Reggio Emilia 22 aprile 2011

COMITATO "VOTA SI PER FERMARE IL NUCLEARE": IL GOVERNO FA MARCIA INDIETRO, NOI NO.

Nucleare sì, anzi no, anzi forse. Sembra essere questa ad oggi la posizione del governo italiano sull’energia atomica: ma noi continuiamo a dire "Vota SI per fermare il nucleare".

Consapevole della forza del movimento antinuclearista e dell’opinione della maggior parte degli italiani, il governo ha deciso di fare marcia indietro e con l’emendamento al decreto Omnibus dà per conclusa la stagione del nucleare in Italia. Ma poi il ministro Romani, come il presidente dell’Agenzia per la sicurezza nucleare Veronesi, tornano a riaprire il varco delle possibilità per un non ben identificato nucleare futuro, facendo intendere la reale intenzione di riavviare la spinosa questione in tempi più propizi. Una posizione equivoca e potenzialmente truffaldina che lascia ampi spazi di interpretazione sul futuro piano energetico del Paese a totale danno dei cittadini che, in questo modo, rischiano di non essere correttamente informati e quindi di non poter decidere legittimamente del proprio futuro.

“Tutto ciò è profondamente scorretto e dannoso per i cittadini - dice Cristina Bondavalli, portavoce del comitato reggiano Vota SI per fermare il nucleare. - Con questa sorta di pubblicità ingannevole, infatti, si cerca di far calare l’attenzione sul referendum e sulla necessità di andare a votare per vincere definitivamente la sfida della modernità che deve essere basata sul risparmio energetico, sulla ricerca e sulle fonti rinnovabili e pulite. Noi non smetteremo di parlare e di informare i cittadini sulle tematiche energetiche e di sollecitarli ad andare a votare fin quando questo governo non farà un piano energetico chiaro, sostenibile e soprattutto stabile nel tempo”.

Il Comitato nazionale Vota SI’ per fermare il nucleare non smobilita! Continueranno invece a vigilare affinché il nucleare cacciato ora dalla porta non si riaffacci dalla finestra, magari tra un anno, quando le acque si saranno calmate e l’incubo di Fukushima sarà meno opprimente.

Saremo il 25 aprile alla Festa a Casa Cervi a Gattatico con un banchetto informativo. Inoltre, invitiamo tutti a partecipare alla Manifestazione di sabato 30 Aprile alle ore 16 sul ponte Boretto-Viadana organizzata dai coordinamenti nucleari territoriali di Mantova, Cremona, Reggio Emilia e Parma.
Per aderire al comitato "Vota SI’ per fermare il nucleare" e per vedere l'elenco completo delle iniziative: www.nonukere.it.

L'ufficio stampa 347.9785923

 

Il Riciclo, mercatino del riuso di Legambiente

In considerazione delle nuove norme chi dovrebbero uscire a breva da parte della regione Emilia romagna riguardanti i mercatini del riuso, il nostro primo mercatino Il Riciclo al parcheggio della Polveriera nel 2020 si terrà domenica 17 maggio (previa autorizzazione da parte dell'amministrazione comunale di Reggio Emilia).

Tutti coloro che intendono partecipare al mercatino "Il Riciclo" di Legambiente Reggio Emilia devono REGISTRARSI preventivamente sul sito http://mercatini.legambientereggioemilia.it compilando i dati richiesti. Seguirà da parte di Legambiente la conferma della avvenuta registrazione. La registrazione - e solo questa- da la possibilità d'iscriversi ai mercatini alla data e ora di volta in volta stabiliti durante l'anno.

Comunicati Stampa

Torna la Festa dell’Albero 2021 a Reggio Emilia

Dal 19 novembre torna la Festa dell’Albero, che da ormai 26 anni Legambiente celebra per la valorizzazione del patrimonio arboreo con tante iniziative locali. Sarà un'occasione per ricordare non solo l'indispensabile contributo che gli alberi danno al mantenimento della salute dei nostri ecosistemi naturali e urbani, ma anche per riscoprire l’importanza del loro beneficio complessivo per la comunità.
Gli alberi rappresentano uno dei migliori alleati per contrastare la crisi climatica: secondo quanto emerso dalle dichiarazioni finali del vertice del G20 di Roma, 1000 miliardi di alberi sono l’incredibile numero di piante che dovremmo mettere a dimora entro il 2030 per assorbire l’anidride carbonica presente in atmosfera. Un obiettivo sfidante che deve mettere assieme cittadini e istituzioni nel rinverdire le città, gli spazi periurbani e le nostre campagne.

Venerdì 19 Legambiente collaborerà con i bambini della scuola primaria G.Carducci di Reggio, che pianteranno fiori autunnali nelle fioriere, piccoli arbusti e semi in piccoli vasi. Insieme a loro ripuliremo anche le aree verdi della scuola. Ringraziamo  'Non Solo Verde' di Reggio Emilia che ha donato le piante e il materiale necessario all’iniziativa. Domenica 21 i volontari di Legambiente saranno impegnati alla Giornata degli Alberi a supporto del Comune di Reggio al Parco delle Acque Chiare.

l'Ufficio stampa: 3487419763