12-03-2011: Operazione scuole pulite a Reggio Emilia

Reggio Emilia 12 marzo 2011

Torna Nontiscordardimè, Operazione Scuole Pulite di Legambiente
Piccole grandi azioni per migliorare la qualità degli edifici scolastici
e mettere in pratica la sostenibilità

Ha preso il via oggi Nontiscordardimé, la campagna di Legambiente per migliorare le nostre scuole, attraverso delle piccole azioni come piantare fiori ed essenze profumate, ripulire gli spazi trascurati o laboratori di riciclo. A livello nazionale hanno aderito circa 1000 scuole, con 4.600 classi e oltre 97.000 ragazzi hanno aderito quest’anno all'iniziativa che ogni anno vede genitori, insegnanti e ragazzi partecipare insieme ad azioni volte a migliorare gli istituti scolastici.

“Nontiscordardimè si conferma ancora una volta la più partecipata campagna di volontariato delle nostre scuole – ha dichiarato Massimo Becchi presidente di Legambiente Reggio Emilia -. L’entusiasmo anche dei tanti volontari ci dimostra come la scuola, malgrado il depauperamento delle risorse, si confermi luogo primario per la formazione alla cittadinanza e per la sperimentazione della convivenza civile. Sono molte le classi che hanno scelto di aprire i ‘cantieri’ per rendere la scuola più sostenibile, lavorando su proposte di innovazione del modello di gestione basato sul cambiamento degli stili di vita, confermando il ruolo strategico che può avere la scuola nell'educare a una società più attenta e rispettosa”.

Questa mattina si sono impegnati gli alunni della scuola Ada Negri in centro città, già interessata nel novembre scorso alla Festa dell’Albero. Le classi si sono alternate nella piantumazione di fiori nel giardino scolastico, ripulirlo dalle foglie e dalle infestanti, aiutate dai volontari e dalle Guardie Ecologiche di Legambiente.
Nei prossimi giorni saranno coinvolte le scuole primarie Matilde di Canossa, Zibordi e Carducci di Reggio e la scuola primaria di San Martino di Guastalla.

L’ufficio stampa: 348-7419763

 

Il Riciclo, mercatino del riuso di Legambiente

In considerazione delle nuove norme chi dovrebbero uscire a breva da parte della regione Emilia romagna riguardanti i mercatini del riuso, il nostro primo mercatino Il Riciclo al parcheggio della Polveriera nel 2020 si terrà domenica 17 maggio (previa autorizzazione da parte dell'amministrazione comunale di Reggio Emilia).

Tutti coloro che intendono partecipare al mercatino "Il Riciclo" di Legambiente Reggio Emilia devono REGISTRARSI preventivamente sul sito http://mercatini.legambientereggioemilia.it compilando i dati richiesti. Seguirà da parte di Legambiente la conferma della avvenuta registrazione. La registrazione - e solo questa- da la possibilità d'iscriversi ai mercatini alla data e ora di volta in volta stabiliti durante l'anno.

Comunicati Stampa

Solo nell’ultimo weekend dai sopralluoghi delle nostre Guardie Ecologiche – dichiara Massimo Becchi presidente di Legambiente Reggio Emilia – sono emersi due nuovi abbandoni nelle campagne intorno alla città, di particolare gravità visto che si tratta di rifiuti speciali e di ritrovamento di diversi sacchi contenente cartongesso, abbandonati nell’alveo del torrente Crostolo in località Cadelbosco di Sopra. Per non farsi mancare nulla, in prossimità di Casa Manfredi a Villa Sesso durante una attività di plogging sono stati rinvenuti 30 sacchi contenuti scarti edili. E’ evidente che questi rifiuti sono stati scaricati da furgoni e non certo da autovetture. In questi casi le nostre Guardie Ecologiche hanno verificato l’eventuale presenza di elementi atti a rintracciare i responsabili e poi segnalato agli organi competenti. Non sono mancate le sorpese al parco del Mauriziano, da poco oggetto di pulizia, dove, oltre alla ormai immancabili sinringhe, è stata rinvenuta una pistola scacciacani e dei sex toys.

A fronte di queste situazione si è registrato nelle ultime settimane un aumento esponenziale delle iniziative di pulizia da parte dei cittadini, che armati di sacchetti e guanti, da soli o in piccoli gruppi, hanno raccolto rifiuti in tutta la provincia: un’iniziativa lodevole che a Reggio in particolare si scontra però con l’impossibilità di conferire questi rifiuti nelle isole ecologiche a seguito del nuovo sistema di tariffazione puntuale dei rifiuti indifferenziati e del conseguente divieto da parte dei cittadini di portare i sacchi di ingombranti nelle isole ecologiche, con il rischio che poi quanto raccolto resti a lungo a bordo strada.

Per tutelare il nostro territorio resta fondamentale la collaborazione con i cittadini, che frequentano luoghi solitamente non controllati dalla normale vigilanza. Per le segnalazioni si può chiamare il n° 0522.431166 o scrivere a info@legambientereggioemilia.it