03-03-2009: Vita difficile per i disabili a Ligonchio - Il turismo in montagna non deve trascurare questi aspetti

Reggio Emilia 3 marzo 2009

VITA DIFFICILE PER I DISABILI A LIGONCHIO - IL TURISMO IN MONTAGNA NON DEVE TRASCURARE QUESTI ASPETTI

Dopo alcune richieste ed altrettante segnalazioni pervenute da diverse Cooperative Sociali che si occupano di persone diversamente abili, Legambiente Reggio Emilia, da sempre sensibile anche a queste tematiche, esprime preoccupazione ed indignazione per la mancata ultimazione dei lavori riguardanti la realizzazione di un ascensore per persone diversamente abili presso la Palestra Comunale di Ligonchio.

"Che l'Italia fosse il Paese dei lavori lasciati a metà - dichiara Massimo Becchi, Presidente della Legambiente Reggio Emilia - già si sapeva. Certo, lo stupore e la rabbia aumentano quando questa negligenza riguarda lavori che dovrebbero, attraverso contributi pubblici, agevolare l'accesso, almeno nelle strutture pubbliche, alle persone diversamente abili. E' qualtomeno strano che un Comune, che dovrebbe puntare sul turismo per il proprio rilancio economico, impieghi ben tre anni per realizzare un'ascensore e fatalmente si "dimentichi", però, di ultimare il prolungamento della balconata che permetterebbe alle carrozzine di poter entrare nella Palestra. Senza quest'ultimo metro quadrato l'opera risulta infatti essere inutilizzabile. Agli occhi delle persone non è altro che l'ennesimo brutto esempio di spreco del denaro pubblico."

"Un problema simile lo abbiamo all'Ostello Comunale della Gioventù di Casalino, sempre a Ligonchio, che Legambiente Reggio Emilia gestisce, con successo e soddisfazione, dal 1 Agosto 2008. Durante questi mesi di attività - racconta Sara Zannoni, responsabile del settore Scuola ed Educazione Ambientale per l'Ostello - è capitato sovente di non riuscire ad ospitare gruppi e Cooperative Sociali che operano nel campo della disabilità. Nonostante gli obblighi introdotti da ormai diversi anni, mirati ad eliminare le barriere architettoniche negli edifici pubblici (Decreto Ministeriale 236/89 e Decreto del Presidente della Repubblica 503/96 "Regolamento recante norme per l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici"), anche al nostro Ostello è toccata la stessa sorte della Palestra. Infatti, pur essendo di proprietà Comunale e finanziato con Fondi Europei, ci siamo ritrovati nell'impossibilità di accogliere persone diversamente abili in quanto non esite l'ascensore e non è stata previsto nulla che porti i disabili al primo piano dove è stata progettata e realizzata una stanza ad hoc."

" Per questo motivo - conclude Becchi - chiediamo al Comune di impegnarsi nel completamento dei lavori riguardanti l'ascensore della Palestra, evitando così che i disabili abbiamo difficoltà di accesso, considerato che la stagione turistica primavera-estate 2009 è ormai alle porte e Ligonchio non merita certo di essere ricordato come il Capoluogo dell'insensibilità nei confronti delle persone diversamente abili."

L' ufficio stampa: 348.7419763

 

Il Riciclo, mercatino del riuso di Legambiente

In considerazione delle nuove norme chi dovrebbero uscire a breva da parte della regione Emilia romagna riguardanti i mercatini del riuso, il nostro primo mercatino Il Riciclo al parcheggio della Polveriera nel 2020 si terrà domenica 17 maggio (previa autorizzazione da parte dell'amministrazione comunale di Reggio Emilia).

Tutti coloro che intendono partecipare al mercatino "Il Riciclo" di Legambiente Reggio Emilia devono REGISTRARSI preventivamente sul sito http://mercatini.legambientereggioemilia.it compilando i dati richiesti. Seguirà da parte di Legambiente la conferma della avvenuta registrazione. La registrazione - e solo questa- da la possibilità d'iscriversi ai mercatini alla data e ora di volta in volta stabiliti durante l'anno.

Comunicati Stampa

Solo nell’ultimo weekend dai sopralluoghi delle nostre Guardie Ecologiche – dichiara Massimo Becchi presidente di Legambiente Reggio Emilia – sono emersi due nuovi abbandoni nelle campagne intorno alla città, di particolare gravità visto che si tratta di rifiuti speciali e di ritrovamento di diversi sacchi contenente cartongesso, abbandonati nell’alveo del torrente Crostolo in località Cadelbosco di Sopra. Per non farsi mancare nulla, in prossimità di Casa Manfredi a Villa Sesso durante una attività di plogging sono stati rinvenuti 30 sacchi contenuti scarti edili. E’ evidente che questi rifiuti sono stati scaricati da furgoni e non certo da autovetture. In questi casi le nostre Guardie Ecologiche hanno verificato l’eventuale presenza di elementi atti a rintracciare i responsabili e poi segnalato agli organi competenti. Non sono mancate le sorpese al parco del Mauriziano, da poco oggetto di pulizia, dove, oltre alla ormai immancabili sinringhe, è stata rinvenuta una pistola scacciacani e dei sex toys.

A fronte di queste situazione si è registrato nelle ultime settimane un aumento esponenziale delle iniziative di pulizia da parte dei cittadini, che armati di sacchetti e guanti, da soli o in piccoli gruppi, hanno raccolto rifiuti in tutta la provincia: un’iniziativa lodevole che a Reggio in particolare si scontra però con l’impossibilità di conferire questi rifiuti nelle isole ecologiche a seguito del nuovo sistema di tariffazione puntuale dei rifiuti indifferenziati e del conseguente divieto da parte dei cittadini di portare i sacchi di ingombranti nelle isole ecologiche, con il rischio che poi quanto raccolto resti a lungo a bordo strada.

Per tutelare il nostro territorio resta fondamentale la collaborazione con i cittadini, che frequentano luoghi solitamente non controllati dalla normale vigilanza. Per le segnalazioni si può chiamare il n° 0522.431166 o scrivere a info@legambientereggioemilia.it