Reggio Emilia 11 dicembre 2008

BRACCONAGGIO, UNA PIAGA DA RISANARE CON L’IMPEGNO DEI POLITICI E DEGLI ORGANI DI VIGILANZA

Legambiente è venuta a conoscenza alcuni giorni fa, che sono stati trovati due Cervi morti nelle immediate vicinanze di strade nel Comune di Ligonchio e di un altro esemplare di Cervo femmina nel Comune di Villa Minozzo, tutti gli animali uccisi dalla mano di un bracconiere o più.

Sono persone senza scrupoli, che violano le leggi catturando specie protette e utilizzando mezzi illeciti, non selettivi e che spesso sono estremamente dolorosi per l’animale, forte di questo fenomeno sono le tradizioni che sopravvivono da generazioni e generazioni e che sfidano apertamente le leggi, magari in nome di un buon piatto al ristorante, per il quale (incredibile a dirsi…) vengono provocati danni profondi e irreparabili alla fauna e all’intero ecosistema. Una caccia illegittima e silenziosa che sfida appunto le leggi dello Stato e della natura, che viene praticata tutto l’anno, un fenomeno scandaloso che non accenna a diminuire.

"Non sappiamo - dichiara Massimo Becchi, presidente della Legambiente Reggio Emilia - se questi individui lo fanno per divertimento o se per guadagno, visto anche, che sembra che in alcuni ristoranti della zona propongano il Cervo come pietanza - continua Becchi – oppure visto che si sentono anche molte lamentele da parte degli agricoltori, che questi animali provocano danni alle coltivazioni, ma al di là di tutto questi sono atti gravissimi nei confronti della fauna protetta, che dovrebbero far riflettere per primi chi legifera, la Provincia che è l’ente competente in materia, il Parco Nazionale, che in questo caso l’episodio è accaduto all’interno del suo territorio, l’ATCRE4 “Montagna” che è chi gestisce l’attività venatoria e i cacciatori che sono chiamati a gestire la popolazione dei cervidi.

Chiediamo quindi che ci sia volontà politica per risolvere questa grossa piaga, mettendo anche grande impegno da parte degli organi preposti per la salvaguardia di questa popolazione di cervidi per far luce su quanto è accaduto.

Da parte nosta, conclude Becchi, noi come Guardie Giurate Ecologiche Volontarie siamo pronte ad intervenire e ad offrire collaborazione a fianco di tutti gli organi di vigilanza.

L’UFFICIO STAMPA – 348.7419763

 

Il Riciclo, mercatino del riuso di Legambiente

Legambiente RE effettuerà in Polveriera un mercatino del riuso chiamato "IL Riciclo". L'intento è quello di favorire una seconda vita agli oggetti e alle cose delle nostre case. La prossima datai:

Domenica 12 maggio 2019 RINVIATO A DOMENICA 9 GIUGNO

Le altre date chieste, in attesa di autorizzazione da parte della amministrazione comunale di Reggio Emilia, sono:

Domenica 13 ottobre 2019

Domenica 10 novembre 2019

Per iscriversi al mercatino mandare una mail a partire dalla data e ora segnalata come inizio iscrizione con la prenotazione indicando nome, cognome, numero di telefono e comune di residenza, tutto in una unica riga diviso da spazi, come da esempio di seguito,

ROSSI PAOLO 340/XXXXXXX CAVRIAGO (RE)

all'indirizzo:

mercatino@legambientereggioemilia.it

Le iscrizioni saranno accettate in ordine cronologico di arrivo a partire rigorosamente dalle ore 20:00:00. Sarà inviata risposta di accettazione, con le indicazioni organizzative, entro 24 ore.

NON si spedirà una mail per la NON accettazione. Non saranno ammesse prenotazioni telefoniche. Con ogni mail è possibile prenotare una singola piazzola. Ogni persona può effettuare una sola iscrizione.

Sono ammessi al mercatino solo coloro che si presenteranno con una autovettura (per il trasporto di persone). Anche il mezzo di supporto, che poi dovrà uscire, dpvrà essere una autovettura. Non sarà ammesso un altro tipo di veicolo che non sia una autovettura.

 

Nel corso dell'anno non si può partecipare più di due volte come espositore (ci sono controlli accurati)

Il titolare della domanda deve essere  presente nello spazio espositivio.

Prezzo della piazzola euro 20, da pagare in anticipo alla sede di Legambiente, in via Mazzacurati, 11 nelle date e ore di seguito indicate. Le onlus pagano 5 €.

I 20 eur si devono mettere in busta chiusa insieme al modulo di iscrizione compilato e fotocopia della carta d'identità. Il non pagamento comporta l'annullamento della prenotazione.

Orari di apertura sede Legambiente per il pagamento: da martedì 23 e mercoledì 24 aprile dalle ore 16 alle ore 19.

In alternativa si può pagare con bonifico bancario.

Pagamento con bonifico bancario:

- Eseguire bonifico bancario Codice IBAN: IT 59 T 07072 12801 054130150400 (Banca di Credito Cooperativo Banco Emiliano, Reggio Emilia) all'ordine  di Legambiente Reggio Emilia

- Compilare e firmare la domanda di partecipazione

- Inviare copia della domanda compilata e firmata e fotoocopia di documento valido in formato .pdf al indirizzo mail: mercatino@legambientereggioemilia.it entro venerdi 22 aprile.

Comunicati Stampa

Sta arrivando l'estate....quale modo migliore di passare un sabato mattina se non in mezzo alla campagna viaggiando grazie alle storie?

Tre appuntamenti dove lettori esperti ci narreranno i loro racconti all'interno della Fattoria Biologico.

Alla fine un simpatico laboratorio tutti insieme e, per recuperare le forze un rinfresco...chi offre di piu? Gli appuntamenti sono:

Sabato 22 giugno

  • Storie sulle fattorie e i suoi abitanti a cura dei volontari de Le Galline Volanti
  • Laboratorio “La gallina recuperata” a cura di Legambiente Reggio Emilia

rinfresco finale

Sabato 20 luglio

  • Storie ssugli ecosistemi, a cura dei volontari di Nati per Leggere
  • Laboratorio “bombe di semi”, a cura di Legambiente Reggio Emilia

rinfresco finale

Sabato 7 settembre

  • “Il sole col singhiozzo”, e Laboratorio "Il mio taumatropio" a cura di Pina Irace

rinfresco finale

 

Iniziative gratuite e senza prenotazione. L'iniziativa è realizzata con il contributo del Comune di Reggio Emilia nell'ambito del Bando Restate nei quartieri e Cultura per la città 2019.