Reggio Emilia 27 settembre 2012

RIFIUTI ELETTRONICI E ALTRI MATERIALI ANCHE PERICOLOSI SEQUESTRATI DALLA FORESTALE – ORA E’ NECESSARIA UN’OPERAZIONE ANCHE POLITICA PER EVITARE IL TRAFFICO ILLECITO DI RIFIUTI NELLA NOSTRA PROVINCIA

“Dove vanno a finire i rifiuti delle nostre isole ecologiche ? Basta appostarsi subito dopo gli orari di chiusura, ad esempio in quelle cittadine, ma non solo, per vedere come agili personaggi entrano scavalcando le recinzioni e si approprino di vari materiali, fra cui rifiuti elettronici (i RAEE), motori di frigoriferi e lavatrici, ed altri con un certo valore economici o perchè rigenerabili o perchè contengono materiali preziosi, come i circuiti stampati dei computer o il rame degli avvolgimenti elettrici. In tal senso – dichiara Massimo Becchi presidente di Legambiente Reggio Emilia – abbiamo avviato da tempo una collaborazione diretta fra le nostre Guardie Ecologiche Volontarie e il Comando stazione di Reggio del Corpo Forestale dello Stato coordinato dall’ Ispettore Claudio Rossoli che ha portato nei giorni scorsi al sequestro di diverse strutture, a Reggio, in cui erano stati accumulati rifiuti di vario tipo e di dubbia provenienza, tutti sequestri convalidati dal GIP”.

In particolare è stato sequestrato un casolare in degli Azzarri, all’interno del quale sono stati trovati dagli uomini della Forestale frigoriferi, pezzi di autovetture, motori, marmitte, televisori, 300-400 pneumatici usati, lastre di coperture in eternit, oltre ad altro materiale misto come materassi, reti da letto, ecc. In via Napoli a Mancasale lo stesso destino è toccata ad un’area al cui interno è stato rinvenuto un autoarticolato con a bordo oltre 100 motori di frigoriferi, e nascosti nei frigoriferi quasi 150 batterie da autovetture. In via Cassala in un’area condominiale sono invece stati sottoposti a sequestro due furgoni senza targa al cui interno sono stati rinvenute batterie, frigo, stampanti e altro materiale elettronico.

“Tutti questi materiali – continua Becchi - sono oggetto di smaltimenti secondo procedure ben definite, visto che contengono gas pericolosi per l’ambiente, come i frigoriferi (molti dei quali hanno ancora i CFC, responsabili del buco dell’ozono), oppure metalli tossici come le batterie, comunque tutti destinati ad una filiera legata al recupero su piattaforme specializzate ed autorizzate. Quello che emerge è invece sempre più un mercato parallelo illegale di rifiuti con un certo valore economico che vengono spesso esportati in container all’estero per essere recuperati in condizioni ambientali a dir poco assurde, come hanno testimoniato i reportage di ritrovamenti in alcuni stati africani, con grossi problemi di salute per coloro che ne vengono a contatto.

“Queste attività rientrano appieno nella filosofia di Puliamo il Mondo, la nostra campagna annuale di pulizia del nostro territorio che si tiene in questi giorni: è anche questo un modo molto concreto per fare emergere un problema vero e molto importante, un traffico illecito di rifiuti ormai molto articolato sul territorio e che porta via risorse importanti ad aziende che li recuperano in modo lecito. E’ importante quindi implementare la collaborazione fra la nostra Associazione il comando di Reggio dell’Ispettore Rossoli, a cui va il nostro plauso, al fine di segnalare e perseguire queste situazioni, ma certamente vanno prese contromisure anche di ordine politico per arginare un fenomeno ormai noto da tempo di asportazione di materiali dalle isole ecologiche della nostra provincia, che in un momento di crisi come questo sono diventate oggetti di troppi furti”.

L’ufficio stampa: 348.7419763

 

Il Riciclo, mercatino del riuso di Legambiente

Legambiente RE effettuerà in Polveriera un mercatino del riuso chiamato "IL Riciclo". L'intento è quello di favorire una seconda vita agli oggetti e alle cose delle nostre case. Le date di quest'anno sono le seguenti:

Domencia 14 ottobre 2018 inizio iscrizione lunedi 17 settembre 2018 ore 20:00 e pagamento della quota (15 eur) entro venerdi 28 settembre ore 12:00

Domencia 11 novembre 2018 inizio iscrizione lunedi 15 ottobre 2018 ore 20:00 e pagamento della quota (15 eur) entro venerdi 26 ottobre ore 12:00 

Per iscriversi al mercatino mandare una mail a partire dalla data e ora segnalata come inizio iscrizione con la prenotazione indicando nome, cognome, numero di telefono e comune di residenza, tutto in una unica riga diviso da spazi, come da esempio di seguito,

ROSSI PAOLO 340/XXXXXXX CAVRIAGO (RE)

all'indirizzo:

mercatino@legambientereggioemilia.it

Le iscrizioni saranno accettate in ordine cronologico di arrivo a partire rigorosamente dalle ore 20:00:00. Sarà inviata risposta di accettazione, con le indicazioni organizzative, entro 24 ore.

Non si spedirà una mail per la non accettazione. Non saranno ammesse prenotazioni telefoniche. Con ogni mail è possibile prenotare una singola piazzola. Ogni persona può effettuare una sola iscrizione.

Sono ammessi al mercatino solo coloro che si presenteranno con una autovettura (per il trasporto di persone). Anche i mezzi di supporto, che poi dovranno uscire, dovranno essere autovetture. Non sarà ammesso un altro tipo di veicolo che non sia una autovettura.

Nel corso dell'anno non si può partecipare più di due volte come espositore.

Prezzo della piazzola euro 15, da pagare in anticipo al Loco bar presso il circolo colombofilo in via Mazzacurati, 30 nelle date sopra indicate. Le onls pagano 5 €. Orario di apertura del bar: dalle 6:30 alle 19:00 tutti giorni feriali e dalle 6:30 alle 12:00 i sabati.

I 15 eur si devono mettere in busta chiusa insieme al modulo di iscrizione compilato e fotocopia della carta d'identità. Il non pagamento comporta l'annullamento della prenotazione.


Comunicati Stampa

“Dai sopralluoghi delle nostre Guardie Ecologiche dei giorni scorsi – dichiara Massimo Becchi presidente di Legambiente Reggio Emilia – sono emersi nuovi abbandoni nelle campagne intorno alla città: di particolarmente consistente è da segnalare l’abbandono di circa una ventina fra televiosori a tubo catodico e monitor a Reggio in via C. Marx prima di Roncocesi, dove in una casa abbandonata poco distante sono stati rinvenuti una cinquantina di pneumatici, materassi ed altri rifiuti. In particolare molti di questi erano stati scaricati dentro una vecchia stalla, quindi occultati alla vista di esterni. Per non farsi mancare nulla, sempre in prossimità di questi abbandoni è stato utilizzato il ponte chiuso sul T. Modolena, che collega via Marx con via Berneri come discarica, scaricando i rifiuti anche nel torrente. E’ evidente che questi rifiuti sono stati scaricati da furgoni e non certo da autovetture. A norma di legge sarà a cura del proprietario bonificare l’area della casa colonica in disuso, così come si consiglia in generale la chiusura di carraie non più in uso e di abitazioni dismesse, visto che solo con operazioni di dissuasione energiche si possono evitare questi abbandoni”