Reggio Emilia 18 agosto 2011

RIAPRE LUNEDI' 29 AGOSTO IL CAMPO GIOCHI PER RAGAZZI “BIOLOGIOCO” PRESSO L'AGRITURISMO LA RAZZA A CANALI

Il Biologioco alla Razza a Canali (in via Monterampino) è una proposta alternativa per far passare un'estate all'aria aperta ai propri figli - dichiara Massimo Becchi, Presidente Legambiente Reggio Emilia – che, per l'ottavo anno consecutivo, potranno così conoscere ed apprezzare la vita di campagna, fare amicizia con i cuccioli che popolano la fattoria ed esplorare la natura circostante.

All’interno di una stalla in disuso opportunamente riadattata e adibita ad esclusivo uso del campo giochi, i ragazzi potranno allevare i piccoli animali della fattoria e godere degli ampi spazi aperti dell’azienda agricola con il vicino torrente. Oltre a ciò verranno proposte varie attività ludiche, atelier di riuso creativo di materiali di riciclo, visite a fattorie didattiche e strutture di emergenza, ecc...il tutto tenendo sempre presenti le finalità di educazione ambientale del campo.

Le attività sono quindi all’aria aperta ed in un contesto lontano da quello solito scolastico, in mezzo al verde e agli animali, con la contemporanea comodità per i genitori di trovarci in piena città. Ogni settimana verrà dedicata ad una specifica tematica ambientale, di modo che attraverso giochi, teatro, animazione, visite didattiche ecc. i bambini possano confrontarsi in maniera più consapevole con la realtà che li circonda...e tutto questo divertendosi.

Il Biologioco sarà attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 7,30 alle 13 circa e riprenderà da lunedì 29 fino a venerdì 16 settembre (prima della riapertura delle scuole). Non sono mancate durante le settimane appena trascorse le uscite settimanali, fra cui quelle alle fonti di Poiano a Villa Monizzo o presso la fattoria didattica Beghi a Castellarano.

Per maggiori informazioni e iscrizioni: 348.7419763 oppure Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. o trovare le informazioni su www.legambientereggioemilia.it

L’ufficio stampa 348.7419763

 

Il Riciclo, mercatino del riuso di Legambiente

In considerazione delle nuove norme chi dovrebbero uscire a breva da parte della regione Emilia romagna riguardanti i mercatini del riuso, il nostro primo mercatino Il Riciclo al parcheggio della Polveriera nel 2020 si terrà domenica 17 maggio (previa autorizzazione da parte dell'amministrazione comunale di Reggio Emilia).

Tutti coloro che intendono partecipare al mercatino "Il Riciclo" di Legambiente Reggio Emilia devono REGISTRARSI preventivamente sul sito http://mercatini.legambientereggioemilia.it compilando i dati richiesti. Seguirà da parte di Legambiente la conferma della avvenuta registrazione. La registrazione - e solo questa- da la possibilità d'iscriversi ai mercatini alla data e ora di volta in volta stabiliti durante l'anno.

Comunicati Stampa

“Quello appena passato è stato – dichiara Massimo Becchi presidente di Legambiente Reggio Emilia – un fine settimana di attività per i nostri volontari, impegnati anche in iniziative di vigilanza ambientale come Guardie Ecologiche: in particolare destano preoccupazione i rinvenimenti di rifiuti sull’argine del Crostolo in via Rinaldi a Reggio Emilia, dove sulla sponda destra del torrente, a pochi metri dalla strada, sono stati scaricati rifiuti contenenti cartongesso, sanitari, rifiuti domestici ed altri, che sono scivolati su entrambe le sponde dell’argine.

Ma ancora più sorprendete – continua Becchi - per modalità e caratteristiche è l’abbandono di eternit rinvenuto da un cacciatore a Borsea, frazione di San Polo d’Enza. Su una carraia distante diverse centinaia di metri dalla strada provinciale è stato scaricato in un campo coltivato a prato e dietro un cumulo di rotoballe di fieno, un intero camion di lastre di eternit, che si sono in buona parte rotte e alcuni sacchi bianchi contenenti altri manufatti sempre in eternit (es. canne fumarie). Hanno anche lasciato la tuta protettiva che hanno usato per operare su questo materiale”.

In questi casi le nostre Guardie Ecologiche hanno verificato l’eventuale presenza di elementi atti a rintracciare i responsabili e poi segnalato agli organi competenti. Per tutelare il nostro territorio resta fondamentale la collaborazione con i cittadini ed anche con i cacciatori, che frequentano luoghi solitamente non battuti dalla normale vigilanza.