QUEL PASTICCIACCIO DELLA LEGGE SULLA SENTIERISTICA LEGAMBIENTE ATTACCA LA NUOVA NORMATIVA SULL'ESCURSIONISMO
Reggio Emilia, li 8 Agosto 2013

COMUNICATO STAMPA


QUEL PASTICCIACCIO DELLA LEGGE SULLA SENTIERISTICA LEGAMBIENTE ATTACCA LA NUOVA NORMATIVA SULL'ESCURSIONISMO


La nuova legge regionale consente il transito dei mezzi a motore su sentieri, prati, mulattiere, praticamente ovunque: la decisione infatti è demandata ai singoli comuni, creando un'assurda situazione a “macchia di leopardo”. Eppure la legge era nata per tutelare i sentieri e gli escursionisti Una tutela dei sentieri a “macchia di leopardo”, questo il probabile scenario dopo l'approvazione in Regione della nuova legge sulla sentieristica. La normativa era nata con lo scopo di tutelare il paesaggio e gli escursionisti, ponendo in particolare una serie di vincoli al transito di mezzi a motore in territori delicati come i sentieri appenninici, è stata invece stravolta da emendamenti che ne hanno sostanzialmente invalidato l'utilità. “Spirito della legge – ha dichiarato Massimo Becchi presidente di Legambiente Reggio Emilia – non era tanto quello “punire” i mezzi a motore, quanto piuttosto di stabilire che percorsi non carrozzabili, quali ad esempio prati, sentieri, mulattiere e così via, dovessero essere tutelati, sia per proteggere il paesaggio che per garantire agli escursionisti di percorrere i sentieri all'interno dei boschi in sicurezza. Si è voluto invece far passare l'idea che la legge vietasse a tutti i mezzi a motore di percorrere l'appennino, puntando quindi a far saltare qualunque forma di regolamentazione del passaggio sui percorsi escursionistici”. Il passaggio di mezzi a motore, in particolare moto e “quad”, lungo i sentieri e attraverso i boschi, oltre a rappresentare un potenziale pericolo per gli escursionisti, crea infatti solchi che con la pioggia diventano veri e propri canaloni. La legge, nella sua impostazione iniziale, avrebbe dovuto stabilire che questi sentieri erano percorribili solo da escursionisti e mountain bike, un turismo a basso impatto ambientale e a forte valenza culturale e salutistica, ma in seguito alle pressioni delle lobby motoristiche, e di sindaci evidentemente più interessati al piccolo introito derivante da raduni e manifestazioni motoristiche che alla tutela dei propri cittadini e del territorio, tutto questo è stato fortemente annacquato nella formulazione finale della legge. “Ora spetta ai sindaci decidere se interdire o meno il passaggio ai mezzi a motore sui sentieri del proprio comune – ha commentato Massimo Becchi – arriviamo quindi al paradosso di una legge regionale, che in teoria dovrebbe stabilire una normativa unica per tutto il territorio, che lascia ad ogni sindaco la discrezionalità di intervento. In pratica, lo stesso sentiero, nel momento in cui attraversa un confine comunale, potrebbe passare da un itinerario protetto, in cui gli escursionisti si possono muovere in tutta sicurezza, ad un percorso di motocross, in altre parole un sentiero fangoso in cui è pericoloso muoversi a piedi”. In compenso la legge stabilisce che la cartellonistica deve essere adeguata alle norme stabilite dalla regione. In altre parole, potrebbe essere garantita la possibilità di percorrere con moto da cross qualunque sentiero, mulattiera, prato appenninico, ma in compenso potrebbero essere passibili di multa gruppi di escursionisti, un'associazione di volontariato o dei semplici cittadini che realizzino un pannello informativo per segnalare un'area di interesse naturalistico storico-culturale, architettonico ecc. senza chiedere l'autorizzazione regionale. Legambiente si unisce perciò al CAI nel condannare questa legge, che anziché tutelare il paesaggio e gli escursionisti sembra fare esattamente il contrario. D'ora in poi in Appennino, se il sindaco lo consente, ognuno potrà fare come gli pare, tranne gli escursionisti.

L’ufficio stampa. 348.7419763

 

Il Riciclo, mercatino del riuso di Legambiente

In considerazione delle nuove norme chi dovrebbero uscire a breva da parte della regione Emilia romagna riguardanti i mercatini del riuso, il nostro primo mercatino Il Riciclo al parcheggio della Polveriera nel 2020 si terrà domenica 17 maggio (previa autorizzazione da parte dell'amministrazione comunale di Reggio Emilia).

Tutti coloro che intendono partecipare al mercatino "Il Riciclo" di Legambiente Reggio Emilia devono REGISTRARSI preventivamente sul sito http://mercatini.legambientereggioemilia.it compilando i dati richiesti. Seguirà da parte di Legambiente la conferma della avvenuta registrazione. La registrazione - e solo questa- da la possibilità d'iscriversi ai mercatini alla data e ora di volta in volta stabiliti durante l'anno.

Comunicati Stampa

“Probabilmente dovremo rassegnarci ancora a conviverci per molti anni con questo fenomeno – dichiara Massimo Becchi presidente di Legambiente Reggio Emilia – se anche nell’anno del lockdown (il 2020 appunto) i livelli delle polveri fini hanno fatto registare 61 sforamenti nella centralina di Viale Timavo a Reggio del limite consentito della concentrazione di 50 microgrammi/metro cubo. Come per gli anni precedenti gli unici fattori che riducono e dedidono i livelli di inquinanti nel bacino padano sono il rimescolamento dell’aria dovuto ai venti e la pulizia della stessa per la pioggia. A seconda di questi due fenomeni si alzano e abbassano i livelli delle polveri".

Se leggiamo i dati degli ultimi 10 anni infatti l’unica correlazione possibile resta quella del meteo, mentre sono del tutto ininfluenti le misure di contenimento proposte dagli enti pubblici sia alivello regionale che locale: l’abbiamo visto durante il periodo del confinamento primaverile, dove nonostante il bassissimo livello di traffico veicolare si sono registrati casi di superamento della soglia consentita. Se alcuni inquinanti in questo periodo si erano molto ridotti (come ossidi di azoto e benzene) altri hanno avuto andamenti diversi, come l’ammoniaca, generata soprattutto dall’agricoltura, settore non toccato dal confinamento e le stesse polveri fini, che hanno risentito in negativo del maggior uso del riscaldamento domestico e dell’uso delle biomasse, facendo registare casi di superamento della soglia consentita. L’origine mista delle PM10, derivata da fonti primarie e secondarie, ha risentito infatti negativamente di condizioni di stabilità atmosferica, che generano un ristagno degli inquinanti.

Di questa pochezza delle politiche ambientali sulla qualità dell’aria nel bacino padano se ne è accorta anche la Corte di Giustizia dell’UE che a novembre ha condannato l’Italia poiché i valori limite del Pm10 sono stati superati in maniera "sistematica e continuata" tra il 2008 e il 2017 e non sono stati presi provvedimenti efficaci.

“Piantare alberi come si sta facendo anche a Reggio è certamente utile e importante – conclude Becchi – ma rischia di essere solo una goccia nel mare se non si interviene con politiche sul clima molto più incisive e radicali, utilizzando anche i finanziamenti del Recovery Fund, che rendano il Paese più moderno, sicuro e vivibile, riducendo le emissioni in atmosfera dei settori trasporti, industria, edilizia e agricoltura ed investendo maggiormente sull’efficientamento energetico. Solo in questo modo si potrà avere un bacino padano che possa dare ai suoi cittadini una qualità dell’aria accettabile, senza costringerli a dovere aspettare solo il vento e la pioggia come accaduto in questi ultimi anni”.

L’ufficio stampa: 348.7419763