Reggio Emilia 18 aprile 2010

LE GUARDIE ECOLOGICHE DI LEGAMBIENTE SCOPRONO UNA SITUAZIONE SCONCERTANTE A GUASTALLA IN UN'AZIENDA AGRICOLA: DECINE DI CARCASSE DI PECORE LASCIATE A DECOMPORSI ALL'APERTO, ABBANDONO DI RIFIUTI E VECCHI MATERIALI TRASCINATI DALL'ULTIMA PIENA DEL PO

 

 

 

 

"E' stato effettuato ieri pomeriggio - dichiara il dott. Massimo Becchi presidente delle Guardie Ecologiche di Legambiente - un normale sopralluogo nel comune di Guastalla, quando controllando l'evidente stato di degrado intorno ad una stalla sono state scoperte numerose carcasse di pecore morte. La scoperta è avvenuta nell'azienda agricola De Padova, all'interno della golena del Po, azienda già controllata anni fa, e dedita all' allevamento degli ovini, capre in particolare. A fianco della stalla sono state rinvenute circa 35 carcasse di capre e capretti morti, sparsi sul terreno o in mezzo a rifiuti, alcune ormai ridotte ad un ammasso di ossa, altre in stato di decomposizione. E' stato poi il servizio veterinario dell' ASL a verificare quanto scoperto dalle Guardie Ecologiche, che hanno anche rinvenuto numerose batterie di trattori e autovetture abbandonate in mezo ai rifiuti, elettrodomestici dismessi, molti pneumatici e rifiuti ancora da smaltire dall'ultima piena del Po che il proprietario aveva ammassato in un cumulo. Ai lati dell'azienda i fossati di scolo hanno una colorazione nera, pieni di liquami che percolano dalle inesistenti concimaie e "ricchi" di pneumatici e rifiuti, come siamo abituati a vedere dalle foto delle zone degradate che ci provengono dai paesi in via di sviluppo."

Tutto questo è ben visibile anche dal ponte che da Guastalla attraversa il Po fino a Dosolo, quindi il Comune non poteva non essere mai passato da questa zona o non sapere, visto che alcuni cassoni di rifiuti depositati dalle acque dal Po erano già stati rimossi proprio grazie al Comune. Appare piuttosto evidente come la precedente amministrazione abbia preferito fare come lo struzzo, ossia per questi casi particolari, mettere la testa sotto la terra e non vedere. Confidiamo che la nuova amministrazione e il servizio veterinario sappiano affrontare in modo adeguato anche questa situazione ambientalmente disastrosa che si trova a Guastalla."

L'ufficio stampa: 348-7419763

 

Il Riciclo, mercatino del riuso di Legambiente

Si svolgerà domenica 13 ottobre a partire dalle ore 7:30 e per tutta la giornata il mercatino del riuso domestico "il Riciclo"  al parcheggio ex polveriera (piazzale Reverberi) a Reggio Emilia, un'iniziativa che riscuote sempre molto successo e che Legambiente Reggio Emilia segue dal 2015 e che ha permesso di recuperare e riciclare moltissimi oggetti di cui le persone non hanno più bisogno: saranno presenti circa 170 espositori con oggettistica varia, abiti, arredi, libri, giocattoli e molto altro. Per l'occasione un breve tratto di Viale Olimpia sarà chiusa al traffico per permettere lo svolgimento dell'evento.

_____________________________________________

NUOVO METODO PER PARTECIPARE AL MERCATINO "IL RICICLO DI LEGAMBIENTE.
(con inizio dal mercatino che si terrà domenica 10 novembre)

Tutti coloro che intendono partecipare al mercatino "Il Riciclo" di Legambiente Reggio Emilia devono REGISTRARSI preventivamente sul sito http://mercatini.legambientereggioemilia.it compilando i dati richiesti. Seguirà da parte di Legambiente la conferma della avvenuta registrazione. La registrazione - e solo questa- da la possibilità d'iscriversi ai mercatini alla data e ora di volta in volta stabiliti durante l'anno. Nel momento di apertura dell'iscrizione accedendo alla propria pagina riservata si potrà decidere se partecipare o meno cliccando sull'apposito pulsante.

_____________________________________________

Il prossimo mercatino "Il Riciclo" di Legambiente sarà DOMENICA 10 NOVEMBRE 2019, con apertura delle iscrizioni LUNEDI' 21 OTTOBRE ALLE ORE 20:00:00.

Il pagamento (20 €) deve essere effettuato entro mercoledì 30 ottobre ore 19 presso la sede di Legambiente Reggio Emilia in via Mazzacurati 11. Sarà rilasciata apposita ricevuta.

Apertura sede Legambiente: martedì 29 e mercoledì 30 ottobre dalle 16 alle 19.

In alternativa si può effetuare con bonifico bancario:
- Eseguire bonifico bancario Codice IBAN: IT 59 T 07072 12801 054130150400 (Banca di Credito Cooperativo Banco Emiliano, Reggio Emilia) all'ordine  di Legambiente Reggio Emilia

Nel caso in cui non verrà effettuato il pagamento in tempo utile, non si verrà accettati all'interno del mercatino.

Le associazioni onlus pagheranno € 5 per lo spazio espositivo, esibendo al momento del pagamento una dichiarazione su carta intestata ed esponendo sul banchetto le insegne associative.

In via del tutto eccezionale e occasionale si può avere una eventuale ulteriore vettura (massimo una per piazzola)  per lo scarico merci che  poi dovrà  essere spostata all'esterno del mercatino e non avrà costo aggiuntivo.

Il mercatino del Riuso di Legambiente è riservato solo a privati cittadini.

IMPORTANTE: SONO AMMESI AL MERCATINO SOLO COLORO CHE SI PRESENTANO CON UNA AUTOVETTURA (PER IL TRASPORTO DI PERSONE). Anche il mezzo di supporto, che poi  dovrà uscire. Non sono accettati veicoli destinati al commercio o con scritte di imprese commerciali (che eventualmente andranno coperte).

Si torna a far presente che l’eventuale esposizione di roba nuova, valutata tale da nostra Guardie Ecologiche, comporta l’immediato  allontanamento  dal mercatino.

Gli espositori possono partecipare al mercatino del riuso (Il Riciclo) solo due volte nel corso dell’anno (ci saranno controlli accurati).

 

Per essere vicini a parenti amici presentarsi all'ingresso uno dietro all'altro.

Comunicati Stampa