Piazza Della Vittoria - Cedri Abbattuti per costruire Garage

Reggio Emilia, li 3 luglio 2014

 

COMUNICATO STAMPA

 

ALTRI DUE CEDRI ABBATTUTI IN PIAZZA DELLA VITTORIA, PER COSTRUIRE GARAGES, CHE NESSUNO VUOLE IN CITTÀ, AD ESCLUSIONE DELLA PRECEDENTE AMMINISTRAZIONE COMUNALE.

 

 

Questa è la denuncia che Legambiente fa a tutta la cittadinanza, che senza prendere posizione, lascia che gli affari abbiano il sopravvento sulla loro città.

L’appello di Legambiente è rivolto, oltre che ai cittadini, ai nuovi eletti del Consiglio comunale, affinchè alzino la voce e si facciano sentire per far cessare questo scempio in Piazza della Vittoria.

Chiediamo inoltre che, gli uffici preposti alla tutela del patrimonio artistico culturale si attivino e facciano valere le ragioni della storia, del nostro passato e della nostra cultura e che la bellezza possa avere la meglio contro la mera speculazione fine a se stessa.

Rivolta all’ impresa che effettua i lavori , Legambiente, notoriamente dalla parte della città, promette la massima attenzione affinchè durante gli scavi non vengano rovinati o danneggiati reperti di valore storico. Se questo accadesse sarà nostra cura comunicarlo a tutti i cittadini e, laddove lo riterremo utile, agl’organi nazionali di stampa, in modo tale che la denuncia possa avere risonanza nazionale.

Ora che il consiglio comunale – conclude Legambiente – è cambiato, il Consiglio ci aspettiamo che il buonsenso, il senso civico e l’amore per la propria città tornino in Sala del Tricolore.

 

L’ufficio stampa: 348.7419763

 
Ritorna il Campo Giochi estivo BioloGioco 2014

DAL 9 GIUGNO, PER IL DECIMO ANNO CONSECUTIVO, INIZIA IL CAMPO GIOCHI PER RAGAZZI “BIOLOGIOCO” PRESSO L'AGRITURISMO LA RAZZA A CANALI

Il Biologioco alla Razza a Canali (in via Monterampino) è una proposta alternativa per far passare un'estate all'aria aperta ai propri figli che potranno così conoscere ed apprezzare la vita di campagna, fare amicizia con i cuccioli che popolano la fattoria ed esplorare la natura circostante.

All’interno di una stalla in disuso opportunamente riadattata e adibita ad esclusivo uso del campo giochi, i ragazzi potranno allevare i piccoli animali della fattoria e godere degli ampi spazi aperti dell’azienda agricola con il vicino torrente. Oltre a ciò verranno proposte varie attività ludiche, atelier di riuso creativo di materiali di riciclo, visite a fattorie didattiche e strutture di emergenza, ecc...il tutto tenendo sempre presenti le finalità di educazione ambientale del campo.”

Le attività sono quindi all’aria aperta ed in un contesto lontano da quello solito scolastico, in mezzo al verde e agli animali, con la contemporanea comodità per i genitori di trovarci in piena città. Ogni settimana verrà dedicata ad una specifica tematica ambientale, di modo che attraverso giochi, teatro, animazione, visite didattiche ecc. i bambini possano confrontarsi in maniera più consapevole con la realtà che li circonda...e tutto questo divertendosi.

Scarica qui il volantino per le iscrizioni

 
REGGIO+LO - Il volontariato non trema

Si terrà il 28 e 29 marzo, nel Teatro della parrocchia di Sant'Agostino, in via Reverberi 3, l'evento conclusivo del progetto del Servizio Civile Nazionale, dedicato ai beni culturali.

SCARICA IL VOLANTINO!
 
Pendolaria 2013

Anche quest'anno, in occasione di Pendolaria, la campagna dell’associazione dedicata alla mobilità sostenibile e ai diritti di chi ogni giorno si sposta in treno, quest’anno abbiamo indagato sulla situazione delle tre linee ferroviarie locali, che dal capoluogo raggiungono Ciano, Guastalla e Sassuolo. Attraverso l’impegno dei volontari del Servizio Civile Nazionale, durante tutto il corso di dicembre, sono state ispezionate nuovamente tutte le fermate delle tre linee, verificando i parametri su cui indagammo lo scorso anno, come la presenza di edifici (stazioni), servizi igienici, obliteratrici, panchine, pattumi, biglietterie e stato di pulizia, e prendendo in considerazione ulteriori aspetti legati alla sicurezza, quali la presenza della linea gialla e delle recinzioni. La scelta di includere anche questi fattori nella nostra indagine è data dal fatto che riteniamo la sicurezza uno degli aspetti fondamentali per chi usufruisce dei servizi ferroviari.

Leggi tutto...
 
« InizioPrec.12345678910Succ.Fine »

Pagina 1 di 10

Guardie Ecologiche Volontarie

NEWS

Riparte in autunno 2012 il corso per aspiranti GEV. Per info: 348-7419763


Le G.E.L. sono agenti ed operatori ambientali a tutto campo. Collaborano con gli Enti ed organismi pubblici competenti in materia ambientale, segnalando le infrazioni e con possibilità di emettere sanzioni.

ULTERIORI INFORMAZIONI

Comunicati Stampa

Reggio Emilia, li 3 luglio 2014

 

COMUNICATO STAMPA

 

ALTRI DUE CEDRI ABBATTUTI IN PIAZZA DELLA VITTORIA, PER COSTRUIRE GARAGES, CHE NESSUNO VUOLE IN CITTÀ, AD ESCLUSIONE DELLA PRECEDENTE AMMINISTRAZIONE COMUNALE.

 

 

Questa è la denuncia che Legambiente fa a tutta la cittadinanza, che senza prendere posizione, lascia che gli affari abbiano il sopravvento sulla loro città.

L’appello di Legambiente è rivolto, oltre che ai cittadini, ai nuovi eletti del Consiglio comunale, affinchè alzino la voce e si facciano sentire per far cessare questo scempio in Piazza della Vittoria.

Chiediamo inoltre che, gli uffici preposti alla tutela del patrimonio artistico culturale si attivino e facciano valere le ragioni della storia, del nostro passato e della nostra cultura e che la bellezza possa avere la meglio contro la mera speculazione fine a se stessa.

Rivolta all’ impresa che effettua i lavori , Legambiente, notoriamente dalla parte della città, promette la massima attenzione affinchè durante gli scavi non vengano rovinati o danneggiati reperti di valore storico. Se questo accadesse sarà nostra cura comunicarlo a tutti i cittadini e, laddove lo riterremo utile, agl’organi nazionali di stampa, in modo tale che la denuncia possa avere risonanza nazionale.

Ora che il consiglio comunale – conclude Legambiente – è cambiato, il Consiglio ci aspettiamo che il buonsenso, il senso civico e l’amore per la propria città tornino in Sala del Tricolore.

 

L’ufficio stampa: 348.7419763

 

eggio Emilia, li 20.06.2014

COMUNICATO STAMPA

SETTIMANA DELLA PROTEZIONE CIVILE – I VOLONTARI DI LEGAMBIENTE METTONO IN SICUREZZA OPERE PITTORICHE E ARREDI SACRI A CORREGGIO

I volontari del circolo Legambiente Reggio Emilia nella giornata del 14 giugno scorso, in occasione della Settimana della Protezione Civile, hanno dato vita a due momenti di Salvaguardia del patrimonio culturale a Correggio mettendo in sicurezza due opere pittoriche e diversi oggetti sacri. Nata come esercitazione del gruppo per la salvaguardia del Patrimonio Culturale del Coordinamento delle Organizzazioni di Volontariato di Reggio Emilia in collaborazione con il Museo Il Correggio, di fatto si è trattata di una operazione di messa in sicurezza e trasporto vera e propria, suddivisa in due fasi: un primo momento è stato dedicato al trasporto (in sicurezza e scortati dalla Polizia Municipale) di due opere pittoriche del ‘600 aventi un ingombro di circa 2 metri per 3,5 fino al Museo Il Correggio, dove sono state sistemate all’interno delle sale espositive a cura dei volontari con la supervisione del direttore del museo, dott. Gabriele Fabbrici, per poter essere ammirate da tutta la cittadinanza. Le due opere erano custodite all’interno del Convitto Corso e sono in ottimo stato di conservazione, ma non erano visitabili liberamente dalla popolazione. Un secondo momento, invece, è stato dedicato all’adiacente chiesa di San Giuseppe Calasanzio, abbandonata da diversi anni, tanto che diversi cittadini, vedendo la porta aperta, si sono fermati per sbirciare e commentare con un “non l’avevo mai vista aperta questa chiesa” oppure con “è da una vita che non ci entro, non me la ricordavo più”. I volontari si sono adoperati per spolverare, catalogare e preparare al trasporto diversi oggetti facenti parte degli arredi sacri presenti all’interno della sagrestia, per poi trasportarli in un deposito sicuro.

Questo gruppo di volontari di Legambiente è nato diversi anni fa all’interno dell’ Associazione e fino a poco tempo fa aveva operato al di fuori del territorio provinciale, in collaborazione con altre realtà sparse per l’Italia; da qualche anno, prima in regione e poi all’interno del Coordinamento Provinciale è stata attivata la funzione dedicata alla salvaguardia del patrimonio culturale e sono stati formati anche altri volontari aderenti a diverse associazioni, da cui è nato il gruppo provinciale.

L’Ufficio stampa: 348.7419763

 

Processo per furto di sabbia del Po nel Reggiano - Legambiente vince anche nell’ultimo grado del giudizio

Soddisfazione dell’associazione per la conferma anche in Cassazione della sentenza di secondo grado: “Abbiamo finalmente vinto questa lunga battaglia per la difesa della legalità sulle sponde del Grande Fiume”

Mercoledì 11 giugno è stata posta la parola “fine” alla lunga vicenda giudiziaria che ha preso il via nel 2008, e che ha visto Legambiente costituirsi parte civile fin dall’inizio del processo: dopo la sentenza in primo e in secondo grado, la condanna di tutti gli imputati è stata infine confermata anche in Cassazione.

A distanza di undici anni dall’accaduto, e sei dall’inizio del processo, quattro persone sono state condannate in via definitiva per il reato ambientale avvenuto nel novembre 2003 in provincia di Reggio Emilia, dove la Polizia Giudiziaria fermò in flagranza quattro dipendenti delle aziende Bacchi di Boretto e Terracqua di Viadana, che vennero quindi arrestati e processati per direttissima. Gli uomini si trovavano in piena notte a bordo di una moto draga, nel mezzo dell’alveo del fiume in prossimità di Boretto (RE), intenti ad estrarre la preziosa sabbia del Po.

Una grande vittoria per l’associazione ambientalista, arrivata grazie al lavoro costante e determinato dell’Avv. Francesco Paolo Colliva, Presidente regionale del Centro di azione giuridica di Legambiente.

“Finalmente – dichiara Massimo Becchi presidente di Legambiente Reggio Emilia – si è arrivati alla fine di uno dei tanti filoni di indagine sulle escavazioni di sabbia abusive dal letto del Po, probabilmente responsabili anche di parte del dissesto del fiume, che ha visto negli anni un abbassamento del letto molto marcato, proprio a causa del minor apporto di materiale solido verso valle. Purtroppo non possiamo essere soddisfatti di altre inchieste sempre sulle escavazioni, che sono state archiviate o con processi ancora da fare, vanificando il lavoro degli organi di polizia giudiziaria e di tutti coloro che hanno creduto nel ritorno della legalità sul fiume. Per questo chiediamo anche un incontro al Procuratore Capo di Reggio, per far luce su tutte le inchieste che erano nella disponibilità del pubblico ministero Padula e di altri PM, ora non più in forza alla procura reggiana, in modo da evitare che la prescrizione sia l’epilogo di queste vicende.

Il tema della legalità in campo ambientale rimane all’ordine del giorno, come mostrano i dati del Dossier Ecomafie presentato solo pochi giorni fa, con 837 infrazioni accertate in un anno in Emilia-Romagna e la nostra associazione si batte per contrastare questi reati, sia in fase di denuncia che nelle sedi giudiziarie”.

 

L’ufficio stampa: 348.7419763