Reggio Emilia 11 maggio 2011

LEGAMBIENTE, ARCI PROVINCIALE E FUORI ORARIO PRESENTANO I DATI AMBIENTALI DEL CIRCOLO DI TANETO – IN UNA STAGIONE RISPARMIATE 35 TONNELLATE DI ANIDRIDE CARBONICA, L’EQUIVALENTE DELL’ASSORBIMENTO ANNUALE DI CIRCA 1750 PIANTE

E’ iniziata lo scorso anno – dichiara Massimo Becchi presidente di Legambiente Reggio Emilia – la collaborazione con il Fuori Orario e l’Arci per verificare se i cambiamenti apportati nella gestione del locale avessero una reale ricaduta ambientale. L’importanza di questo progetto è evidente, se si pensa che transitano durante le varie inziative, ogni stagione, migliaia di persone, e che i locali destinati all’intrattenimento non hanno fino ad ora mostrato alcun interesse verso questo approccio, tanto che questa iniziativa è una delle prime a livello non solo locale ma anche nazionale e che speriamo possa essere seguita da altre strutture.

Come sempre – dice Riccardo Faietti dell’Arci Provinciale - il Circolo Arci Fuori Orario cerca di caratterizzarsi per i suoi messaggi e gli stimoli che possono arrivare a coinvolgere altre organizzazioni e soprattutto fare da apripista per altri luoghi similari. Come Arci vogliamo lavorare affinchè l’impegno in ambito ambientale dimostrato in questa prima esperienza dal Circolo si possa esportare anche tra gli altri circoli. Come è stato per i progetti di Solidarietà o le campagne sulla sicurezza, così vogliamo fare rete e coodinamento anche su questo importantissima esperienza.

L’impatto ambientale – dichiara Cristina Bondavalli esperto tecnico di Legambiente - è stato calcolato verificando i dati numerici e qualitativi della precente gestione, dove si faceva un massiccio uso di materiali in plastica e vetro. Ad esempio le bottigliette di plastica per acqua da 0,5 litri utilizzate ogni anno erano circa 96.000, a cui si aggiungevano 150.000 bicchieri e 13.000 piatti. Questi materiali sono stati sostituiti da plastiche biodegradabili e quindi compostabili. Sono state eliminate le bottiglie di birra (circa 35.000 ogni anno) fornendo la birra solo alla spina, così come anche l’acqua, presa direttamente dalla rete pubblica. Nella scelta dei fornitori per il ristorante si è privilegiato quelli più prossimi, favorando lo sviluppo di una filiera il più possibile a km zero, mentre i 1900 boccetti di vetro dei succhi di frutta sono stati sostituiti da contenitori da 1,5 litri. Il discobus inoltre è usufruito da circa 3.500 soci, tutti dati che fanno risparmiare al circolo (e all’ambiente) 35 tonnellate di anidride carbonica all’anno, equivalenti ad aver piantato 50 alberi o all’assorbimento annuale di gas serra di 1750 piante, equivalenti anche a 175.000 km percorsi in auto o a 62 anni di consumo di energia di una famiglia di 3 persone.   A questi dati abbiamo anche aggiunto il risparmio sul trasporto e sullo smaltimento dei materiali. Infatti l’acqua compie molti km prima di arrivare al consumatore finale, come pure la birra, diminuendo i mezzi circolanti e quindi l’inquinamento.

All’apertura del circolo a settembre dello scorso anno – dichiara Corrado Magnani del Circolo Fuori Orario- abbiamo pensato che fosse necessario rafforzare concretamente il nostro impegno sul risparmio energetico e sulle fonti rinnovabili. Abbiamo lavorato affinchè questo impegno si traducesse in campagne di sensibilizzazione ma anche in un vero e proprio impatto concreto, attraverso la dismissione del vetro e della plastica, l’utilizzo del calore naturale, l’installazione del fotovoltaico e altro. Ci siamo scontrati subito con un aumento forte dei costi di gestione e praticamente nessun incentivo da parte dello stato. Ci auguriamo che ora, magari attraverso la costruzione di una rete di esperienze e i risultati ottenuti, si possa arrivare ad un maggiore sostegno verso chi decide di investire sul futuro.

Il progetto è stato possibile anche grazie al contributo INFEA della Regione Emilia-Romagna all’interno del progetto “Green Night”.

L’ufficio stampa: 348.7419763

 

STIMA DEL RISPARMIO DELLE EMISSIONI DEL CIRCOLO FUORI ORARIO DI TANETO DI GATTATICO

 

CO2 (t)

N° di alberi da piantare per avere lo stesso risparmio di CO2 (si intende considerando tutta la vita dell'albero)

N° di alberi necessari per avere un assorbimento annuo di CO2 pari a quello stimato come risparmio nell'attività (quindi su scala annuale)

Bottiglie di plastica

 

 

 

Risparmio dalla mancata produzione delle bottiglie

4,42

6,3

220,8

Risparmio dal mancato trasporto delle bottiglie

2,16

3,1

108,2

Risparmio dal mancato incenerimento delle bottiglie

2,69

3,8

134,4

TOTALE risparmio dal non utilizzo di bottiglie

9,27

13,2

463,4

 

 

 

 

Discubus

 

 

 

Risparmio con l'uso del Discobus

10,94

15,6

546,9

 

 

 

 

Bicchieri e piatti: da plastica a pasta di mais

 

 

 

Risparmio dalla sostituzione di plastica con pasta di mais

5,87

8,4

293,4

 

 

 

 

Birre in bottiglia

 

 

 

Risparmio dal mancato utilizzo delle bottiglie

6,20

8,9

310,0

 

 

 

 

Succhi in bottiglia da 1.5 litri

 

 

 

Risparmio dal mancato utilizzo delle bottiglie più piccole in vetro

2,64

3,8

131,9

 

 

 

 

TOTALE RISPARMIATO

34,91

49,8

1745,5


 

Il Riciclo, mercatino del riuso di Legambiente

Legambiente RE effettuerà in Polveriera un mercatino del riuso chiamato "IL Riciclo". L'intento è quello di favorire una seconda vita agli oggetti e alle cose delle nostre case. Le date di quest'anno sono le seguenti:

Domencia 14 ottobre 2018 inizio iscrizione lunedi 17 settembre 2018 ore 20:00 e pagamento della quota (15 eur) entro venerdi 28 settembre ore 12:00

Domencia 11 novembre 2018 inizio iscrizione lunedi 15 ottobre 2018 ore 20:00 e pagamento della quota (15 eur) entro venerdi 26 ottobre ore 12:00 

Per iscriversi al mercatino mandare una mail a partire dalla data e ora segnalata come inizio iscrizione con la prenotazione indicando nome, cognome, numero di telefono e comune di residenza, tutto in una unica riga diviso da spazi, come da esempio di seguito,

ROSSI PAOLO 340/XXXXXXX CAVRIAGO (RE)

all'indirizzo:

mercatino@legambientereggioemilia.it

Le iscrizioni saranno accettate in ordine cronologico di arrivo a partire rigorosamente dalle ore 20:00:00. Sarà inviata risposta di accettazione, con le indicazioni organizzative, entro 24 ore.

Non si spedirà una mail per la non accettazione. Non saranno ammesse prenotazioni telefoniche. Con ogni mail è possibile prenotare una singola piazzola. Ogni persona può effettuare una sola iscrizione.

Sono ammessi al mercatino solo coloro che si presenteranno con una autovettura (per il trasporto di persone). Anche i mezzi di supporto, che poi dovranno uscire, dovranno essere autovetture. Non sarà ammesso un altro tipo di veicolo che non sia una autovettura.

Nel corso dell'anno non si può partecipare più di due volte come espositore.

Prezzo della piazzola euro 15, da pagare in anticipo al Loco bar presso il circolo colombofilo in via Mazzacurati, 30 nelle date sopra indicate. Le onls pagano 5 €. Orario di apertura del bar: dalle 6:30 alle 19:00 tutti giorni feriali e dalle 6:30 alle 12:00 i sabati.

I 15 eur si devono mettere in busta chiusa insieme al modulo di iscrizione compilato e fotocopia della carta d'identità. Il non pagamento comporta l'annullamento della prenotazione.


Comunicati Stampa

“Dai sopralluoghi delle nostre Guardie Ecologiche dei giorni scorsi – dichiara Massimo Becchi presidente di Legambiente Reggio Emilia – sono emersi nuovi abbandoni nelle campagne intorno alla città: di particolarmente consistente è da segnalare l’abbandono di circa una ventina fra televiosori a tubo catodico e monitor a Reggio in via C. Marx prima di Roncocesi, dove in una casa abbandonata poco distante sono stati rinvenuti una cinquantina di pneumatici, materassi ed altri rifiuti. In particolare molti di questi erano stati scaricati dentro una vecchia stalla, quindi occultati alla vista di esterni. Per non farsi mancare nulla, sempre in prossimità di questi abbandoni è stato utilizzato il ponte chiuso sul T. Modolena, che collega via Marx con via Berneri come discarica, scaricando i rifiuti anche nel torrente. E’ evidente che questi rifiuti sono stati scaricati da furgoni e non certo da autovetture. A norma di legge sarà a cura del proprietario bonificare l’area della casa colonica in disuso, così come si consiglia in generale la chiusura di carraie non più in uso e di abitazioni dismesse, visto che solo con operazioni di dissuasione energiche si possono evitare questi abbandoni”