QUEL PASTICCIACCIO DELLA LEGGE SULLA SENTIERISTICA LEGAMBIENTE ATTACCA LA NUOVA NORMATIVA SULL'ESCURSIONISMO
Reggio Emilia, li 8 Agosto 2013

COMUNICATO STAMPA


QUEL PASTICCIACCIO DELLA LEGGE SULLA SENTIERISTICA LEGAMBIENTE ATTACCA LA NUOVA NORMATIVA SULL'ESCURSIONISMO


La nuova legge regionale consente il transito dei mezzi a motore su sentieri, prati, mulattiere, praticamente ovunque: la decisione infatti è demandata ai singoli comuni, creando un'assurda situazione a “macchia di leopardo”. Eppure la legge era nata per tutelare i sentieri e gli escursionisti Una tutela dei sentieri a “macchia di leopardo”, questo il probabile scenario dopo l'approvazione in Regione della nuova legge sulla sentieristica. La normativa era nata con lo scopo di tutelare il paesaggio e gli escursionisti, ponendo in particolare una serie di vincoli al transito di mezzi a motore in territori delicati come i sentieri appenninici, è stata invece stravolta da emendamenti che ne hanno sostanzialmente invalidato l'utilità. “Spirito della legge – ha dichiarato Massimo Becchi presidente di Legambiente Reggio Emilia – non era tanto quello “punire” i mezzi a motore, quanto piuttosto di stabilire che percorsi non carrozzabili, quali ad esempio prati, sentieri, mulattiere e così via, dovessero essere tutelati, sia per proteggere il paesaggio che per garantire agli escursionisti di percorrere i sentieri all'interno dei boschi in sicurezza. Si è voluto invece far passare l'idea che la legge vietasse a tutti i mezzi a motore di percorrere l'appennino, puntando quindi a far saltare qualunque forma di regolamentazione del passaggio sui percorsi escursionistici”. Il passaggio di mezzi a motore, in particolare moto e “quad”, lungo i sentieri e attraverso i boschi, oltre a rappresentare un potenziale pericolo per gli escursionisti, crea infatti solchi che con la pioggia diventano veri e propri canaloni. La legge, nella sua impostazione iniziale, avrebbe dovuto stabilire che questi sentieri erano percorribili solo da escursionisti e mountain bike, un turismo a basso impatto ambientale e a forte valenza culturale e salutistica, ma in seguito alle pressioni delle lobby motoristiche, e di sindaci evidentemente più interessati al piccolo introito derivante da raduni e manifestazioni motoristiche che alla tutela dei propri cittadini e del territorio, tutto questo è stato fortemente annacquato nella formulazione finale della legge. “Ora spetta ai sindaci decidere se interdire o meno il passaggio ai mezzi a motore sui sentieri del proprio comune – ha commentato Massimo Becchi – arriviamo quindi al paradosso di una legge regionale, che in teoria dovrebbe stabilire una normativa unica per tutto il territorio, che lascia ad ogni sindaco la discrezionalità di intervento. In pratica, lo stesso sentiero, nel momento in cui attraversa un confine comunale, potrebbe passare da un itinerario protetto, in cui gli escursionisti si possono muovere in tutta sicurezza, ad un percorso di motocross, in altre parole un sentiero fangoso in cui è pericoloso muoversi a piedi”. In compenso la legge stabilisce che la cartellonistica deve essere adeguata alle norme stabilite dalla regione. In altre parole, potrebbe essere garantita la possibilità di percorrere con moto da cross qualunque sentiero, mulattiera, prato appenninico, ma in compenso potrebbero essere passibili di multa gruppi di escursionisti, un'associazione di volontariato o dei semplici cittadini che realizzino un pannello informativo per segnalare un'area di interesse naturalistico storico-culturale, architettonico ecc. senza chiedere l'autorizzazione regionale. Legambiente si unisce perciò al CAI nel condannare questa legge, che anziché tutelare il paesaggio e gli escursionisti sembra fare esattamente il contrario. D'ora in poi in Appennino, se il sindaco lo consente, ognuno potrà fare come gli pare, tranne gli escursionisti.

L’ufficio stampa. 348.7419763

 

Il Riciclo, mercatino del riuso di Legambiente

Si svolgerà domenica 13 ottobre a partire dalle ore 7:30 e per tutta la giornata il mercatino del riuso domestico "il Riciclo"  al parcheggio ex polveriera (piazzale Reverberi) a Reggio Emilia, un'iniziativa che riscuote sempre molto successo e che Legambiente Reggio Emilia segue dal 2015 e che ha permesso di recuperare e riciclare moltissimi oggetti di cui le persone non hanno più bisogno: saranno presenti circa 170 espositori con oggettistica varia, abiti, arredi, libri, giocattoli e molto altro. Per l'occasione un breve tratto di Viale Olimpia sarà chiusa al traffico per permettere lo svolgimento dell'evento.

_____________________________________________

NUOVO METODO PER PARTECIPARE AL MERCATINO "IL RICICLO DI LEGAMBIENTE.
(con inizio dal mercatino che si terrà domenica 10 novembre)

Tutti coloro che intendono partecipare al mercatino "Il Riciclo" di Legambiente Reggio Emilia devono REGISTRARSI preventivamente sul sito http://mercatini.legambientereggioemilia.it compilando i dati richiesti. Seguirà da parte di Legambiente la conferma della avvenuta registrazione. La registrazione - e solo questa- da la possibilità d'iscriversi ai mercatini alla data e ora di volta in volta stabiliti durante l'anno. Nel momento di apertura dell'iscrizione accedendo alla propria pagina riservata si potrà decidere se partecipare o meno cliccando sull'apposito pulsante.

_____________________________________________

Il prossimo mercatino "Il Riciclo" di Legambiente sarà DOMENICA 10 NOVEMBRE 2019, con apertura delle iscrizioni LUNEDI' 21 OTTOBRE ALLE ORE 20:00:00.

Il pagamento (20 €) deve essere effettuato entro mercoledì 30 ottobre ore 19 presso la sede di Legambiente Reggio Emilia in via Mazzacurati 11. Sarà rilasciata apposita ricevuta.

Apertura sede Legambiente: martedì 29 e mercoledì 30 ottobre dalle 16 alle 19.

In alternativa si può effetuare con bonifico bancario:
- Eseguire bonifico bancario Codice IBAN: IT 59 T 07072 12801 054130150400 (Banca di Credito Cooperativo Banco Emiliano, Reggio Emilia) all'ordine  di Legambiente Reggio Emilia

Nel caso in cui non verrà effettuato il pagamento in tempo utile, non si verrà accettati all'interno del mercatino.

Le associazioni onlus pagheranno € 5 per lo spazio espositivo, esibendo al momento del pagamento una dichiarazione su carta intestata ed esponendo sul banchetto le insegne associative.

In via del tutto eccezionale e occasionale si può avere una eventuale ulteriore vettura (massimo una per piazzola)  per lo scarico merci che  poi dovrà  essere spostata all'esterno del mercatino e non avrà costo aggiuntivo.

Il mercatino del Riuso di Legambiente è riservato solo a privati cittadini.

IMPORTANTE: SONO AMMESI AL MERCATINO SOLO COLORO CHE SI PRESENTANO CON UNA AUTOVETTURA (PER IL TRASPORTO DI PERSONE). Anche il mezzo di supporto, che poi  dovrà uscire. Non sono accettati veicoli destinati al commercio o con scritte di imprese commerciali (che eventualmente andranno coperte).

Si torna a far presente che l’eventuale esposizione di roba nuova, valutata tale da nostra Guardie Ecologiche, comporta l’immediato  allontanamento  dal mercatino.

Gli espositori possono partecipare al mercatino del riuso (Il Riciclo) solo due volte nel corso dell’anno (ci saranno controlli accurati).

 

Per essere vicini a parenti amici presentarsi all'ingresso uno dietro all'altro.

Comunicati Stampa

La piantumazione della prossima domenica  17 novembre al Parco Acque Chiare è stata spostata a domenica 1 dicembre

Purtroppo le piogge di inizio settimana e le caratteristiche del terreno (in quella zona ci sono i fontanili) impediscono di poter fare i buchi per i nuovi alberi, quindi la data viene rimandata indipendentemente delle previsioni meteo del weekend.

Prossima domenica 17 novembre Il prossimo 1 dicembre il Comune di Reggio, tramite del Centro di Educazione Ambientale (Ceas), di cui fanno parte Legambiente e Wwf, ha chiesto il nostro contributo per coordinare una piantumazione al parco pubblico delle Acque Chiare (dista poche centinaia di metri in linea d'aria dalla nostra sede, dall'altra parte della ferrovia). Dovremo suddividerci e coordinare i vari gruppi di cittadini che si presenteranno per piantumare circa un migliaio di piante presenti in loco in buche già predisposte da una ditta.

L'appuntamento sarà alle ore 9:00 nella bancarella informativa che gestirà la nostra associazione in via Cugini. La nostra funzione è appunto aiutare le famiglie che arriveranno all'evento e per divulgare le nostre future iniziative.


Chi desidera partecipare – e tutti sono invitati a farlo – può ottenere informazioni o comunicare la propria adesione rivolgendosi alla nostra segreteria.