Reggio Emilia 2 aprile 2010

TROMBA D'ARIA DI BAGNOLO E CADELBOSCO: ORA OCCORRE ANCHE PENSARE AL DISASTRO AMBIENTALE DELL'AMIANTO SPARSO OVUNQUE

Chiaramente la prima emergenza da affrontare - dichiara il dott. Massimo Becchi presidente di Legambiente Reggio Emilia - è stata quella sociale, ma ora occorre anche fare i conti con il problema dell'eternit sparso ovunque. Alcuni edifici scoperchiati fra Villa Argine e Bagnolo (fra le vie Mazzini di Cadelbosco e via Miselli a Reggio) erano infatti vecchie stalle in disuso, alcune crollate, altre scoperchiate, crendo una miriade di frammenti del pericolosissimo cemento-amianto, che fungeva da copertura degli stabili stessi. Questo materile se integro non genera problemi, perchè le fibre di asbesto (amianto) restano incapsulate nel cemento, mentre se viene frantumato il problema si pone. Alcune nostre Guardie Ecologiche Volontarie hanno rinvenuto frammenti di eternit ben distribuiti intorno agli edifici e sul percorso della tromba d'aria, che ha sollevato, rotto e trasportatio questo materiale. Occorre ore fare una celere bonifica delle zone più contaminate nei pressi degli edifici e provvedere al recupero di tutto il materiale possibile per tutelare la salute pubblica. Ad oggi questi edifici non sono stati neppure transennati."

L'ufficio stampa: 348.7419763

 

 

Il Riciclo, mercatino del riuso di Legambiente

In considerazione delle nuove norme chi dovrebbero uscire a breva da parte della regione Emilia romagna riguardanti i mercatini del riuso, il nostro primo mercatino Il Riciclo al parcheggio della Polveriera nel 2020 si terrà domenica 17 maggio (previa autorizzazione da parte dell'amministrazione comunale di Reggio Emilia).

Tutti coloro che intendono partecipare al mercatino "Il Riciclo" di Legambiente Reggio Emilia devono REGISTRARSI preventivamente sul sito http://mercatini.legambientereggioemilia.it compilando i dati richiesti. Seguirà da parte di Legambiente la conferma della avvenuta registrazione. La registrazione - e solo questa- da la possibilità d'iscriversi ai mercatini alla data e ora di volta in volta stabiliti durante l'anno.

Comunicati Stampa

CONTROLLATI MOLTI CACCIATORI DALLE GUARDIE ECOLOGICHE DI LEGAMBIENTE NELLA PRIMA GIORNATA DI APERTURA ALL'ATTIVITA' VENATORIA ALLA FAUNA STANZIALE

Reggio Emilia, li 19 settembre 2021

Sono stati circa 90 i cacciatori controllati in quesa prima mattina di attività ventoria - dichiara Massimo Becchi presidente di Legambiente Reggio Emilia - alla fauna stanziale, ossia soprattutto fagiani e lepri, che ogni anno rappresenta un momento fondamentale per la ciaccia ma anche un momento delicato per la vigilanza sul territorio, in buona parte effettuata da volontari come le nostre Guardie Ecologiche. Con cinque squadre sono state controllate ampie porzioni di territorio sia nalla bassa reggiana, nella zona di Correggio, Reggio e Scandiano e in Val d'Enza. Se si esclude un caso isolato non sono state elevati verbali ed è stata buona la collaborazione dei cacciatori, in parte reggiani e in parte provenienti da fuori regione (soprattutto toscani). E' da rilevare - conclude Becchi - come rispetto agli anni passati dove il fagiano la faceva da padrone nel carniere, quest'anno ci sia stato una netta prevalenza di lepri abbattute, molto più presenti sul territorio dei volatili, che hanno accusato probabilmente un drastico calo legato anche alla prolungata siccità".

L'ufficio stampa: 348.7419763