Reggio Emilia 11 maggio 2011

LEGAMBIENTE, ARCI PROVINCIALE E FUORI ORARIO PRESENTANO I DATI AMBIENTALI DEL CIRCOLO DI TANETO – IN UNA STAGIONE RISPARMIATE 35 TONNELLATE DI ANIDRIDE CARBONICA, L’EQUIVALENTE DELL’ASSORBIMENTO ANNUALE DI CIRCA 1750 PIANTE

E’ iniziata lo scorso anno – dichiara Massimo Becchi presidente di Legambiente Reggio Emilia – la collaborazione con il Fuori Orario e l’Arci per verificare se i cambiamenti apportati nella gestione del locale avessero una reale ricaduta ambientale. L’importanza di questo progetto è evidente, se si pensa che transitano durante le varie inziative, ogni stagione, migliaia di persone, e che i locali destinati all’intrattenimento non hanno fino ad ora mostrato alcun interesse verso questo approccio, tanto che questa iniziativa è una delle prime a livello non solo locale ma anche nazionale e che speriamo possa essere seguita da altre strutture.

Come sempre – dice Riccardo Faietti dell’Arci Provinciale - il Circolo Arci Fuori Orario cerca di caratterizzarsi per i suoi messaggi e gli stimoli che possono arrivare a coinvolgere altre organizzazioni e soprattutto fare da apripista per altri luoghi similari. Come Arci vogliamo lavorare affinchè l’impegno in ambito ambientale dimostrato in questa prima esperienza dal Circolo si possa esportare anche tra gli altri circoli. Come è stato per i progetti di Solidarietà o le campagne sulla sicurezza, così vogliamo fare rete e coodinamento anche su questo importantissima esperienza.

L’impatto ambientale – dichiara Cristina Bondavalli esperto tecnico di Legambiente - è stato calcolato verificando i dati numerici e qualitativi della precente gestione, dove si faceva un massiccio uso di materiali in plastica e vetro. Ad esempio le bottigliette di plastica per acqua da 0,5 litri utilizzate ogni anno erano circa 96.000, a cui si aggiungevano 150.000 bicchieri e 13.000 piatti. Questi materiali sono stati sostituiti da plastiche biodegradabili e quindi compostabili. Sono state eliminate le bottiglie di birra (circa 35.000 ogni anno) fornendo la birra solo alla spina, così come anche l’acqua, presa direttamente dalla rete pubblica. Nella scelta dei fornitori per il ristorante si è privilegiato quelli più prossimi, favorando lo sviluppo di una filiera il più possibile a km zero, mentre i 1900 boccetti di vetro dei succhi di frutta sono stati sostituiti da contenitori da 1,5 litri. Il discobus inoltre è usufruito da circa 3.500 soci, tutti dati che fanno risparmiare al circolo (e all’ambiente) 35 tonnellate di anidride carbonica all’anno, equivalenti ad aver piantato 50 alberi o all’assorbimento annuale di gas serra di 1750 piante, equivalenti anche a 175.000 km percorsi in auto o a 62 anni di consumo di energia di una famiglia di 3 persone.   A questi dati abbiamo anche aggiunto il risparmio sul trasporto e sullo smaltimento dei materiali. Infatti l’acqua compie molti km prima di arrivare al consumatore finale, come pure la birra, diminuendo i mezzi circolanti e quindi l’inquinamento.

All’apertura del circolo a settembre dello scorso anno – dichiara Corrado Magnani del Circolo Fuori Orario- abbiamo pensato che fosse necessario rafforzare concretamente il nostro impegno sul risparmio energetico e sulle fonti rinnovabili. Abbiamo lavorato affinchè questo impegno si traducesse in campagne di sensibilizzazione ma anche in un vero e proprio impatto concreto, attraverso la dismissione del vetro e della plastica, l’utilizzo del calore naturale, l’installazione del fotovoltaico e altro. Ci siamo scontrati subito con un aumento forte dei costi di gestione e praticamente nessun incentivo da parte dello stato. Ci auguriamo che ora, magari attraverso la costruzione di una rete di esperienze e i risultati ottenuti, si possa arrivare ad un maggiore sostegno verso chi decide di investire sul futuro.

Il progetto è stato possibile anche grazie al contributo INFEA della Regione Emilia-Romagna all’interno del progetto “Green Night”.

L’ufficio stampa: 348.7419763

 

STIMA DEL RISPARMIO DELLE EMISSIONI DEL CIRCOLO FUORI ORARIO DI TANETO DI GATTATICO

 

CO2 (t)

N° di alberi da piantare per avere lo stesso risparmio di CO2 (si intende considerando tutta la vita dell'albero)

N° di alberi necessari per avere un assorbimento annuo di CO2 pari a quello stimato come risparmio nell'attività (quindi su scala annuale)

Bottiglie di plastica

 

 

 

Risparmio dalla mancata produzione delle bottiglie

4,42

6,3

220,8

Risparmio dal mancato trasporto delle bottiglie

2,16

3,1

108,2

Risparmio dal mancato incenerimento delle bottiglie

2,69

3,8

134,4

TOTALE risparmio dal non utilizzo di bottiglie

9,27

13,2

463,4

 

 

 

 

Discubus

 

 

 

Risparmio con l'uso del Discobus

10,94

15,6

546,9

 

 

 

 

Bicchieri e piatti: da plastica a pasta di mais

 

 

 

Risparmio dalla sostituzione di plastica con pasta di mais

5,87

8,4

293,4

 

 

 

 

Birre in bottiglia

 

 

 

Risparmio dal mancato utilizzo delle bottiglie

6,20

8,9

310,0

 

 

 

 

Succhi in bottiglia da 1.5 litri

 

 

 

Risparmio dal mancato utilizzo delle bottiglie più piccole in vetro

2,64

3,8

131,9

 

 

 

 

TOTALE RISPARMIATO

34,91

49,8

1745,5


 

Il Riciclo, mercatino del riuso di Legambiente

In considerazione delle nuove norme chi dovrebbero uscire a breva da parte della regione Emilia romagna riguardanti i mercatini del riuso, il nostro primo mercatino Il Riciclo al parcheggio della Polveriera nel 2020 si terrà domenica 17 maggio (previa autorizzazione da parte dell'amministrazione comunale di Reggio Emilia).

Tutti coloro che intendono partecipare al mercatino "Il Riciclo" di Legambiente Reggio Emilia devono REGISTRARSI preventivamente sul sito http://mercatini.legambientereggioemilia.it compilando i dati richiesti. Seguirà da parte di Legambiente la conferma della avvenuta registrazione. La registrazione - e solo questa- da la possibilità d'iscriversi ai mercatini alla data e ora di volta in volta stabiliti durante l'anno.

Comunicati Stampa

CONTROLLATI MOLTI CACCIATORI DALLE GUARDIE ECOLOGICHE DI LEGAMBIENTE NELLA PRIMA GIORNATA DI APERTURA ALL'ATTIVITA' VENATORIA ALLA FAUNA STANZIALE

Reggio Emilia, li 19 settembre 2021

Sono stati circa 90 i cacciatori controllati in quesa prima mattina di attività ventoria - dichiara Massimo Becchi presidente di Legambiente Reggio Emilia - alla fauna stanziale, ossia soprattutto fagiani e lepri, che ogni anno rappresenta un momento fondamentale per la ciaccia ma anche un momento delicato per la vigilanza sul territorio, in buona parte effettuata da volontari come le nostre Guardie Ecologiche. Con cinque squadre sono state controllate ampie porzioni di territorio sia nalla bassa reggiana, nella zona di Correggio, Reggio e Scandiano e in Val d'Enza. Se si esclude un caso isolato non sono state elevati verbali ed è stata buona la collaborazione dei cacciatori, in parte reggiani e in parte provenienti da fuori regione (soprattutto toscani). E' da rilevare - conclude Becchi - come rispetto agli anni passati dove il fagiano la faceva da padrone nel carniere, quest'anno ci sia stato una netta prevalenza di lepri abbattute, molto più presenti sul territorio dei volatili, che hanno accusato probabilmente un drastico calo legato anche alla prolungata siccità".

L'ufficio stampa: 348.7419763