FESTA DELL'ALBERO PIANTATI NUOVI ALBERI PER LE SCUOLE DELLA CITTA’ NELLA TRADIZIONALE FESTA DELL’ALBERI DI LEGAMBIENTE

Si è svolta nei giorni del 19 e 20 novembre la Festa dell'Albero promossa da Legambiente Reggio Emilia. I volontari dell'associazione, le Guardie Ecologiche di Legambiente e i volontari del servizio civile si sono resi disponibili per le scuole della città donando decine di nuovi alberi e arbusti, lavorando gomito a gomito con studenti di diverse età, agendo in modo concreto sui giardini e le aree verdi degli istituti che necessitavano di essere rivalorizzati.

Al nido-scuola “Haiku” dei piccoli rappresentanti delle diverse classi hanno collaborato con i volontari piantumando un frassino nel giardino, quest'albero crescendo darà la possibilità di ombreggiare la zona dell'atelier esterno.

Alla scuola dell' infanzia “Michelangelo” bambini di tutte le classi hanno avuto la possibilità di sporcarsi le mani per mettere a dimora un giovane esemplare di acero campestre, che prenderà il posto di due piante recentemente abbattute poiché malate. É stata inoltre messo a dimore un esemplare di mora che ricoprirà una parte di rete che non possedeva siepe. Alla scuola dell' infanzia “Dante Alighieri” e alla scuola primaria omonima l'entusiasmo dei bambini di tutti le sezioni ha permesso la piantumazione di decine di esemplari, tra cui aceri, frassini, melograni, lauri, ibisco, sorbo ed erbe aromatiche, oltre a decine di piante da fiore portate dagli stessi studenti che ora daranno pregio a spazi verdi altrimenti inutilizzati.

Alla scuola primaria “Ada Negri” hanno trovato casa nel giardino della scuola noccioli, aceri e carpini. Questi si aggiungeranno agli alberi da frutto risalenti all'ultima piantumazione effettuata sempre dai volontari di Legambiente ben cinque anni fa. È stato inoltre montata una compostiera che verrà utilizzata per l'orto della scuola.

Alla scuola primaria “G.Carducci” si è intervenuti sulle fioriere con piantine portate dagli studenti, e i nostri volontari hanno donato alla scuola un sorbo e un nocciolo che sono stati messi a dimora grazie all'aiuto dei ragazzi.

Infine alla scuola primaria “4 Novembre” di Gavasseto si è assistito alla piantumazione di un frassino. Da segnalare che i ragazzi e le insegnanti di questa scuola non sono nuovi a collaborazioni che valorizzano l'ambiente: la scuola è infatti dotata di una macchina per il compost ed è stato creato all'interno dell'area cortiliva un piccolo fontanile in cui si cercherà di reintrodurre il gambero d'acqua dolce.

«Siamo molto contenti del risultato ottenuto» spiega il presidente Massimo Becchi «la collaborazione con le scuole è un punto cruciale della nostra azione di sensibilizzazione dei giovani sui temi ambientali. La Festa dell'Albero è un'ottima occasione per promuovere l'importanza che ricopre il verde per l'uomo, senza il quale la nostra esistenza su questo pianeta non sarebbe possibile.»

In tutti questi incontri i volontari e gli insegnanti non hanno mancato di rimarcare l'importanza di questo evento, che ha origini antichissime poiché veniva festeggiato addirittura al tempo degli antichi romani.

Le piantumazioni sono state possibili grazie alle generose donazioni del vivaio Torsiello di Bibbiano e l'Ufficio Verde Pubblico del Comune di Reggio Emilia.

.


 
VIGILANZA DELLE GUARDIE ECOLOGICHE DI LEGAMBIENTE ALLA FIERA ORNITOLOGICA 2015

Nelle date 20-21-22 Novembre a Reggio Emilia si è svolta la 76esima Fiera Ornitologica internazionale. Ben 22 mila gli uccelli in mostra, 1.800 allevatori e più di 800 espositori. La fiera ha richiamato un gran numero di persone tra curiosi, allevatori e appassionati.
Come ogni anno le Guardie Ecologiche Volontarie di Legambiente, il corpo delle Guardie Forestali, la Polizia Provinciale, gli ex volontari Lipu e i volontari del Servizio Civile Nazionale di Legambiente hanno collaborato durante le operazioni di vigilanza.
Già dalle 5.00 di Venerdì sono cominciati i controlli sui furgoni al casello autostradale di Reggio, dopodichè sono stati perlustrati sia il perimetro della fiera, per evitare casi di commercio illegale, sia l’interno dove ogni espositore è stato ispezionato. Le Guardie hanno verificato la presenza e integrità degli anelli FOI e la detenzione illegale di fauna selvatica autoctona. I controlli sono proseguiti fino a domenica sera e hanno portato al sequestro di circa 250-300 esemplari, tra cui numerosi Cardellini, Fanelli, Cince, Crocieri e Capinere.
Gli animali sono stati prontamente liberati in zona in genere, invece i Crocieri sono stati portati e liberati nelle vicinanze della pinetina di Vezzano da parte delle nostre Guardie Ecologiche.

 
Quintali di rifiuti raccolti dai volontari di Legambiente Reggio Emilia

Si conclude con un ottimo risultato la settimana di pulizia del Crostolo svolta dai volontari dell'associazione, le guardie ecologiche volontarie della Legambiente e i ragazzi del servizio civile.

Come precedentemente annunciato dal 9 al 13 novembre è stata compiuta un impresa titanica, sono stati ripuliti infatti il letto e le sponde del Crostolo dal parco “delle caprette” al ponte presso via Brigata Reggio da quintali di immondizia abbandonata.

Decine i sacchetti di grandi dimensioni portati all'isola ecologica ogni giorno, e anche quest'anno non sono mancate le sorprese di “grandi dimensioni”: materassi, biciclette, pezzi di automobili incidentate, un carrello della spesa, una cassaforte e un frigorifero.

Tra gli altri rifiuti si segnalano inoltre centinaia di siringhe abbandonate sotto il ponte di via Magenta, che le guardie ecologiche hanno provveduto a segnalare all'amministrazione comunale per la rimozione con i dovuti presidi. Questa zona in particolare è risultata essere la più sporca: oltre all'abbandono di questi rifiuti pericolosi, sono state raccolte centinaia di bottiglie di alcolici intorno alle panchine che sono sulla riva dalla parte del centro città, segno quindi che questi luoghi dovrebbero essere presi maggiormente in considerazione dalle forze dell'ordine, data anche la vicinanza delle scuole che sorgono a pochi passi.

«Il risultato di questa settimana ci fotografa una città tornata alle abitudini del passato» spiega il presidente Massimo Becchi «il fiume è tornato ad essere una discarica come si usava negli anni cinquanta, dove tutti possono gettare i propri rifiuti, come se non esistesse un servizio di raccolta. Quel che è peggio è che molti di questi abbandoni sono fatti a ridosso dei cassonetti. C'è quindi la volontà, da parte di certe persone, di inquinare e di creare un danno alla collettività. Abbiamo inoltre rilevato che ci sono accumuli a ridosso di determinati esercizi commerciali, anche di rifiuti pericolosi come batterie per motoveicoli. Ci organizzeremo per effettuare maggiori controlli con le nostre guardie ecologiche in queste aree, proprio per cercare di limitare e sanzionare i trasgressori.»

La pulizia di questi giorni aveva anche lo scopo di garantire che l'acqua, quando arriveranno le piene, sia in grado di defluire normalmente senza incontrare ostacoli. È stato inoltre segnalato all'AIPO, l'autorità competente per la pulizia della vegetazione nel fiume, la crescita smisurata di alberi e arbusti che potrebbero creare un ostacolo al normale deflusso delle acque.

Per di più non sono mancati gesti di scherno per i volontari, che si sono visti addirittura bersaglio di bottiglie di plastica piene lanciate dai ponti da alcuni vandali, i quali verranno probabilmente denunciati alle autorità competenti.

Da segnalare inoltre la presenza in queste giornate delle persone che stanno scontando la pena con il lavoro di pubblica utilità, i quali hanno avuto la possibilità di rendersi utili per la collettività lavorando gomito a gomito con i volontari.

Numerosi sono stati i cittadini che hanno assistito ai lavori e che hanno ringraziato personalmente i lavoratori per il servizio svolto.

Si spera che questa intensa settimana possa servire da esempio per tutti i cittadini, a dimostrazione che ci sono ancora persone che hanno a cuore il benessere e la cura del proprio territorio.

 

Puoi trovare le foto e il video dell'evento sul nostro profilo Facebook: Legambiente Reggio Emilia

 


 
Festa dell'albero 2015

Anche per il 2015 rinnoviamo l'invito  ad aderire alla Festa dell’Albero organizzata da Legambiente per promuovere l’importanza del verde e del ruolo vitale degli alberi, un'occasione per riqualificare le zone verdi, rendere più belle, vive e sostenibili le aree esterne comuni delle scuole, per far diventare la città più accogliente.

Come in passato, oltre alla consueta piantumazione di piccoli alberi, realizzata insieme a giovani e giovanissimi studenti delle scuole, sarà utile dimostrare la propria gratitudine e volontà di difesa verso gli alberi con semplici gesti simbolici volti a raccontare l’importanza delle piante nella lotta globale ai cambiamenti climatici così come nella vita quotidiana: foto, baci e abbracci, costituiranno gli anelli di una catena a difesa degli alberi, che dal 20 al 22 novembre si costituirà in tutta Italia e in molti Paesi d’Europa.

Per le adesioni sul sito è possibile registrarsi su www.legambientescuolaformazione.it/articoli/festa-dellalbero-0 sarà possibile richiedere il kit dei materiali per Classe per l'ambiente o per Scuola sostenibile o iscriversi gratuitamente.

E' possibile contattare il Circolo di Legambiente di Reggio Emilia per collaborare alla realizzazione della Festa dell’Albero, per informazioni i volontari sono a disposizione dalle 9 alle 13 al numero 0522 431166.

 

 
« InizioPrec.12345678910Succ.Fine »

Pagina 10 di 21

DOPOSCUOLA DI LEGAMBIENTE

APERTE LE ISCRIZIONI DEL SECONDO TRIMESTRE!

Doposcuola di Legambiente: tra compiti e laboratori ecologici

In occasione del nuovo inizio delle scuole, dopo la pausa natalizia, dall' 11 gennaio 2017 Legambiente riaprirà il doposcuola pomeridiano per bambini dai 4 ai 12 anni, presso il Centro Sociale di Fogliano.

I più grandi verrano seguiti nei compiti dai volontari dell'associazione e avranno l'occasione di approfondire le loro conoscenze sui temi ambientali attraverso giochi e lavori di gruppo.

I più piccoli potranno divertirsi con laboratori didattici e giochi ecologici. Le attività in programma avranno come tema le festività e le stagioni dell'anno.

Per i laboratori saranno utilizzati oggetti e materiali di recupero e scarto, promuovendo così i principi di tutela e valorizzazione del territorio che da sempre caratterizzano Legambiente.

I doposcuola saranno attivi fino alla fine dell'anno scolastico, ogni mercoledì dalle 15 alle 18.

Il prezzo è di 5 euro a giornata, con tariffe agevolate per i fratelli e per iscrizioni a più giornate.

Per ulteriori informazioni scrivere a segreteria@legambientereggioemilia.it, oppure chiamare al 0522/431166 dalle 9:00 alle 13:00 dal lunedì al venerdì.

SCARICA QUI IL PROGRAMMA DEL PRIMO TRIMESTRE!

E QUI IL PROGRAMMA DEL SECONDO TRIMESTRE!!!

Comunicati Stampa

Dopo la telefonata di alcuni privati cittadini che segnalavano la presenza di alcune piante secche all’interno del parco pubblico Gli Olmi a San Rigo, dove si trova il circolo la Biasola, le Guardie Ecologiche della Legambiente Reggio Emilia hanno effettuato il sopralluogo ma mai avrebbero pensato di trovarsi davanti ad un gravissimo atto criminale – dichiara Massimo Becchi Presidente delle Guardie Ecologiche di Legambiente.

Le piante che circondano il campo da calcio, alcuni pini e un gruppo di tigli per un totale di 15 esemplari arborei, sono state deliberatamente tagliate alla base con attrezzi elettrici per interromperne il flusso della linfa verso le radici, inoltre sono stati provocati dei fori per una profondità di venticinque centimetri all’interno del tronco per iniettare quasi sicuramente del diserbante. Stessa sorte è toccata ad alcuni esemplari in seconda fila che invece hanno probabilmente ricevuto il trattamento diserbante tramite assorbimento radicale e che in questo momento sono ormai morenti.

La segnalazione di quanto è accaduto è stata immediatamente inoltrata agli uffici comunali di competenza dell’area sud del Comune di Reggio, con tanto di relazione e foto per denunciarne la pericolosità e per chiederne l’immediata messa in sicurezza, anche perché le piante che sono collocate nel perimetro dell’area di gioco, dove abitualmente il pubblico stazione per osservare le partite, sono totalmente secche e con la stabilità oramai compromessa.

Le Guardie Ecologiche di Legambiente con alcuni tecnici del consorzio fitosanitario hanno eseguito un secondo sopralluogo il 4 maggio per avere un quadro più completo della situazione.

Tutt’ora sono in corso le indagini per accertare le responsabilità di quello che è un vero e proprio crimime ambientale, in quanto, il danneggiamento è stato perpetrato ai danni di alberi pubblici e il conseguente abbattimento graverà sulle spalle di tutti i cittadini reggiani.

« E’ stato chiaramente un atto volto a procurarne la morte – dichiara Simone Stoppazzoni, una delle guardie ecologiche che ha effettuato il sopralluogo – non ci sono dubbi circa l’intenzionalità del gesto. Non riuscivamo a comprendere come le piante in seconda fila fossero state avvelenate poiché non vi erano segni di fori o tagli, ma i tecnici del Consorzio Fitosanitario di Reggio Emilia hanno cancellato ogni dubbio sulla base dell’analisi del fogliame: è stato usato del diserbante che la pianta ha poi assorbito con le radici o le foglie».

Per ora sono in corso le indagini amministrative per rintracciare i responsabili e sanzionarli, verrà tuttavia inoltrata anche regolare esposto alla Procura della Repubblica per danneggiamento così che possa partire anche l’indagine penale.

 

“Certamente una situazione preoccupante – conclude Becchi – visto che si chiede ai cittadini il maggior rispetto del verde pubblico e privato possibile, incentivando le piantumazionie e sensibilizzando su questo tema da anni, per poi scoprire che tranquillamente alcuni ignoti hanno deciso di libersi di quelli che consideravano fastidiosi alberi a margine di un campo di carcio in un’area pubblica. Informiamo inoltre i cittadini che abitualmente usano il parco, di evitare l’area perimetrale del campo onde evitare che rami o fusti possano schiantarsi improvvisamente e provocare danni a cose o a persone”.