scusiamo per il contratempo certi che vorrete aprezzare gli sforzi per effettuare comunque una giornata dedicata al riuso alla Polveriera ci vediamo pertanto il 3 giugno"

Per iscriversi al mercatino mandare una mail a partire dalla data e ora segnalata come inizio iscrizione con la prenotazione indicando nome, cognome, numero di telefono e comune di residenza, tutto in una unica riga diviso da spazi, come da esempio di seguito,

ROSSI PAOLO 3401234567 CAVRIAGO (RE)

all'indirizzo:

mercatino@legambientereggioemilia.it

Le iscrizioni saranno accettate in ordine cronologico di arrivo a partire rigorosamente dalle ore 20:00:00. Sarà inviata risposta di accettazione, con le indicazioni organizzative, entro 48 ore.

NOVITA! Non si spedirà una mail per la non accettazione. Sarà predisposta una lista d’attesa di 20 espositori. Si prega nel caso di rinuncia di scrivere una mail per la disdetta il prima possibile. Non saranno ammesse prenotazioni telefoniche. Con ogni mail è possibile prenotare una singola piazzola. Ogni persona può effettuare una sola iscrizione.

IMPORTANTE: Sono ammessi al mercatino solo coloro che si presenteranno con una autovettura (per il trasporto di persone). Anche i mezzii di supporto, che poi dovranno uscire, dovranno essere autovetture. Non sarà ammesso un altro tipo di veicolo che non sia una autovettura.

Nel corso dell'anno non si può partecipare più di due volte come espositore.

Prezzo della piazzola euro 15. Pagamento da effettuare in loco direttamente la domenica mattina.

Comunicati Stampa