Salvaguardia Beni Culturali

eggio Emilia, li 20.06.2014

COMUNICATO STAMPA

SETTIMANA DELLA PROTEZIONE CIVILE – I VOLONTARI DI LEGAMBIENTE METTONO IN SICUREZZA OPERE PITTORICHE E ARREDI SACRI A CORREGGIO

I volontari del circolo Legambiente Reggio Emilia nella giornata del 14 giugno scorso, in occasione della Settimana della Protezione Civile, hanno dato vita a due momenti di Salvaguardia del patrimonio culturale a Correggio mettendo in sicurezza due opere pittoriche e diversi oggetti sacri. Nata come esercitazione del gruppo per la salvaguardia del Patrimonio Culturale del Coordinamento delle Organizzazioni di Volontariato di Reggio Emilia in collaborazione con il Museo Il Correggio, di fatto si è trattata di una operazione di messa in sicurezza e trasporto vera e propria, suddivisa in due fasi: un primo momento è stato dedicato al trasporto (in sicurezza e scortati dalla Polizia Municipale) di due opere pittoriche del ‘600 aventi un ingombro di circa 2 metri per 3,5 fino al Museo Il Correggio, dove sono state sistemate all’interno delle sale espositive a cura dei volontari con la supervisione del direttore del museo, dott. Gabriele Fabbrici, per poter essere ammirate da tutta la cittadinanza. Le due opere erano custodite all’interno del Convitto Corso e sono in ottimo stato di conservazione, ma non erano visitabili liberamente dalla popolazione. Un secondo momento, invece, è stato dedicato all’adiacente chiesa di San Giuseppe Calasanzio, abbandonata da diversi anni, tanto che diversi cittadini, vedendo la porta aperta, si sono fermati per sbirciare e commentare con un “non l’avevo mai vista aperta questa chiesa” oppure con “è da una vita che non ci entro, non me la ricordavo più”. I volontari si sono adoperati per spolverare, catalogare e preparare al trasporto diversi oggetti facenti parte degli arredi sacri presenti all’interno della sagrestia, per poi trasportarli in un deposito sicuro.

Questo gruppo di volontari di Legambiente è nato diversi anni fa all’interno dell’ Associazione e fino a poco tempo fa aveva operato al di fuori del territorio provinciale, in collaborazione con altre realtà sparse per l’Italia; da qualche anno, prima in regione e poi all’interno del Coordinamento Provinciale è stata attivata la funzione dedicata alla salvaguardia del patrimonio culturale e sono stati formati anche altri volontari aderenti a diverse associazioni, da cui è nato il gruppo provinciale.

L’Ufficio stampa: 348.7419763

 

Il Riciclo, mercatino del riuso di Legambiente

In considerazione delle nuove norme chi dovrebbero uscire a breva da parte della regione Emilia romagna riguardanti i mercatini del riuso, il nostro primo mercatino Il Riciclo al parcheggio della Polveriera nel 2020 si terrà domenica 17 maggio (previa autorizzazione da parte dell'amministrazione comunale di Reggio Emilia).

Tutti coloro che intendono partecipare al mercatino "Il Riciclo" di Legambiente Reggio Emilia devono REGISTRARSI preventivamente sul sito http://mercatini.legambientereggioemilia.it compilando i dati richiesti. Seguirà da parte di Legambiente la conferma della avvenuta registrazione. La registrazione - e solo questa- da la possibilità d'iscriversi ai mercatini alla data e ora di volta in volta stabiliti durante l'anno.

Comunicati Stampa

CONTROLLATI MOLTI CACCIATORI DALLE GUARDIE ECOLOGICHE DI LEGAMBIENTE NELLA PRIMA GIORNATA DI APERTURA ALL'ATTIVITA' VENATORIA ALLA FAUNA STANZIALE

Reggio Emilia, li 19 settembre 2021

Sono stati circa 90 i cacciatori controllati in quesa prima mattina di attività ventoria - dichiara Massimo Becchi presidente di Legambiente Reggio Emilia - alla fauna stanziale, ossia soprattutto fagiani e lepri, che ogni anno rappresenta un momento fondamentale per la ciaccia ma anche un momento delicato per la vigilanza sul territorio, in buona parte effettuata da volontari come le nostre Guardie Ecologiche. Con cinque squadre sono state controllate ampie porzioni di territorio sia nalla bassa reggiana, nella zona di Correggio, Reggio e Scandiano e in Val d'Enza. Se si esclude un caso isolato non sono state elevati verbali ed è stata buona la collaborazione dei cacciatori, in parte reggiani e in parte provenienti da fuori regione (soprattutto toscani). E' da rilevare - conclude Becchi - come rispetto agli anni passati dove il fagiano la faceva da padrone nel carniere, quest'anno ci sia stato una netta prevalenza di lepri abbattute, molto più presenti sul territorio dei volatili, che hanno accusato probabilmente un drastico calo legato anche alla prolungata siccità".

L'ufficio stampa: 348.7419763