Reggio Emilia 29 novembre 2012

RINNOVO DELLE CARICHE DELLA LEGAMBIENTE REGGIO EMILIA E DELLE SUE GUARDIE ECOLOGICHE – UN MOMENTO IMPORTANTE PER DISCUTERE DEGLI SCENARI AMBIENTALI CHE CI ASPETTANO NEI PROSSIMI ANNI

“Si terrà sabato 1 dicembre l’assemblea di rinnovo delle cariche del circolo Legambiente di Reggio – dichiara il presidente Massimo Becchi – un appuntamento molto importante per discutere con amministratori, esperti e soci di quanto è stato fatto negli ultimi due anni e delle sfide che avremo davanti. L’attenzione alle problematiche ambientali ha infatti subito una brusca frenata a seguito della crisi economica, che ha generato anche situazioni sociali complesse che spesso hanno avuto ripercussioni innegabili sull’ambiente. A controbilanciare questo fenomeno c’è stata una presa di coscienza delle possibilità offerte dalla green economy, come volano per riqualificare prodotti e processi produttivi e una brusca frenata nel consumo di suolo. L’assemblea di Legambiente si svolge ogni due anni circa, rispetto ai mandati di quattro anni degli altri circoli, proprio per permettere una maggiore discussione e un maggior ricambio anche dei volontari. Durante questa giornata saranno anche rinnovate le cariche delle nostre Guardie Ecologiche Volontarie, sempre di più sentinelle dell’ambiente, che stanno contribuendo con centinaia di segnalazioni, attività educative e sanzioni alla tutela ambientale della nostra provincia.”

Durante la mattinata si svolgerà un confronto sulle nuove sfide che ci aspettano con l’assessore alle risorse del territorio del Comune di Reggio Ugo Ferrari, con Stefano Tibaldi direttore di Arpa Emilia-Romagna, con Lorenzo Frattini presidente di Legambiente Emilia-Romagna, l’arch. Norberto Vaccari e Giacinto De Renzi responsabile del Servizio di Vigilanza Ambientale di Legambiente E-R.

La mattinata è aperta al pubblico e si terrà presso L’agriturismo Corte dei Landi in via Castello 33 a Cadè di Reggio Emilia.

Nel pomeriggio si procederà agli adempimenti statutari e al rinnovo delle cariche.

“Un’occasione molto importante – conclude Becchi – per i quasi 200 soci coinvolti in questo evento, per poter decidere il futuro dell’associazione che è presente a Reggio fin dal 1982”.

L’ufficio stampa: 348.7419763

 

Il Riciclo, mercatino del riuso di Legambiente

In considerazione delle nuove norme chi dovrebbero uscire a breva da parte della regione Emilia romagna riguardanti i mercatini del riuso, il nostro primo mercatino Il Riciclo al parcheggio della Polveriera nel 2020 si terrà domenica 17 maggio (previa autorizzazione da parte dell'amministrazione comunale di Reggio Emilia).

Tutti coloro che intendono partecipare al mercatino "Il Riciclo" di Legambiente Reggio Emilia devono REGISTRARSI preventivamente sul sito http://mercatini.legambientereggioemilia.it compilando i dati richiesti. Seguirà da parte di Legambiente la conferma della avvenuta registrazione. La registrazione - e solo questa- da la possibilità d'iscriversi ai mercatini alla data e ora di volta in volta stabiliti durante l'anno.

Comunicati Stampa

CONTROLLATI MOLTI CACCIATORI DALLE GUARDIE ECOLOGICHE DI LEGAMBIENTE NELLA PRIMA GIORNATA DI APERTURA ALL'ATTIVITA' VENATORIA ALLA FAUNA STANZIALE

Reggio Emilia, li 19 settembre 2021

Sono stati circa 90 i cacciatori controllati in quesa prima mattina di attività ventoria - dichiara Massimo Becchi presidente di Legambiente Reggio Emilia - alla fauna stanziale, ossia soprattutto fagiani e lepri, che ogni anno rappresenta un momento fondamentale per la ciaccia ma anche un momento delicato per la vigilanza sul territorio, in buona parte effettuata da volontari come le nostre Guardie Ecologiche. Con cinque squadre sono state controllate ampie porzioni di territorio sia nalla bassa reggiana, nella zona di Correggio, Reggio e Scandiano e in Val d'Enza. Se si esclude un caso isolato non sono state elevati verbali ed è stata buona la collaborazione dei cacciatori, in parte reggiani e in parte provenienti da fuori regione (soprattutto toscani). E' da rilevare - conclude Becchi - come rispetto agli anni passati dove il fagiano la faceva da padrone nel carniere, quest'anno ci sia stato una netta prevalenza di lepri abbattute, molto più presenti sul territorio dei volatili, che hanno accusato probabilmente un drastico calo legato anche alla prolungata siccità".

L'ufficio stampa: 348.7419763