Reggio Emilia 22 febbraio 2009

DOVE SONO FINITE LE ASSOCIAZIONI AMBIENTALISTE - GIUSTA LA PROTESTA A SCANDIANO CONTRO IL TAGLIO DEGLI ALBERI

"Riqualificazioni non corrisponde necessariamente a tagliare - dichiara Massimo Becchi presidente di Legambiente Reggio Emilia - cosa che invece in molte amministrazioni pare essere un binomio indissolubile. Se per alcuni interventi il taglio degli alberi è giustificabile, soprattutto dove le piante erano state messe a dimora a casaccio, troppo fitte e presentano problemi fitopatologici, in altri spesso si preferisce azzerare e poi ripartire da capo. Ogni caso va valutato singolarmente ma è chiaro che il taglio di piante di una cinquantina d'anni va valutato attentamente, anche se non sono tipiche dei nostri climi, come i cedri. Sono comunque il frutto di un momento storico, nel dopoguerra in cui erano preferite le sempreverdi alle caducifoglie, perchè non sporcavano e perchè la moda era quella cosa che si è protratta fino agli anni '70, che hanno riempito i nostri paesi e le nostre città di pini, abeti, cipressacee e cedri. Va inoltre valutata la memoria storica dei luoghi, spesso legata proprio al ricordo di manufatti e alberi. In questo senso non siamo d'accordo sull'operazione del Comune, che già in altre piazze ha scelto la strada del rinnovamento totale, abbattendo in toto le alberature presenti, con vari pretesti." "Ma dove sono finiti gli ambientalisti? Questa è una questione diversa: da una parte vengono chiamati per risolovere dei problemi (sempre per il giorno dopo e urgenti) e dall' altra, per il resto dell'anno, che si arrangino. Gli ambientalisti operano quando lo ritengono opportuno, non su chiamata di uno pseudopolitico o dell'altro, tanto meno di un amministrato o di un assessore comunale. Essendo volontari hanno piena autonomia di pensiero e d'azione. E quello che fanno lo fanno perchè spesso informati dai cittadini, cosa che in questo caso non è avvenuta. L'altra faccia della medaglia è la scomparsa dal territorio reggiano dell'ambientalismo - continua Becchi - che vede ormai perlopiù solo associazioni che vanno a soldi o che hanno il marchietto nazionale, ma che non rappresentano che una persona o poco più. A questo si affianca che molte di loro hanno figliato delle cooperative, che rende impossibile capire se di volta in volta opera la cooperativa a fine di lucro o l'associazione, o peggio l'associazione è utilizzata per accapparrarsi affari da enti pubblici. Un quadro comunque desolante soprattutto per noi che ormai siamo chiamati in causa quotidianamente in tutte le parti della provincia, spesso anche giustamente e per questioni ambientali vere e serie."

L'ufficio stampa: 348-7419763

 

Il Riciclo, mercatino del riuso di Legambiente

In considerazione delle nuove norme chi dovrebbero uscire a breva da parte della regione Emilia romagna riguardanti i mercatini del riuso, il nostro primo mercatino Il Riciclo al parcheggio della Polveriera nel 2020 si terrà domenica 17 maggio (previa autorizzazione da parte dell'amministrazione comunale di Reggio Emilia).

Tutti coloro che intendono partecipare al mercatino "Il Riciclo" di Legambiente Reggio Emilia devono REGISTRARSI preventivamente sul sito http://mercatini.legambientereggioemilia.it compilando i dati richiesti. Seguirà da parte di Legambiente la conferma della avvenuta registrazione. La registrazione - e solo questa- da la possibilità d'iscriversi ai mercatini alla data e ora di volta in volta stabiliti durante l'anno.

Comunicati Stampa

Solo nell’ultimo weekend dai sopralluoghi delle nostre Guardie Ecologiche – dichiara Massimo Becchi presidente di Legambiente Reggio Emilia – sono emersi due nuovi abbandoni nelle campagne intorno alla città, di particolare gravità visto che si tratta di rifiuti speciali e di ritrovamento di diversi sacchi contenente cartongesso, abbandonati nell’alveo del torrente Crostolo in località Cadelbosco di Sopra. Per non farsi mancare nulla, in prossimità di Casa Manfredi a Villa Sesso durante una attività di plogging sono stati rinvenuti 30 sacchi contenuti scarti edili. E’ evidente che questi rifiuti sono stati scaricati da furgoni e non certo da autovetture. In questi casi le nostre Guardie Ecologiche hanno verificato l’eventuale presenza di elementi atti a rintracciare i responsabili e poi segnalato agli organi competenti. Non sono mancate le sorpese al parco del Mauriziano, da poco oggetto di pulizia, dove, oltre alla ormai immancabili sinringhe, è stata rinvenuta una pistola scacciacani e dei sex toys.

A fronte di queste situazione si è registrato nelle ultime settimane un aumento esponenziale delle iniziative di pulizia da parte dei cittadini, che armati di sacchetti e guanti, da soli o in piccoli gruppi, hanno raccolto rifiuti in tutta la provincia: un’iniziativa lodevole che a Reggio in particolare si scontra però con l’impossibilità di conferire questi rifiuti nelle isole ecologiche a seguito del nuovo sistema di tariffazione puntuale dei rifiuti indifferenziati e del conseguente divieto da parte dei cittadini di portare i sacchi di ingombranti nelle isole ecologiche, con il rischio che poi quanto raccolto resti a lungo a bordo strada.

Per tutelare il nostro territorio resta fondamentale la collaborazione con i cittadini, che frequentano luoghi solitamente non controllati dalla normale vigilanza. Per le segnalazioni si può chiamare il n° 0522.431166 o scrivere a info@legambientereggioemilia.it