17 APRILE 2016 – REFERENDUM CONTRO LE TRIVELLE APPELLO DEL COMITATO NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI “VOTA SI’ PER FERMARE LE TRIVELLE”

Il 17 aprile 2016 il popolo italiano sarà chiamato a votare per il Referendum contro le Trivelle in mare. L’invito è di votare SI’ per abrogare la norma introdotta dall’ultima Legge di Stabilità che permette alle attuali concessioni di estrazione e di ricerca di petrolio e gas che insistono nella zona di mare vicina alla costa di non avere più scadenza. Con la Legge di Stabilità 2016, infatti, le licenze già in essere entro le 12 miglia dalla costa sono diventate “sine die”.

Le trivelle sono il simbolo tecnologico del PETROLIO: vecchia energia fossile causa di inquinamento, dipendenza economica, conflitti, protagonismo delle grandi lobby. La vera posta in gioco di questo Referendum è quella di far esprimere gli italiani sulle scelte energetiche strategiche che deve compiere il nostro Paese, in ogni settore economico e sociale per un’economia più giusta, rinnovabile e decarbonizzata. Non dobbiamo continuare a difendere le grandi lobby petrolifere e del fossile, ma affermare la volontà dei cittadini, che vorrebbero meno inquinamento, e delle migliaia di imprese che stanno investendo sulla sostenibilità ambientale e sociale. Per pochi barili di petrolio non vale certo la pena mettere a rischio il nostro ambiente marino e terrestre ed economie importanti come la pesca e il turismo, vere ricchezze del nostro Paese. Intanto, mancano strategia e scelte concrete per realizzare gli obiettivi di riduzione delle emissioni fissati dalla COP21 nel vertice di Parigi per combattere i cambiamenti climatici, in cui si è sancita la volontà di limitare l’aumento del riscaldamento globale a 1,5°C.

Quindi il vero quesito è: Vuoi che l’Italia investa sull’efficienza energetica, sul 100% fonti rinnovabili, sulla ricerca e l’innovazione?

Al Referendum del 17 Aprile inviteremo i cittadini a votare SI’, perché vogliamo che il nostro Paese prenda con decisione la strada che ci porterà fuori dalle vecchie fonti fossili, innovi il nostro sistema produttivo, combatta con coerenza l’inquinamento e la febbre del Pianeta.

Il Governo, rimanendo sordo agli appelli per l’Election Day che avrebbe permesso l’accorpamento del Referendum con le elezioni amministrative, ha deciso di sprecare soldi pubblici per 360 milioni di euro per anticipare al massimo la data del voto, puntando così sul fallimento della partecipazione degli elettori al Referendum.

Il Governo sta scommettendo sul silenzio del popolo italiano! Noi scommettiamo su tutti i cittadini che vorranno far sentire la loro voce e si mobiliteranno per il voto.

Per essere più efficaci, abbiamo costituito il Comitato nazionale “Vota SI’ per fermare le trivelle” per unire le forze di tutte le organizzazioni sociali e produttive affinché la Campagna referendaria diventi l’occasione per mettere al centro del dibattito pubblico le scelte energetiche strategiche che dovrà fare il nostro Paese, per un’economia più giusta e innovativa. Ci impegniamo ognuno nel proprio ambito e insieme per invitare gli italiani a recarsi al voto e votare SI’.

 


 
NONTISCORDARDIMè Reggio Emilia 2016

L’8 e 11 Marzo comincia Nontiscordardimé - Operazione scuole pulite 2016, la giornata nazionale di volontariato ambientale organizzata da Legambiente per la qualità e la vivibilità degli edifici scolastici. Gli eventi in programma sono tanti e mirano ad abbellire gli spazi scolastici con nuovi arredi esterni, messa a dimora di piante e fiori nei cortili.

A Reggio Emilia sono numerose le scuole che hanno aderito all’iniziativa

Un’esperienza di educazione alla cittadinanza attiva importante per i ragazzi e utile perché mette in luce, soprattutto con le amministrazioni competenti, le eventuali problematiche e le necessità di intervento negli edifici. Un’occasione per prendersi cura della propria scuola e dell’ambiente e per sensibilizzare i bambini su tematiche spesso poco trattate.

Nella Scuola Primaria “Dante Alighieri”, l’11 Marzo dalle 8,30, gli alunni di terza A, B e quarta A, B assieme i volontari di Legambiente si adopereranno a pulire e a realizzare un vero e proprio orto all’interno del cortile della scuola, con l’utilizzo del kit “L’orto va a scuola” dell’agronomo Nicola Caffi.

Nella stessa giornata anche la scuola dell’ infanzia “Michelangelo” ha organizzato, con i genitori degli alunni, lavori per la creazione di aree gioco con materiali di recupero, risistemazione di  arredi esterni e piantumazione di rampicanti. Inoltre si modificherà  l’impianto di irrigazione per permettere l’innaffiatura delle nuove piante.

La Scuola Primaria “Bergonzi”, nel pomeriggio del 15 Marzo insieme ad alunni, insegnanti, genitori, rimodernerà l’arredamento esterno e pianterà alcune piccole piante nella serra dell’istituto.

Altre due date importanti sono il 18 e il 22 Marzo dove la Scuola Primaria “Carducci” e la Scuola Primaria “Ada Negri” vedranno gli alunni coinvolti assieme ai volontari di Legambiente a pulire tutta la zona cortiliva della scuola e a mettere a dimora piante portate dagli studenti.

Tutte le attività organizzate, tra cui la gestione dell’orto e delle piante messe a dimora, sono pensate per essere facilmente gestite in autonomia dalle insegnanti e dagli alunni che hanno aderito al Nontiscordardimè. I ragazzi avranno l’occasione di verificare alcune fasi dello sviluppo direttamente in classe.

Tutte le iniziative saranno svolte con la collaborazione delle Guardie Ecologiche della Legambiente

Nontiscordardimé può essere il punto di partenza per un cambiamento effettivo: il desiderio di migliorare la propria scuola può stimolare i ragazzi nel loro sentirsi parte della comunità scolastica, nell’acquisire competenze importanti per il loro essere cittadini.

 

 

 
Puliamo Viano 2016

 
CONTINUANO I RINVENIMENTI DI ETERNIT NEL REGGIANO. L’ULTIMO IERI A REGGIO. NEL 2015 SONO STATE 156 LE SEGNALAZIONI DELLE NOSTRE GUARDIE ECOLOGICHE SULL’ABBANDONO DI RIFIUTI

“L’abbandono di rifiuti continua ad essere una delle priorità della vigilanza ambientale della nostre Guardie Ecologiche – dichiara Massimo Becchi presidente di Legambiente Reggio Emilia – e nel solo 2015 abbiamo segnalato agli organi competenti 156 situazioni da bonificare, fra cui 94 riguardano proprio la presenza di rifiuti, anche pericolosi, nel territorio. Altre 33 segnalazioni hanno poi riguardato auto in stato di abbandono, un fenomeno quasi sconosciuto fino a 5/6 anni fa, oggi invece molto presente, soprattutto nel contesto cittadino.
I veicoli abbandonati vengono spesso cannibalizzati e danneggiati, costituendo un serio pericolo per l’ambiente, per la presenza di liquidi tossici, olii ed altri elementi ricchi di inquinanti.
Il Comune che in assoluto presenta più abbandoni è certamente Reggio, sia per la sua estensione territoriale che per al concentrazione di attività: non è un caso quindi che ieri, in via Gramsci, poco prima del campo nomadi, sia stato rinvenuto nei pressi di un vecchio casolare poco distante dalla strada stessa un notevole quantitativo di eternit abbandonato, oltre a copertoni, pezzi di trasformatori elettrici e rifiuti vari.
Preoccupa anche il fatto che l’eternit è sbriciolato e in quantità notevoli.

Purtroppo questo tipo di abbandoni è molto frequente (23 casi a livello provinciale segnalati dalle nostre Guardie Ecologiche) proprio perchè in molti stanno dismettendo le vecchie coperture, spesso arrivate a fine ciclo, e ci si può far tentare dai prezzi bassi che alcune ditte propongono per la loro rimozione e smaltimento. Il risultato è che poi i costi vengono accollati ad un privato ignaro del tutto e solo responsabile della omessa custodia del suo casolare o del sito, o alla collettività, costringendo il comune a costose bonifiche.
Per questo – conclude Becchi – la vigilanza ambientale fatta dai nostri volontari assume sempre più un ruolo centrale nelle politiche di conservazione del territorio”.

 

 

amianto

 
« InizioPrec.12345678910Succ.Fine »

Pagina 9 di 22

Campo estivo Biologioco 2017

Il campo giochi è situato all’interno dell’azienda agricola e fattoria del golf “La Razza” in località Canali a Reggio Emilia. 
Le attività si svolgeranno sia all’aperto che all’interno di una stalla risistemata e adibita a campo giochi, nell’intento di fornire un ambiente il più accogliente possibile e certamente diverso da quello che i bambini vedono tutti i giorni.
Un giorno alla settimana è dedicato alla piscina.

Biologioco si caratterizza per i laboratori didattici legata all’ambiente e per il contatto con piccoli animali (conigli, galline, pecore…).
Il rapporto fra educatori e bambini è di circa un educatore ogni 10 bambini. 
Età da 4 a 12 anni.

Costo Settimanale: 50 € da versare al momento dell’iscrizione con sconto di 5 € per i fratelli. Quota a parte per le uscite (eccetto la piscina).

Da lunedì 12 giugno a venerdì 28 luglio e da lunedì 21 agosto alla ripresa delle scuole, dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 13.00 (accoglienza dalle 7.30).

Si consiglia di portare un cambio, la merenda e usare scarpe chiuse.

Per iscriversi basta compilare la scheda allegata e consegnarla direttamente o spedirla (via Fax o email) a:

Legambiente Reggio Emilia
Via Mazzacurati, 11 - 42122 Reggio Emilia
Tel 0522 431166 / Fax 0522 391458
segreteria@legambientereggioemilia.it

Per ulteriori informazioni su BioLoGioco rivolgersi direttamente
ai numeri 0522.431166 - 328.9860926 Irene

Scarica QUI la scheda d'iscrizione!

Scarica QUI il programma di questo estate!

E ADESSO!!!! Scarica QUi il programma al dettaglio di giugno e luglio!


Comunicati Stampa

Una nuova collaborazione tra Conad di Albinea e il campo giochi Biologioco di Legambiente

Per il tredicesimo anno consecutivo Legambiente Reggio Emilia ha organizzato il campo estivo Biologioco in località il Capriolo a Reggio Emilia: in una vecchia stalla riadattata i bambini possono provare l'esperienza di vivere a contatto con pecore, galline, conigli, prendersi cura di loro e sperimentarsi in attività e laboratori sui temi ambientali oltre che giocare in un luogo fuori dal contesto urbano, tra alberi e campi.
Quest'anno il Biologioco ha avuto anche un importante supporto dal Conad di Albinea, il quale ha collaborato attivamente per la riuscita di tutte le attività dei bambini del campo ma non solo: a tutti i partecipanti infatti è stato donato un buono sconto del 50% da utilizzare nel punto vendita per l'acquisto di cinque prodotti della nuova linea "Verso Natura" (Bio, Equo, Eco e Veg). Nell'ottica di un consumo sempre più sostenibile e sempre più attento al territorio, Legambiente Reggio Emilia ha scelto di collaborare alla diffusione di questi prodotti a tutte le famiglie che frequentano il Biologioco, così da incentivare l'acquisto di articoli più attenti alla salute delle persone e dell'ambiente.
"La collaborazione che è nata quest'anno tra Legambiente e Conad Albinea è una novità nella realtà dei campi gioco estivi - dichiara Massimo Becchi presidente di Legambiente - abbiamo scelto di promuovere la linea di questi prodotti tra le famiglie che frequentano il nostro campo, convinti che la diffusione dei prodotti coltivati con agricoltura biologica sia il futuro del nostro territorio, formato da medio-piccole aziende agricole che hanno trovato o possono trovare un'importante e remunerativo mercato, sempre più apprezzato fra i consumatori".
Il Biologioco si svolge in via Monterampino, nei pressi dell'Agriturismo La Razza. Ogni settimana sono previste attività con tematiche differenti: il programma completo è scaricabile dal sito internet www.legambientereggioemilia.it, per info e iscrizioni segreteria@legambientereggioemilia.it oppure 3289860926.