Reggio Emilia 16 aprile 2010

RINNOVATE LE CARICHE ASSOCIATIVE DELLA LEGAMBIENTE DI REGGIO EMILIA E DELLE GUARDIE ECOLOGICHE VOLONTARIE

 

Si sono svolti sabato scorso (10 aprile) i congressi congiunti della Legambiente di Reggio Emilia e delle Guardie Ecologiche Volontarie della Legambiente che hanno portato alla definizione dei due direttivi delle Associazioni, composti, per scelta dell'assemblea dalle stesse persone, che sono risultate essere, in base alle preferenze ricevute, composti da:

  • Bacchiavini Tiziano
  • Becchi Massimo
  • Beghi Mario
  • Beneventi Alex
  • Bondavalli Cristina
  • Bonoretti Enzo
  • Canovi Anna
  • Caroli Giorgio
  • Casalini Monica
  • Costi Simona
  • De Feo Ugo
  • Fabbiani Tito
  • Valeriani Davide

Sono tre i giovani entrati nel nuovo direttivo (Casalini, Valeriani e Beneventi) che si è quindi in parte rinnovato. A seguire sono state votare e cariche nelle persone di:

LEGAMBIENTE REGGIO EMILIA

Presidente: Massimo Becchi
Vice-Presidente: Anna Canovi
Tesoriere: Simona Costi

GUARDIE ECOLOGICHE VOLONTARIE DELLA LEGAMBIENTE

Presidente: Massimo Becchi
Vice-Presidente: Monica Casalini
Tesoriere: Ugo De Feo

"Ringrazio tutti i soci e il nuovo direttivo - dichiara il dott. Massimo Becchi - per la fiducia accordatami. Ci aspettano due anni intensi di lavoro, in un periodo in cui occorre ridisegnare l'idea stessa dell' ambientalismo, che si trova di fronte a nuove sfide ed a una situazione nazionale ed internazionale mutata, in cui i temi ambientali sono nelle agende dei governi e sono parte delle politiche ambientali di molte attività economiche. In questo quadro occorre continuare la promozione delle nostre attività a livello locale, stando fra la gente e incentivando le buone pratiche, senza sottovalutare l'importanza della vigilanza ambientale, come elemento di garanzia per i cittadini ed il territorio. Negli ultimi due anni abbiamo costruito uno dei circoli di Legambiente più grossi d'Italia (il 7° in ordine di importanza), aggregando molti soci nuovi e cercando di restare sempre nel merito delle questioni ambientali, scelta che ha indubbiamente premiato".

L'ufficio stampa: 348-7419763

 

Il Riciclo, mercatino del riuso di Legambiente

In considerazione delle nuove norme chi dovrebbero uscire a breva da parte della regione Emilia romagna riguardanti i mercatini del riuso, il nostro primo mercatino Il Riciclo al parcheggio della Polveriera nel 2020 si terrà domenica 17 maggio (previa autorizzazione da parte dell'amministrazione comunale di Reggio Emilia).

Tutti coloro che intendono partecipare al mercatino "Il Riciclo" di Legambiente Reggio Emilia devono REGISTRARSI preventivamente sul sito http://mercatini.legambientereggioemilia.it compilando i dati richiesti. Seguirà da parte di Legambiente la conferma della avvenuta registrazione. La registrazione - e solo questa- da la possibilità d'iscriversi ai mercatini alla data e ora di volta in volta stabiliti durante l'anno.

Comunicati Stampa

CONTROLLATI MOLTI CACCIATORI DALLE GUARDIE ECOLOGICHE DI LEGAMBIENTE NELLA PRIMA GIORNATA DI APERTURA ALL'ATTIVITA' VENATORIA ALLA FAUNA STANZIALE

Reggio Emilia, li 19 settembre 2021

Sono stati circa 90 i cacciatori controllati in quesa prima mattina di attività ventoria - dichiara Massimo Becchi presidente di Legambiente Reggio Emilia - alla fauna stanziale, ossia soprattutto fagiani e lepri, che ogni anno rappresenta un momento fondamentale per la ciaccia ma anche un momento delicato per la vigilanza sul territorio, in buona parte effettuata da volontari come le nostre Guardie Ecologiche. Con cinque squadre sono state controllate ampie porzioni di territorio sia nalla bassa reggiana, nella zona di Correggio, Reggio e Scandiano e in Val d'Enza. Se si esclude un caso isolato non sono state elevati verbali ed è stata buona la collaborazione dei cacciatori, in parte reggiani e in parte provenienti da fuori regione (soprattutto toscani). E' da rilevare - conclude Becchi - come rispetto agli anni passati dove il fagiano la faceva da padrone nel carniere, quest'anno ci sia stato una netta prevalenza di lepri abbattute, molto più presenti sul territorio dei volatili, che hanno accusato probabilmente un drastico calo legato anche alla prolungata siccità".

L'ufficio stampa: 348.7419763