Legambiente Reggio Emilia
ECOSISTEMA URBANO 2018 – REGGIO EMILIA AL 24° POSTO A LIVELLO NAZIONALE

BENE LA RACCOLTA DIFFERENZIATA E LE PISTE CLICABILI, MA PENALIZZATI SULLA QUALITA’ DELL’ARIA

E’ stato presentato oggi il 25° rapporto d Ecosistema Urbano l’annuale rapporto di Legambiente, realizzato con il contributo scientifico di Ambiente Italia, la collaborazione editoriale de Il Sole 24 ore e con un contributo di Ispra sui corpi idrici.

Per quanto attiene Reggio Emilia (il rapporto fotografa la situazione ambientale delle città capoluogo con i dati dell’anno 2017) i dati ambientali sono positivi per la raccolta differenziata, che con l’introduzione del porta a porta passa da 59 % al 65 % fra il 2016 e il ’17, come pure restiamo i paladini della ciclabilità, con quasi 41 metri equivalenti ogni 100 abitanti (204 chilometri complessivi). Si assestano i consumi d’acqua pro/capite sui 133 litri al giorno, mentre resta molto alta la produzione di rifiuti pro/capite all’anno, sempre intorno ai 677 Kg, dovuto all’assimilazione degli speciali che vengono conferiti nello stesso sistema degli urbani. A fronte di un lieve incremento dell’utilizzo del trasporto pubblico, si registra un tasso di motorizzazione stabile a 65 auto/100 abitanti. Si vedono i primi segnali positivi sull’uso del fotovoltaico e del solare termico sugli edifici pubblici che è di 8,26 kW ogni 1000 abitanti, ben maggiore di Modena e Parma.

“I dati penalizzanti della nostra città – dichiara Massimo Becchi presidente di Legambiente Reggio Emilia – restano quelli legati alla qualità dell’aria, con una media annuale delle PM10 di 36,5 microgrammi/mc, i valori di Ozono e Biossido di azoto, testimoniati da un parco veivoli circolanti molto esteso a fronte di una leggera ripresa del trasporto pubblico, che però resta molto timida, se paragonata la dato del 1996 che era di 98 viaggi/abitante/anno. Questo dato va di pari passo con l’offeta di trasporto pubblico, che è di 26 km-vettura/abitante/anno, al pari di Modena, a ben sotto il valore di 40 di Parma.

L’alto numero di auto circolanti comporta inevitabilmente anche un alto numero di incidenti stradali con 0,64 morti ogni 10.000 abitanto e 66 feriti/10.000 abitanti.

Lo slittamento verso il basso di 10 posizioni rispetto allo scorso anno è soprattutto legato a questi paramentri, come anche al fatto che alcune città hanno messo in atto politiche ambientali più incisive che hanno penalizzato le realtà che sono rimaste ferme o quasi.

Resta quindi prioritario – conclude Becchi - investire sul trasporto pubblico, considerato che l’investimento su nuove strade non ha di fatto prodotto negli altimi 15/20 anni nessun miglioramento della qualità dell’aria, dipendente dai soli fenomeni atmosferici e sulle aree verdi fruibili, ferme armai da alcuni anni al valore di 58 mq/abitante, creando dei polmoni verdi intorno alla città che contribuiscano a mitigare gli effetti dell’inquinamento atmosferico”.

 

 
Quattro platani avvelenati su via dei Gonzaga

Le guardie Ecologiche di Legambiente denunciano il secondo grave caso di dolo nei confronti del verde pubblico

Chi si è trovato negli ultimi tempi a transitare su via dei Gonzaga da Sesso in direzione Cadelbosco non avrà certo fatto fatica a notare i quattro esemplari di platano ormai secchi che sovrastano la via.

I quattro alberi, la cui altezza si aggira intorno ai 25-30 metri, sono stati potati alcuni mesi fa, su indicazione di un cittadino che ne ha richiesto l'intervento. Il Comune, in collaborazione con il Consorzio Fitosanitario di Reggio Emilia, che deve essere necessariamente coinvolto quando si tratta di interventi su questa specie di pianta per la lotta al cancro colorato del platano, ha fatto eseguire i lavori da una ditta specializzata a regola d'arte.

Purtroppo nei giorni successivi qualche cittadino ha pensato bene di praticare alcuni fori nella corteccia delle piante e di iniettare delle sostanze che hanno fatto irrimediabilmente ammalare gli esemplari. I fori sono stati poi attentamente camuffati con uno stucco marrone per cercare di nascondere la malefatta.

Le guardie ecologiche di Legambiente che hanno effettuato il sopralluogo su segnalazione di alcuni cittadini preoccupati, hanno potuto constatare che il danno agli esemplari è stato di sicura origine dolosa, dato che c'è stata anche la volontà di nascondere i fori in cui è stato iniettato la sostanza tossica; inoltre tutto il terreno che si trova alla base delle piante si presenta come "terra bruciata".

"Si tratta del secondo caso di dolo nei confronti del verde pubblico che abbiamo denunciato qui a Reggio Emilia - spiega Massimo Becchi presidente delle Guardie Ecologiche di Legambiente - già l'anno scorso abbiamo denunciato lo scempio che è stato perpetrato nel parco di San Rigo dove è presente il "Circolo la Biasola" nei confronti delle piante che circondavano il campo da calcio. La tecnica utilizzata è stata la stessa e con il medesimo intento di liberarsi delle piante evidentemente fastidiose per qualcuno."

Le piante si trovano davanti al civico 118 di via dei Gonzaga, si invita la cittadinanza a prestare attenzione, soprattutto con l'arrivo del maltempo che potrebbe causare il distacco di porzioni delle piante anche considerevoli; si spera inoltre che il Comune intervenga al più presto per mettere in sicurezza le piante ed evitare che si creino danni a persone o cose.

Chi ha agito in questo caso non ha solo causato un danno alle piante, ma anche a tutta la comunità in quanto il costo dell'abbattimento graverà sulle spalle di tutta la cittadinanza.

Le Guardie Ecologiche di Legambiente invitano i cittadini che hanno informazioni a riferirlo al più presto alle forze dell'ordine o di segnalarlo all'indirizzo mail  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. e a denunciare eventuali atteggiamenti sospetti dato che chi ha operato in questo caso ha utilizzato un grosso trapano per praticare i fori nei tronchi.

 
Laboratori Invernali per bambini e ragazzi

Speciali creazioni sostenibili per le festività natalizie

In occasione delle festività natalizie Legambiente organizza i laboratori natalizi per bambini e ragazzi dai 4 ai 12 anni, nella sede di Via Mazzacurati a Reggio Emilia. L’obiettivo è quello di promuovere attività creative ed educative con l'utilizzo di materiali prevalentemente di recupero, per sensibilizzare ai principi di rivalorizzazione e recupero dei materiali, a partire dai più giovani. L'iniziativa si terrà nei giorni di giovedì 27 e venerdi 28 dalle 9 alle 12, con la possibilità di partecipazione a una o più giornate. Accoglienza dalle ore 8:00.
La prima mattinata sarà dedicata alla creazione di mangiatoie per uccelli per dopo giocare tutti insieme. Nel secondo giorno di attività, venerdi 28, realizzeremo con diverse tecniche i fiocchi di neve e arriveremo a produrre persino una palla di neve!
La merenda verrà offerta a metà mattinata ed è inclusa nel costo dell'iscrizione: 10 euro per singola giornata. L'ultimo giorno, per tutti gli iscritti, la cioccolata calda sarà offerta dal Loco bar (al bar in fondo a via Mazzacurati).
Saranno due giornate dedicate alla sperimentazione e al divertimento, con attività volte a promuovere la salvaguardia delle materie prime, e quindi dell'ambiente, e il valore del riutilizzo degli oggetti e delle risorse. Ci aspettiamo una buona partecipazione e di riuscire a promuovere i principi di tutela e valorizzazione dell'ambiente locale e globale che da sempre caratterizzano l'Associazione.

E' possibile scaricare la scheda di adesione che è possibile inviare compilata direttamente via e-mail, fax o consegnata direttamente presso l'ufficio in Via Mazzacurati 11, dove i volontari sono a disposizione dalle 9 alle 13 per qualsiasi informazione, o al numero di telefono 0522/431166.

Intanto...Buon natale!!!

Scaria QUI la scheda d'iscrizione

LABORATORI DI NATALE PER BAMBINI A LEGAMBIENTE

Speciali creazioni sostenibili per le festività natalizie

 
ESERCITAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE SUI BENI CULTURALI APPENNINO 2017 - GRUPPO DI LEGAMBIENTE HA OPERATO PER LA SALVAGUARDIA DEI BENI CULTURALI DAI RISCHI NATURALI

Un nutrito gruppo di 22 volontari di Legambiente Reggio Emilia, ha partecipato all'esercitazione provinciale di protezione civile APPENNINO2017 che si è svolta sabato e domenica nei comuni della montagna reggiana. L'esercitazione ha avuto lo scopo di testate il funzionamento delle strutture operative dei comuni montani in caso di sisma di magnitudo 6.5.

Il gruppo specializzato nel salvataggio dei beni culturali ha operato sabato scorso a Busana presso la chiesa di San Venanzio Abate simulando le operazioni di messa in sicurezza del patrimonio artistico e delle opere contenute in questa chiesa, poi affiancato da osservatori di altre associazioni che hanno seguito lo svolgersi delle operazioni di recupero, catalogazione e messa in sicurezza delle opere.

Sono state eseguite le operazioni di imballaggio di un crocefisso astato, di un leggio ligneo, di una "savonarola" e di alcuni quadri mettendo in opera tutte le operazioni necessarie alla loro corretta movimentazione e conservazione.

L'operazione della schedatura è stata l'altra importante attività eseguita nel corso della giornata. Infatti in caso di reale calamità il recupero dei beni culturali da chiese, edifici pubblici e musei ha lo scopo di permettere la ricollocazione di queste opere al loro posto dopo la ricostruzione post sisma e salvaguardare un patrimonio storico artistico, quello italiano, tra i più ricchi ma anche tra i più fragili, essendo tutta l'Italia un paese a forte rischio sismico.

Altri volontari di Legambiente hanno operato nel settore cucina, nella segreteria e nel settore logistico dando il loro contributo alla riuscita dell'esercitazione provinciale.

 
SCONTI SULLA SPESA IN CAMBIO DELLE BOTTIGLIE IN PET APRE IL RICICLIA POINT AL NATURASI’ DI REGGIO EMILIA Legambiente: “E’ un passo avanti per lo sviluppo dell’Economia circolare”

Chi l’ha definito il “bancomat ecologico”, chi preferisce chiamarlo “mangia-bottiglie”: il Riciclia Point a Reggio Emilia, ecocompattatore per la raccolta differenziata premiante che rilascia buoni sconto in cambio di bottiglie in plastica, flaconi e lattine in alluminio sarà operativo da sabato 11 novembre al supermercato biologico NaturaSì in Thomas Edison 6/G. Taglio del nastro alle 10.30 insieme ai rappresentanti del Circolo di Legambiente Reggio Emilia, Irene Macias Pavon e Flavio Romiti.

GLI SCONTI: D’ora in poi i cittadini che adotteranno un comportamento virtuoso verranno subito premiati con buoni sconto per fare la spesa al Biologico: dieci pezzi conferitinell’ecocompattatore (bottiglie in Pet, flaconi in Hdpe e lattine in alluminio) valgono infatti 50 centesimi di sconto su una spesa minima di 7,5 euro. Il procedimento è molto semplice, una volta terminato il conferimento l’ecocompattatore rilascia una scontrino che va presentato alle casse del supermercato per avere diritto alle riduzioni.

LO SCOPO: innalzare le percentuali di raccolta differenziata e diminuire il costo della gestione rifiuti nei Comuni; incentivare le buone pratiche tra la cittadinanza, che viene premiata con sconti sulla spesa o riduzioni sulle tasse, ma anche le attività commerciali del territorio tutelare l’Ambiente con iniziative di sensibilizzazione in particolar modo nelle Scuole del territorio.

Riassumendo: ci guadagnano tutti.

LEGAMBIENTE. Riciclia, startup veneta, è l'unica azienda italiana che opera nel campo del riciclo incentivante ad essere stata riconosciuta come partner di Legambiente in virtù del forte
messaggio di salvaguardia ambientale diffuso nei Comuni. “Siamo a fianco di Riciclia – dichiara Giulio Kerschbaumer, direttore di Legambiente Emilia Romagna – perché crediamo nell’importanza di dare valore alla materia, per un concreto sviluppo dell’Economia Circolare. Valorizzare la raccolta differenziata delle bottiglie in plastica attraverso un meccanismo premiante per l’utente, è un buon metodo per sensibilizzare anche i cittadini che fino ad ora si sono rivelati meno attenti nella gestione dei proprio rifiuti”.

La cittadinanza è invitata a partecipare: sarà possibile utilizzare la macchina con l’assistenza del personale di Riciclia che darà tutte le informazioni sul funzionamento. E’ previsto inoltre piccolo buffet con prodotti bio.offerto da NaturaSì per festeggiare l’evento.

 
« InizioPrec.12345678910Succ.Fine »

Pagina 7 di 25