Reggio Emilia 20 novembre 2012

TORNA LA FESTA DELL’ALBERO – NELLE SCUOLE SI PIANTANO ALBERI E CESPUGLI – DUE ULIVI SARANNO MESSI A DIMORA PER LA CAMPAGNA NAZIONALE L’ITALIA SONO ANCH’IO

Tra le giornate di mercoledì 21 e venerdì 23 novembre, Legambiente Reggio Emilia sarà presente in vari paesi della provincia e nel Comune di Reggio per colorare di verde gli angoli grigi dei nostri centri urbani.

Piantare un albero è un gesto d’amore e di fiducia nel futuro. Un’azione generosa che porterà benefici a tutti. È questo il messaggio che Legambiente lancerà in occasione della 18esima edizione della Festa dell’Albero, in programma il 21 novembre in tutta Italia. Un’edizione che vuole promuovere la co-gestione delle aree verdi urbane, sollecitando amministrazioni ed enti ad affidare questi spazi ad associazioni e cittadini che ne fanno richiesta, seguendone poi insieme la gestione.

“In particolare a Reggio e provincia - dichiara Massimo Becchi Presidente di Legambiente Reggio Emilia - saremo presenti in diverse scuole, a partire da domani e fino a venerdì tanti bambini e ragazzi saranno alle prese con piccole guanti, terra, palette e piantine. Le prime iniziative previste si terranno nelle scuole elementari di Casina e Pavullo e alla Zibordi di Reggio, dove oltre che a piantare diversi ortaggi e piante aromatiche, quella della Festa dell’albero sarà l’occasione per lanciare un chiaro messaggio rivolto ai bambini nati in Italia ma non considerati cittadini italiani. Legambiente ha infatti aderito a livello nazionale alla campagna nazionale per il riconoscimento della cittadinanza italiana ai nati da genitori stranieri sul nostro territorio nazionale “L’Italia sono anch’io”, e per l’occasione saranno gli ulivi metafora della convivenza fra le diverse cittadinanze, piante non proprio tipiche del nostri clima, ma che accuratamente allevate e curate possono benissimo vivere insieme alle altre piante autoctone”

L’iniziativa si terrà domani 21 novembre alla scuola Zibordi in viale Montegrappa a Reggio alla presenza dell’Assessore alla Coesione e Sicurezza Sociale Franco Corradini e giovedì 22 novembre alla scuola Carducci alla presenza del Vice Sindaco Filomena De Sciscio.

L’ufficio stampa: 348.7419763

 

Il Riciclo, mercatino del riuso di Legambiente

In considerazione delle nuove norme chi dovrebbero uscire a breva da parte della regione Emilia romagna riguardanti i mercatini del riuso, il nostro primo mercatino Il Riciclo al parcheggio della Polveriera nel 2020 si terrà domenica 17 maggio (previa autorizzazione da parte dell'amministrazione comunale di Reggio Emilia).

Tutti coloro che intendono partecipare al mercatino "Il Riciclo" di Legambiente Reggio Emilia devono REGISTRARSI preventivamente sul sito http://mercatini.legambientereggioemilia.it compilando i dati richiesti. Seguirà da parte di Legambiente la conferma della avvenuta registrazione. La registrazione - e solo questa- da la possibilità d'iscriversi ai mercatini alla data e ora di volta in volta stabiliti durante l'anno.

Comunicati Stampa

CONTROLLATI MOLTI CACCIATORI DALLE GUARDIE ECOLOGICHE DI LEGAMBIENTE NELLA PRIMA GIORNATA DI APERTURA ALL'ATTIVITA' VENATORIA ALLA FAUNA STANZIALE

Reggio Emilia, li 19 settembre 2021

Sono stati circa 90 i cacciatori controllati in quesa prima mattina di attività ventoria - dichiara Massimo Becchi presidente di Legambiente Reggio Emilia - alla fauna stanziale, ossia soprattutto fagiani e lepri, che ogni anno rappresenta un momento fondamentale per la ciaccia ma anche un momento delicato per la vigilanza sul territorio, in buona parte effettuata da volontari come le nostre Guardie Ecologiche. Con cinque squadre sono state controllate ampie porzioni di territorio sia nalla bassa reggiana, nella zona di Correggio, Reggio e Scandiano e in Val d'Enza. Se si esclude un caso isolato non sono state elevati verbali ed è stata buona la collaborazione dei cacciatori, in parte reggiani e in parte provenienti da fuori regione (soprattutto toscani). E' da rilevare - conclude Becchi - come rispetto agli anni passati dove il fagiano la faceva da padrone nel carniere, quest'anno ci sia stato una netta prevalenza di lepri abbattute, molto più presenti sul territorio dei volatili, che hanno accusato probabilmente un drastico calo legato anche alla prolungata siccità".

L'ufficio stampa: 348.7419763