Reggio Emilia 24 novembre 2011

IN CITTA' I PRIMI ADDOBBI NATALIZI: I CONSIGLI DI LEGAMBIENTE PER UN NATALE ECOSOSTENIBILE

Manca ancora un mese a Natale, ma da alcuni giorni a Reggio Emilia sono comparsi i primi addobbi natalizi, in particolare le classiche luci natalizie. Tuttavia, spesso si trascura l'impatto ambientale che hanno le varie iniziative natalizie, a partire proprio dagli aumenti esponenziali dei consumi di energia elettrica per le luminarie natalizie, quasi sempre lampadine ad incandescenza.

"Sicuramente le città addobbate già in novembre contribuiscono ad anticipare il clima festoso del Natale, tuttavia questo anticipo porta a gravi danni dal punto di vista ambientale" - dichiara Davide Valeriani, vicepresidente di Legambiente Reggio Emilia. "Iniziative lodevoli come "M'illumino di meno" lanciata da Caterpillar e replicata ogni febbraio, a cui anche la nostra città aderisce, rischiano di essere vanificate da addobbi precoci come quelli che vediamo in città da qualche giorno.

Eppure, con pochi semplici accorgimenti, riusciremmo a far passare un buon Natale anche all'ambiente e, di conseguenza, a tutta la città.

L'utilizzo di luminarie a led o a basso consumo per gli addobbi porterebbe ad un risparmio energetico dal 50% al 90%, così come l'installazione di addobbi luminosi più a ridosso della festività invece che un mese prima.

Anche l'albero vuole la sua parte nella tradizione del Natale. E allora perché non scegliere un albero autoctono, magari sempreverde, che possa poi essere ripiantato dopo le feste e contribuire ad ossigenare la nostra inquinata città, sempre ai vertici come sforamenti di CO2. Anche i Comuni possono fare la loro parte, evitando di prendere "a noleggio" dei classici alberi di Natale (sono solitamente degli abeti rossi) ma comprando invece alberi da piantare poi nei parchi cittadini.

Infine, i regali: il classico cesto natalizio meglio se composto da prodotti alimentari locali e di stagione, magari alla spina per ridurre anche il quantitativo di rifiuti prodotto dovuto agli imballaggi. Per l'incarto dei regali, utilizzare carte da regalo riciclabili o, meglio, biodegradabili e compostabili: meno colorate forse, ma sicuramente molto più rispettose dell'ambiente.

“Rivolgiamo un appello al sindaco Delrio - conclude Valeriani - a cui compete la delega all'ambiente affinché il Comune di Reggio si faccia paladino del rispetto dell'ambiente nel periodo natalizio, vigilando sugli sprechi inutili di elettricità e la piantumazione degli alberi di Natale autoctoni passate le festività. A Natale si è tutti più buoni, anche con l'ambiente”.

L'ufficio stampa: 348.7419763

 

Il Riciclo, mercatino del riuso di Legambiente

In considerazione delle nuove norme chi dovrebbero uscire a breva da parte della regione Emilia romagna riguardanti i mercatini del riuso, il nostro primo mercatino Il Riciclo al parcheggio della Polveriera nel 2020 si terrà domenica 17 maggio (previa autorizzazione da parte dell'amministrazione comunale di Reggio Emilia).

Tutti coloro che intendono partecipare al mercatino "Il Riciclo" di Legambiente Reggio Emilia devono REGISTRARSI preventivamente sul sito http://mercatini.legambientereggioemilia.it compilando i dati richiesti. Seguirà da parte di Legambiente la conferma della avvenuta registrazione. La registrazione - e solo questa- da la possibilità d'iscriversi ai mercatini alla data e ora di volta in volta stabiliti durante l'anno.

Comunicati Stampa

E' stato un fine settimana molto impegnativo ma altrettanto proficuo per i volontari di Legambiente Reggio Emilia che, nell’ambito del quadro delle iniziative che portano avanti in città e in provincia, sabato mattina hanno dato vita ad una giornata all’insegna dell’ecologia e del decoro urbano. I cittadini, i volontari e le Guardie Ecologiche di Legambiente hanno pulito il parco Enrico Berlinguer dal degrado accumulato negli ultimi mesi, soprattutto a causa dello sgombro delle Reggiane, che ha spinto le persone ai margini della società nel parco stesso.
"Le aree verdi sono per noi estremamente importanti" - dichiara Bokar Diop, Presidente di Legambiente Reggio Emilia - "non solo perché hanno una funzione estetica ad ambientale ma anche perché sono fondamentali per garantire benessere psicofisico alle persone, rappresentano un punto di ristoro e un biglietto da visita della città per tutti coloro che arrivano a Reggio. Quindi massimo impegno per rendere i parchi della città ancora migliori, insieme all'amministrazione comunale ed ai cittadini". E così è stato. Sono stati segnalati e tolti dall'ambiente, nel vero senso della parola, talmente tanti rifiuti da riempire ben diciotto sacchi di rifiuti indifferenziati. Ma non solo. Sono stati raccolti rifiuti ingombranti abbandonati, due materassi, un mobiletto, due sedie, coperte, bottiglie in plastica e vetro, fazzoletti sporchi, sportine e teloni di plastica, una tenda, bustine vuote di profilattici, vestiti, un ombrello, tegami, immondizia varia intorno a tre bivacchi, tantissimi pezzetti in plastica delle protezioni per gli alberi, che erano stati triturati dagli sfalci dell'erba, e molto altro.
Ci vuole un secondo per buttare un rifiuto nel cassonetto, 5 anni affinché un mozzicone con filtro si decomponga da solo se lasciato in natura, 100 anni nel caso di una lattina. Buttare i rifiuti a terra è come buttarli sul pavimento di casa nostra, dei nostri amici, dei nostri figli e nipoti… ogni rifiuto abbandonato a terra è lasciato ai nostri figli e nipoti, saranno loro a convivere con i nostri rifiuti sulla Terra che lasceremo loro. Legambiente Reggio Emilia sa che dai piccoli gesti possono nascere grandi cambiamenti, spera in un futuro migliore e conta su tutti i cittadini di buona volontà per lasciare un mondo più pulito.
Gli eventi di Legambiente Reggio Emilia presenti a Reggio e provincia, sono proseguiti domenica mattina a Correggio dove, in occasione della fiera di San Giuseppe, è stato allestito un banchetto. Le Guardie Ecologiche e Zoofile Volontarie ed  il Gruppo di Plogging della città hanno fornito informazioni sullo stato dell'ambiente e sugli abbandoni di rifiuti ai cittadini, esposto vari oggetti realizzati con materiale riciclato e svolto attività di educazione ambientale con adulti e bambini.

Il prossimo appuntamento di Legambiente Reggio Emilia si terrà domenica 3 aprile in occasione della seconda edizione di "Puliamo Salvaterra", verranno puliti i parchi e le vie del paese. Al termine è previsto un rinfresco per tutti i partecipanti. Ritrovo alle 9:30 al Parco del Liofante. Per ulteriori informazioni e restare aggiornati su tutte le attività e le iniziative di Legambiente Reggio Emilia scrivere a info@legambientereggioemilia.it o consultare le pagine Facebook e Instagram di Legambiente Reggio Emilia.