Reggio Emilia 20 novembre 2008

AL VIA LA FESTA DELL'ALBERO

Più clorofilla e meno effetto serra: l'obiettivo della quattordicesima edizione della Festa dell'Albero, la campagna di Legambiente dedicata alla messa a dimora di nuovi alberi.

Tra le giornate di venerdì 21 e domenica 30 novembre, Legambiente Reggio Emilia sarà presente in vari paesi e città della nostra provincia per colorare di verde gli angoli grigi dei nostri centri urbani.

Vuoi una città più bella? Vivibile? Verde? Hai mai piantato un albero? Ogni angolo grigio e brutto della tua città è il posto giusto! Rimbocchiamoci le maniche e iniziamo a pennellare di verde la nostra città. Il 21 novembre è il giorno perfetto per iniziare. Unisciti alla Festa dell'Albero di Legambiente: una giornata realizzata con la collaborazione di Mercatone Uno e dedicata alla messa a dimora di nuovi alberi e al rispetto della natura.

"E' da molti anni " dichiara Massimo Becchi Presidente di Legambiente Reggio Emilia " che organizziamo questa iniziativa e sono soprattutto le scuole le più sensibili. Questa festa, di origine celtiche, una delle più antiche cerimonie nate in ambito forestale, rappresenta la celebrazione che dimostra come il culto e il rispetto dell'albero affermino il progresso civile, sociale, ecologico ed economico di un paese. La pianta che verrà distribuita durante la Festa dell'Albero è l'alloro, Laurus nobilis. È stata scelta perché è una pianta perenne e spontanea, gradevole e profumata, che può essere coltivata in vaso sui balconi o a terra. Si presenta, poiché sottoposta a potatura, in forma arbustiva di varie dimensioni ma è un vero albero alto fino a 10 m.

Le foglie si possono usare in cucina, per salse, per aromatizzare carni e pesci, per preparare liquore digestivo con aggiunta di alcool, come rimedio casalingo per allontanare le tarme dagli armadi (è un'alternativa alla canfora) e per la preparazioni di decotti rinfrescanti o pediluvi.

L'alloro, nell'antica Grecia era una pianta sacra ad Apollo a tal punto che in seguito diventò il simbolo di pazienza, gloria e trionfo. Il dio stabilì inoltre, cingendosi il capo con ghirlande fatte di fronde d'alloro che avrebbero fatto la stessa cosa tutti i mortali che avrebbero compiuto atti eroici. Dal 776 a.C. i vincitori delle olimpiadi vennero incoronati con l'alloro proprio in onore di questa tradizione.

Grazie alla Festa dell'Albero l'anno scorso, Legambiente e ANVE (Associazione Nazionale Vivaisti Esportatori) sono riusciti a dare dimora a ben un milione di alberi! E quest'anno siamo ancora più ambiziosi: vogliamo arrivare a quota 1.500.000 per accrescere il nostro contributo verde al protocollo di Kyoto per salvare il Pianeta dall'effetto serra e dal surriscaldamento globale.

Gli appuntamenti sono presso le seguenti scuole:

Scuola Primaria Matilde di Canossa in V.le Umberto I Reggio Emilia
Scuola Primaria S. Agostino (centro storico) Reggio Emilia
Scuola Primaria G. Carducci Reggio Emilia
Scuola Primaria Zibordi (Montegrappa) Reggio Emilia
Scuola Primaria di Fabbrico

dove i bambini di queste scuole primarie, aiutati dai volontari di Legambiente, pianteranno arbusti ed alberelli nei giardini scolastici.

Domenica 30 novembre si terrà a Vezzano sul Crostolo Ri-vivo iniziativa di piantumazione di mandorli ed altre piante tipiche in un podere della frazione Paderna.

L'iniziativa è promossa insieme al Mercatone Uno di Rubiera, partners dell'iniziativa.

L'ufficio stampa 348.7419763

 


 

 

Il Riciclo, mercatino del riuso di Legambiente

Legambiente RE effettuerà in Polveriera un mercatino del riuso chiamato "IL Riciclo". L'intento è quello di favorire una seconda vita agli oggetti e alle cose delle nostre case. Le date di quest'anno sono le seguenti:

Domencia 14 ottobre 2018 inizio iscrizione lunedi 17 settembre 2018 ore 20:00 e pagamento della quota (15 eur) entro venerdi 28 settembre ore 12:00

Domencia 11 novembre 2018 inizio iscrizione lunedi 15 ottobre 2018 ore 20:00 e pagamento della quota (15 eur) entro venerdi 26 ottobre ore 12:00 

Per iscriversi al mercatino mandare una mail a partire dalla data e ora segnalata come inizio iscrizione con la prenotazione indicando nome, cognome, numero di telefono e comune di residenza, tutto in una unica riga diviso da spazi, come da esempio di seguito,

ROSSI PAOLO 340/XXXXXXX CAVRIAGO (RE)

all'indirizzo:

mercatino@legambientereggioemilia.it

Le iscrizioni saranno accettate in ordine cronologico di arrivo a partire rigorosamente dalle ore 20:00:00. Sarà inviata risposta di accettazione, con le indicazioni organizzative, entro 24 ore.

Non si spedirà una mail per la non accettazione. Non saranno ammesse prenotazioni telefoniche. Con ogni mail è possibile prenotare una singola piazzola. Ogni persona può effettuare una sola iscrizione.

Sono ammessi al mercatino solo coloro che si presenteranno con una autovettura (per il trasporto di persone). Anche i mezzi di supporto, che poi dovranno uscire, dovranno essere autovetture. Non sarà ammesso un altro tipo di veicolo che non sia una autovettura.

Nel corso dell'anno non si può partecipare più di due volte come espositore.

Prezzo della piazzola euro 15, da pagare in anticipo al Loco bar presso il circolo colombofilo in via Mazzacurati, 30 nelle date sopra indicate. Le onls pagano 5 €. Orario di apertura del bar: dalle 6:30 alle 19:00 tutti giorni feriali e dalle 6:30 alle 12:00 i sabati.

I 15 eur si devono mettere in busta chiusa insieme al modulo di iscrizione compilato e fotocopia della carta d'identità. Il non pagamento comporta l'annullamento della prenotazione.


Comunicati Stampa

“Dai sopralluoghi delle nostre Guardie Ecologiche dei giorni scorsi – dichiara Massimo Becchi presidente di Legambiente Reggio Emilia – sono emersi nuovi abbandoni nelle campagne intorno alla città: di particolarmente consistente è da segnalare l’abbandono di circa una ventina fra televiosori a tubo catodico e monitor a Reggio in via C. Marx prima di Roncocesi, dove in una casa abbandonata poco distante sono stati rinvenuti una cinquantina di pneumatici, materassi ed altri rifiuti. In particolare molti di questi erano stati scaricati dentro una vecchia stalla, quindi occultati alla vista di esterni. Per non farsi mancare nulla, sempre in prossimità di questi abbandoni è stato utilizzato il ponte chiuso sul T. Modolena, che collega via Marx con via Berneri come discarica, scaricando i rifiuti anche nel torrente. E’ evidente che questi rifiuti sono stati scaricati da furgoni e non certo da autovetture. A norma di legge sarà a cura del proprietario bonificare l’area della casa colonica in disuso, così come si consiglia in generale la chiusura di carraie non più in uso e di abitazioni dismesse, visto che solo con operazioni di dissuasione energiche si possono evitare questi abbandoni”