Felicità Sostenibile. Eventi di spudorata propaganda a sostegno dell'ambiente

Dal 19 al 28 gennaio si svolgerà a Reggio Emilia il Festival "Felicità Sostenibile".
Tra le varie iniziative Legambiente Reggio Emilia parteciperà all'evento intitolato GUERRILLA GREEN ART: Laboratori di arte verde dagli 0 anni in su che si svolgeranno il prossimo Sabato 27 gennaio dalle Ore 15.30 al Teatro Piccolo Orologio (Via J. E. Massenet, 23,angolo Via Bizet, Reggio Emilia RE). La guerrilla art è un mezzo di condivisione di un’idea. Può essere usata per abbellire o ricreare uno spazio privo di anima o personalità e portarlo a nuova vita. E’ una forma di propaganda aperta a chiunque. Può trasformare e aggiungere qualcosa al paesaggio naturale e culturale di un territorio, stimolando la creatività personale, migliorando lo spazio pubblico e creando comunità nel proprio quartiere. Ingresso gratuito e iscrizione consigliata (Email: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. | Tel. 0522-383178).

Vi invitiamo a partecipare numerosi all'iniziativa assieme ai vostri bambini e alle vostre famiglie!


Trovate tutte le iniziative di "Felicità Sostenibile" in questo link: https://www.mamimo.it/felicita-sostenibile.

Inoltre, vi segnaliamo come intervento molto interessante quello di Alberto Fiorillo (Portavoce Nazionale di Legambiente) come esperto nella mobilità giovedi 25 gennaio dalle 21:00

 
Dal 1 gennaio 2018 al bando i sacchetti di plastica leggeri e ultraleggeri Al loro posto shopper biodegradabili e compostabili a pagamento

Legambiente: “L’innovazione ha un prezzo ed è giusto che si paghi, purchè il costo sia equo. Fondamentale continuare la strada iniziata nel 2011 dall’Italia nella lotta all’inquinamento da plastica e per contrastare il marine litter”

L’anno nuovo si aprirà in Italia con una importante novità: dal 1 gennaio 2018 saranno messi al bando i sacchetti di plastica leggeri e ultraleggeri utilizzati per imbustare frutta e verdura, carne, pesce, affettati; al loro posto ci saranno shopper biodegradabili e compostabili ma saranno a pagamento. Una novità che è stata annunciata come l’ennesima stangata a discapito dei consumatori, ma per Legambiente non è corretto parlare di caro-spesa.

“L’innovazione ha un prezzo - dichiara Massimo Becchi presidente di Legambiente Reggio Emilia - ed è giusto che i bioshopper siano a pagamento, purchè sia garantito un costo equo che si dovrebbe aggirare intorno ai 2/3 centesimi a busta. Così come è giusto prevedere multe salate per i commercianti che non rispettano la vigente normativa. In questi anni gli italiani hanno apprezzato molto il bando dei sacchetti non biodegradabili, siamo sicuri che accoglieranno bene questa importante novità riguardante gli shopper leggeri e ultraleggeri finalmente compostabili. Occorre affrontare con efficacia il problema dell’usa e getta e allo stesso tempo contrastare il problema dei sacchetti illegali, ancora troppo diffusi, e promuovere le filiere delle produzione industriali innovative e rispettose dell’ambiente. Allo stesso tempo auspichiamo che l’Italia continui a seguire, con impegni e azioni concrete, la strada tracciata in questi anni e la strategia messa a punto, basata sulla corretta gestione dei rifiuti da parte dei comuni, l’economia circolare promossa dalle imprese e il contrasto al marine litter, grazie anche alle ultime novità arrivate dalla legge bilancio, e infine una maggiore tutela e salvaguardia dell’ambiente marino e della biodiversità”.

In Europa, secondo gli ultimi dati diffusi dall’EPA, si stima un consumo annuo di 100 miliardi di sacchetti, una parte di questi finiscono in mare e sulle coste. Legambiente ricorda che in questi anni l’Italia si è dimostrata un esempio virtuoso in Europa per la riduzione dell’uso delle buste di plastica ed è stato il primo paese europeo ad approvare, nel 2011, la legge contro gli shopper non compostabili. Ad oggi, anche se la misura non è del tutto rispettata, c’è stata una riduzione nell’uso di sacchetti del 55%. Se fosse esteso a tutti i Paesi del Mediterraneo e non solo, i risultati in termini sarebbero molto più rilevanti. Su scala mediterranea, la messa al bando degli shopper non compostabili è attiva in Italia, Francia e Marocco. Altri Paesi hanno introdotto delle tasse fisse (Croazia, Malta, Israele e alcune zone della Spagna, della Grecia e della Turchia). La Tunisia ha messo al bando le buste di plastica non biodegradabili nelle grandi catene di supermercati e Cipro metterà in atto la normativa europea a partire dal 2018.

 
Festa dell’Albero al Parco Nilde Iotti

L’iniziativa promossa da Legambiente per la messa a dimora di nuove piante

Nei giorni di domenica 26 e lunedì 27 novembre Legambiente Reggio Emilia all’interno del progetto del percorso partecipato del parco Nilde Iotti, organizzerà una piantumazione nell’area verde adiacente all’area giochi di via Keplero. Le piante che saranno messe a dimora, provengono dal progetto “Un albero per ogni nato” (Legge Reg. n. 113\1992) e sono messe a disposizione dal vivaio regionale ogni anno sulla base delle registrazioni anagrafiche dei neonati e dei bambini adottati nel nostro comune.

L’invito è aperto a tutta la cittadinanza e specialmente quelle famiglie che hanno visto arrivare un nuovo bambino nello scorso anno.

I tecnici del Comune hanno eseguito nei mesi scorsi il sopralluogo per identificare la corretta posizione e per scegliere le piante più adatte. Lo spazio individuato è coperto dall'impianto d'irrigazione e sono già state realizzare le buche per facilitarne la piantumazione

Saranno presenti all’iniziativa i volontari di Legambiente RE che spiegheranno ai partecipanti la corretta metodologia per la piantumazione e forniranno gratuitamente il materiale necessario dalle 9:00 alle 13:00.

La manifestazione si svolgerà anche grazie alla preziosa collaborazione della Regione Emilia-Romagna, Comune di Reggio Emilia, CEAS Multicentro, C.S. La Mirandola, C.S. Via Plauto e AIAPP Triveneto Emilia-Romagna.

Per informazioni è possibile contattare Legambiente Reggio Emilia al numero 3289860926.
CONCORSO FOTOGRAFICO: Vieni a piantare con noi il tuo albero, fai il tuo miglior sorriso, scatta una (o tante) foto, caricale aggiungendo "@Legambiente RE" nella descrizione, pubblicala e mettti "segui" sulla nostra pagina. La foto con più "mi piace" alle ore 0:00 del 1 dicembre 2017 vincerà un kit di gadget di Legambiente...in bocca al lupo!


 
« InizioPrec.12345678910Succ.Fine »

Pagina 10 di 34

Il Riciclo, mercatino del riuso di Legambiente

Legambiente RE effettuerà in Polveriera un mercatino del riuso chiamato "IL Riciclo". L'intento è quello di favorire una seconda vita agli oggetti e alle cose delle nostre case. Le date di quest'anno sono le seguenti:

Domencia 14 ottobre 2018 inizio iscrizione lunedi 17 settembre 2018 ore 20:00 e pagamento della quota (15 eur) entro venerdi 28 settembre ore 12:00

Domencia 11 novembre 2018 inizio iscrizione lunedi 15 ottobre 2018 ore 20:00 e pagamento della quota (15 eur) entro venerdi 26 ottobre ore 12:00 

Per iscriversi al mercatino mandare una mail a partire dalla data e ora segnalata come inizio iscrizione con la prenotazione indicando nome, cognome, numero di telefono e comune di residenza, tutto in una unica riga diviso da spazi, come da esempio di seguito,

ROSSI PAOLO 340/XXXXXXX CAVRIAGO (RE)

all'indirizzo:

mercatino@legambientereggioemilia.it

Le iscrizioni saranno accettate in ordine cronologico di arrivo a partire rigorosamente dalle ore 20:00:00. Sarà inviata risposta di accettazione, con le indicazioni organizzative, entro 24 ore.

Non si spedirà una mail per la non accettazione. Non saranno ammesse prenotazioni telefoniche. Con ogni mail è possibile prenotare una singola piazzola. Ogni persona può effettuare una sola iscrizione.

Sono ammessi al mercatino solo coloro che si presenteranno con una autovettura (per il trasporto di persone). Anche i mezzi di supporto, che poi dovranno uscire, dovranno essere autovetture. Non sarà ammesso un altro tipo di veicolo che non sia una autovettura.

Nel corso dell'anno non si può partecipare più di due volte come espositore.

Prezzo della piazzola euro 15, da pagare in anticipo al Loco bar presso il circolo colombofilo in via Mazzacurati, 30 nelle date sopra indicate. Le onls pagano 5 €. Orario di apertura del bar: dalle 6:30 alle 19:00 tutti giorni feriali e dalle 6:30 alle 12:00 i sabati.

I 15 eur si devono mettere in busta chiusa insieme al modulo di iscrizione compilato e fotocopia della carta d'identità. Il non pagamento comporta l'annullamento della prenotazione.


Comunicati Stampa

“E’ passato quasi un anno (quasi 9 mesi per la precisione) – dichiara Massimo becchi Presidente di Legambiente Reggio Emilia – dalla manifestazione di interesse del Comune di Reggio per l’affidamento al volontriato della manutenzione delle aree verdi, una procedura che ha sollevato non pochi problemi. Legambiente ha gestito negli ultimi anni le aree verdi del bosco urbano di San Prospero Strinati, di via Cagliari/via Palermo (sempre a S. Prospero) e di Sesso in via Betti, attraverso dei volontari. Certamente per complessità e dimensione il bosco urbano rappresenta quella più onerosa, essendo quasi 50.000 metri quadrati sui 72.000 complessivi e con un laghetto interno, che va controllato e gestito sia nel periodo estivo che nel caso di inverni secchi con l’immissione di acqua da altre fonti per evitare danni alla fauna ittica, senza contare l’abbandono di tartarughe alloctone fatti da cittadini, che poi vanno recuperate per evitare danni ad altre specie di animali ed infine non pochi problemi di sorveglianza e manutenzione ordinaria. Per questo si era deciso di partecipare alla manifestazione di interesse, procedura anomala per un’associazione, ma obbligata, senza però sottoscrivere la convenzione e facendo una controroposta all’amministrazione comunale che tenesse in conto non solo il senplice sfalcio del verde ma tutte le altre problematiche che abbiamo settimanalmente su queste aree. Non siamo infatti un’impresa di giardinaggio e non vogliamo diventarlo. Nonostante l’interessamento e gli incontro con l’Assessore Valeria Montanari e le rassicurazioni del Sindaco non possiamo che prendere atto che ad oggi nulla si è mosso nel concreto.

Ci scusiamo pertanto con i cittadini che frequentano il bosco urbano di San Prospero che – conclude Becchi - vista la situazione non è più stato seguito da metà agosto in poi, mentre sono state ugualmente sfalciate le aree di Sesso e via Cagliari/via Palermo, anche perché i costi vivi di questa gestione (soprattutto carburante per i trattorini e decespugliatori e le spese assicurative dei volontari) sono stati a carico di Legambiente. Da notare che l’Associazione collabora attivamente con altri servizi ed assessorati del Comune, con cui invece si procedere solitamente in modo molto rapido e preciso in caso di collaborazioni: un comportamento dell’ente pubblico molto difficile da comprendere”.